CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Nuovo disco per gli Aristocrats
Nuovo disco per gli Aristocrats
di [user #116] - pubblicato il

Gli Aristocrats annunciano il loro terzo album in studio. Uscirà a fine giugno e il titolo sarà Tres Caballeros. Guthrie Govan ci anticipa che il disco segnerà un cambio di rotta della band che, pervasa dallo spirito totalmente rock'n'roll di Led Zeppelin e Van Halen, è intenzionata a sperimentare e osare più che mai nella produzione artistica dell'album.
Gli Aristocrats annunciano il loro terzo album in studio. Uscirà a fine giugno e il titolo sarà Tres Caballeros. Il disco conterrà nove tracce che -a detta della band -presenteranno una nuova ed evoluta identità artistica degli Aristocrats e una profondità e complessità sonora superiore rispetto ai dischi passati. Nei due precedenti lavori Aristocrats e Culture Clash, Guthrie Govan, Bryan Beller e Marco Minnemann avevano, infatti, cercato di fotografare nella maniera più fedele possibile la loro attitude live da power trio. Ora però, la direzione artistica della band è cambiata come spiega Guthrie Govan: “Con questo disco abbiamo voluto osare maggiormente, svincolandoci dall’esigenza di suonare necessariamente come un trio ripreso dal vivo. Per questo abbiamo sperimentato molto di più con le sovra incisioni e gli overdubs. Inoltre, prima di iniziare le registrazioni, abbiamo deciso di testare live durante una serie di concerti, il materiale del nuovo disco lasciando che le reazioni del pubblico ci condizionassero.” Altro elemento decisivo è stato la scelta di registrare il disco in California, presso i leggendari Sunset Sound studios di Hollywood dove band come Led Zeppelin, Rolling Stones e Van Halen hanno inciso album memorabili. Continua Govan: “Registrare in questi studi ci ha radicalmente condizionato; ci ha dato un’influenza totalmente rock’n’roll. Questo spirito ci ha permesso di mantenere quel nostro tratto distintivo di band fusion che non vuole mai prendersi troppo sul serio!”
Nel frattempo la band ha annunciato la partenza di un imponente tour americano che tra luglio e agosto li terrà impegnati per quasi cinquanta date.

Nuovo disco per gli Aristocrats
the aristocrats
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
Tama HP200P - pedale cassa Iron Cobra 200 - singolo
di Dream Music Studio
 € 63,00 
 
Samson Servo 120A
di Banana Music Store
 € 208,00 
 
D ADDARIO - EXL 170/5 45-130 set corde basso completo EXL 170-5 45-130
di Music Works
 € 33,00 
 
KORG HA-40 Hawaiian
di Banana Music Store
 € 18,90 
 
Sigma BMC-15E
di Banana Music Store
 € 590,00 
 
Oqan QMD50 Stage
di Banana Music Store
 € 52,90 
 
LINE6 - POWERCAB 112 PLUS MODELER SPEAKER FRFR
di Music Works
 € 780,00 
 
HEADRUSH PEDALBOARD
di Boxguitar.com
 € 859,00 
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

Grande band ma...
di Repsol [user #30201]
commento del 30/03/2015 ore 18:23:42
In bocca al lupo per il nuovo album!! Nella speranza che (riportando le parole di Stefano Tavernese su Chitarre Marzo-Aprile) riescano a "consolidare un posto nel mondo della musica scrivendo qualcosa che valga la pena di ricordare".
Non è detto che questa sia la loro mission, ma per essere messi lassù, con Rolling Stones, Led Zeppelin e tutti quelli da cui stanno traendo ispirazione, dovrebbero imho smussare un po i virtuosismi e privilegiare il groove.
Larry Carlton ripete spesso: "quando io suono mi chiedo sempre se quello che sto facendo oltre a me possa piacere anche a chi mi ascolta"...
Rispondi
Re: Grande band ma...
di geronimetto [user #37297]
commento del 31/03/2015 ore 03:41:14
Sono d'accordo.
Personalmente li trovo bravissimi e funambolici, però dopo un po' mi stufo.
A me danno la sensazione (ma è un mio giudizio) di dimostrare costantemente tutta la loro bravura e di non andare davvero a fondo nell'esplorazione melodica.
Una lunga, spettacolare introduzione ad un brano che non inizia mai.

Larry Carlton mi coinvolge molto di più.
Rispondi
Grandi!
di Rothko61 [user #32606]
commento del 31/03/2015 ore 12:29:33
Ho tutti i loro dischi e non mi farò mancare neanche questo, anche se la dimensione "live" è quella in cui questi tre mostri si esprimono meglio.
Non vedo l'ora che tornino a suonare dalle nostre parti (intanto ieri sera mi sono visto Govan e Minneman, che erano a Milano con Steven Wilson ed hanno confermato di essere musicisti tanto eclettici quanto bravi)
Rispondi
Altro da leggere
The Aristocrats congelati sul palco
The Aristocrats: “Prima ci fissavano le mani, ora la gente canta con noi”
The Aristocrats: “la nostra storia migliore? La raccontiamo coi nostri strumenti!”
The Aristocrats: briciole del live a Napoli
Giovedì, chiedilo agli Aristocrats
The Aristocrats a febbraio in Italia
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Visualizza l'annuncio
CHARVEL PRO-MOD DK24
Seguici anche su:
Altro da leggere
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964