DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Quando l'informazione si brandizza: Gibson acquisisce Harmony Central
Quando l'informazione si brandizza: Gibson acquisisce Harmony Central
di [user #17844] - pubblicato il

Il colosso americano degli strumenti musicali Gibson Brands acquisisce Harmony Central. È quello che si legge sulla homepage del magazine online nonché uno tra i forum di settore più longevi degli USA.
Il colosso americano degli strumenti musicali Gibson Brands acquisisce Harmony Central. È quello che si legge sulla homepage del magazine online nonché uno tra i forum di settore più longevi degli USA.

Da alcuni mesi a questa parte, i frequentatori del forum in lingua inglese potrebbero aver notato un rallentamento nei ritmi produttivi del sito. Le notizie sulle novità di mercato e quelle riguardanti le curiosità dal mondo musicale non sono state aggiornate per diverse settimane, e ciò è spesso segnale di una bomba imminente. Questa non si è fatta attendere e si è rivelata davvero grossa: Harmony Central, online dal 1995 e di proprietà di Musician's Friend Inc dal 2005, appartiene ora a Gibson Brands.

Un costruttore di strumenti musicali che acquista un mezzo d'informazione dedicato al suo stesso mercato fa sempre discutere, ed è lecito interrogarsi sulla rotta che intraprenderà Harmony Central da ora in avanti. Tuttavia il CEO Gibson Henry Juskiewicz rassicura i lettori: non è sua intenzione creare un doppione del sito societario né farne una vetrina per i propri affari, e promette che qualità e neutralità dei servizi non saranno compromesse dalla "brandizzazione".
Lo staff attuale, composto da Dendy Jarrett, Phil O'Keefe e Chris Loeffler, sarà mantenuto per la nuova edizione del sito e sarà diretto da Craig Anderton di Gibson.

Quando l'informazione si brandizza: Gibson acquisisce Harmony Central

Nella stampa specializzata, la "non ufficialità" o indipendenza di una rivista viene spesso sottolineata come garanzia di trasparenza e imparzialità, ma non mancano i sostenitori delle testate "proprietarie" le quali, non avendo un ufficio commerciale che curi la vendita di spazi pubblicitari e banner, avrebbero di riflesso maggior libertà di movimento anche sul piano editoriale. Voi chi preferireste leggere?

curiosità
Link utili
Harmony Central
Nascondi commenti     28
Loggati per commentare

è un po' come se ...
di Sykk [user #21196]
commento del 12/04/2015 ore 08:10:32
è un po' come se giornali e reti televisive fossero in mano ai principali partiti... hey, aspetta un momento...
Rispondi
Re: è un po' come se ...
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 12/04/2015 ore 08:38:50
(:-DDD)
Rispondi
Re: è un po' come se ...
di sigea777 [user #11106]
commento del 12/04/2015 ore 11:38:22
direi che hai fatto una perfetta sintesi di quanto si possa dire e scrivere a tal proposito....
comunque questa notizia mi da l'opportunità di decidere di non seguire più Harmony Central.....un po come quelle televisioni e giornali a cui ti riferivi.... ;-)
Rispondi
Re: è un po' come se ...
di Sykk [user #21196]
commento del 12/04/2015 ore 12:41:16
oppure continuare a seguirlo e "filtrare" consapevolmente
Rispondi
Re: è un po' come se ...
di sigea777 [user #11106]
commento del 12/04/2015 ore 13:07:59
verissimo....anche se per come sono fatto io preferisco situazioni più "trasparenti" se mi è consentito il termine; credo che sia un vero e proprio controsenso questa operazione almeno dal punto di vista di chi legge....sicuramente non lo è per parte Gibson..altrimenti non si spiegherebbe l'investimento.
Rispondi
Ok. A posto. ...
di kelino [user #5]
commento del 12/04/2015 ore 08:25:14
Ok. A posto.
Rispondi
Sicuramente è un problema per ...
di giambu [user #4070]
commento del 12/04/2015 ore 09:58:15
Sicuramente è un problema per l'informazione, ma che cosa accade oggi tutti i giorni in un mondo dove l'informazione si è completamente democratizzata?
Oggi io leggo, domando e difficilmente controllo chi scrive o mi risponde. Se merita il mio tempo, la mia attenzione o meno.

Da vecchio e stravecchio come sono, rispetto alla media dei partecipanti ad Accordo, rimpiango l'epoca in cui ponevo delle domande nelle riviste ed erano degli esperti, dei veri professionisti a rispondermi, non il ragazzino di turno che replica con assoluta sicurezza su qualsiasi argomento...

E' un grosso lavoro cercare ogni volta di capire chi hai davanti e se quello che dice o consiglia merita considerazione.
Rispondi
Re: Sicuramente è un problema per ...
di lucafriso [user #1405]
commento del 12/04/2015 ore 12:19:18
In merito alle risposte degli esperti alle domande, ci tengo a far notare che accordo.it offre ai propri lettori un servizio di consulenza tra più efficienti, reattivi e completi in Italia. La redazione quotidianamente intercetta domande, esigenze e problemi da girare a un gruppo di autorevoli esperti che risponde in tempi brevissimi. Per chi sceglie di informarsi quotidianamente su questo sito credo non ci sia nulla da rimpiangere rispetto al passato o alle vecchie rubriche sulla carta stampata di settore, anzi.
Rispondi
Ma se proprio dobbiamo parlare ...
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 12/04/2015 ore 11:01:46
Ma se proprio dobbiamo parlare di informazione controllata per ciò che concerne gli USA, il magazine sulle chitarre direi che può ampiamente aspettare in quanto problema di questo tipo...Prima ci sono una miriade di ambiti un tantinello più significativi...
Rispondi
Il vero problema, rimanendo in ...
di Aynrand [user #35588]
commento del 12/04/2015 ore 11:23:18
Il vero problema, rimanendo in tema strumenti musicali, sono tutti i chilometri che uno come me che abita ad Arezzo, si deve fare per provare ad esempio una Godin (Minimo 400). Quando ti trovi lo strumento in mano, non c'è editoria brandizzata che tenga.
Rispondi
No buono, no buono ...
di stratomane [user #19654]
commento del 12/04/2015 ore 12:03:07
No buono, no buono
Rispondi
Forse qui non tutti conoscevano ...
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 12/04/2015 ore 13:40:59
Forse qui non tutti conoscevano HC prima di oggi.
Io frequentavo assiduamente quando era la mia fonte di informazione principale prima di ogni acquisto anche io ho contribuito con mie recensioni quando compravo qualcosa.

Era esattamente come trip advisor cioè non bisognava credere a tutto quello che si leggeva ma ponderare ma cmqse ne ricavavano notizie più obbiettive che con le riviste musicali.

Beh posso dire che HC è già morto da alcuni anni perciò Gibson non fa nessun danno.
Non ricordo chi lo aveva comprato in precedenza cmq era già già stato rovinato.
Hanno comprato un cadavere.
P.S.

Ho letto meglio l'articolo ecco HC è morto nel 2005.
Rispondi
Re: Forse qui non tutti conoscevano ...
di giambu [user #4070]
commento del 12/04/2015 ore 20:44:06
Sono d'accordo, anche io lo frequentavo molto tempo fa ma poi è morto...
Rispondi
Woahhh
di Salvog [user #26748]
commento del 12/04/2015 ore 13:53:11
Francamente non m'importa un fico secco se HC sia stata acquistata, meglio per loro, HC potrebbe trarne solo vantaggio. Gib. che manipola la notizia e quindi? Ma di cosa stiamo parlando? In Italia da decenni la notizia è veicolata da sistemi d'informazione in mano a certi " Tipi " ! Di cosa dovremmo scandalizzarci??
Rispondi
E' tutto un magna magna...
di BigCigar [user #27566]
commento del 12/04/2015 ore 14:12:46
PGS e Prymaxe hanno da anni il monopolio delle video recensioni dei pedali e guarda un po'....loro i pedali, LI VENDONO! PGS ha anche una rivista online "Tone Report" dove divinizza quasi ogni prodotto che vende, poche volte su quella rivista ho letto recensioni DAVVERO imparziali...alla fine è tutto un magna magna......mamma Gibson l'ha capito tardi che sono i forum che muovono la maggior parte del mercato degli strumenti musicali..
Rispondi
Re: E' tutto un magna magna...
di blue stoner sound [user #8271]
commento del 12/04/2015 ore 20:52:08
Hai ragione, per fortuna ci sono siti di "nerd" chitarristici come The gear page. Il resto passa tutto in sordina. Vedremo cosa sarà capace di fare mamma Gibson.
Rispondi
Perchè c'è ancora qualcuno che ...
di dale [user #2255]
commento del 12/04/2015 ore 16:32:44
Perchè c'è ancora qualcuno che da retta ad HC!??!!?



:-)
Rispondi
Re: Perchè c'è ancora qualcuno che ...
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 13/04/2015 ore 10:29:31
HC è morto nel 2005.
Non so cosa pensano di ricavarci quelli di Gibson.
Rispondi
Conflict of interest?
di Claes [user #29011]
commento del 12/04/2015 ore 16:56:06
Link per commenti su HC:

vai al link 1465321-gibson-brands-acquires-harmony-central/page4

Commenti miei:

Se la HC era rovinata, il prezzo di vendita deve essere stato molto basso. La Gibson ha fatto un affarone - migliaia o più di utenti senza sforzo. Non è come FB dove bisogna chiedere amicizia una persona alla volta. Craig Anderto è un esperto freelance che ora ha la paga fissa ma cmq rispettatissimo - ho letto molti suoi articoli su Guitar Player e Keyboard.

Penso che HC avrà un sacco di annunci pubblicitari (com'è il caso di Accordo). Mentre scrivo questo vi è una pubblicità per uno sconto del 50% sui prodotti di una pizzeria a Copenaghen - presto sarà pure su HC. È da vedere se vi saranno Fender, Ibanez ecc. e articoli HC che sentenzionano "questo modello Gibson è una merdata"!

Ai tempi sempre più lontani si andava dal giornalaio e (dove possibile) comprarsi Guitar Player, Musician, Keyboard... Ora siamo tutti in rete e una HP indipendente al 110% e senza pubblicità ha in realtà cessato di esistere. Sono andato a curiosare: HC ha una maggioranza di articoli di consigli e dibattiti - in linea con Accordo.

Sarà comunque interessante seguire sviluppi!
Rispondi
Re: Conflict of interest?
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 13/04/2015 ore 10:31:20
HC è morto nel 2005
Non so cosa pensano di ricavarci quelli di Gibson.
Rispondi
Re: Conflict of interest?
di Claes [user #29011]
commento del 13/04/2015 ore 11:32:
Non credo che la Gibson ha acquistato HC per seppelirlo una volta per tutte - sarebbe strano e illogico. HC è aggiornato e funziona tuttora. Da vedere è un articolo sul Nashville Notation System.
Rispondi
Re: Conflict of interest?
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 13/04/2015 ore 17:41:21
E' l'ombra di se stesso, non è più così importante come una volta...almeno per me è morto nel 2005.
Come myspace, ammesso che esista ancora, non conta più un cazzo.
O qualsiasi motore di ricerca che non sia google...una volta Altavista era il top ora non esiste più credo.
Rispondi
Boh...
di MAT77 [user #27583]
commento del 13/04/2015 ore 10:06:45
...alla fine credo che non ci si debba scandalizzare troppo su una questione simile. Anche secondo me, come qualcuno ha scritto più su, in Italia funziona così già da tempo. Ovvio in un altro settore. Poi l'imparzialità di HC (ora di proprietà Gibson) credo starà in base all'onestà ed obbiettività di chi dirige. Ovvio è che non comanda solo il "cuore" ma (oggi più di ieri) soprattutto il portafoglio e il conto in banca. Ma penso comunque che al di là delle varie "guerre" tra brand e appassionati di parte, Gibson venderà sempre e comunque. Almeno per me, le sue chitarre sono meravigliose, e poi insieme a Fender hanno fatto la storia della musica popolare.
Concordo sul fatto che anche nei commenti "nostrani" oggi è più difficile capire le competenze tecniche effettive di chi commenta e mi spiace leggere veramente pochi commenti degli accordiani dall'1 al 15000 però questo è un altro discorso :))
Ciao
Rispondi
Avevo smesso di seguirlo molti ...
di SteGer [user #3922]
commento del 13/04/2015 ore 10:52:45
Avevo smesso di seguirlo molti anni fa. Lo frequentavo per leggermi le recensioni degli utenti di cose che mi interessavano. Poi le recensioni sono scadute di qualitá tipo il bimbominkia che parla male di quel pedale o quel pickup, poi alla fine ti scrive che ha provato il tutto con la chitarra della standa e un 5 watt a transistor. Alla fine lo standard era quello.
Rispondi
forse per compensare la scarsa ...
di maxventu [user #4785]
commento del 13/04/2015 ore 17:42:25
forse per compensare la scarsa crescita dei fatturati dei propri prodotti storici (il che è prassi in uso in molti settori industriali, soprattutto tra i colossi USA), anche Gibson sta facendo "shopping" in settori "limitrofi" rispetto al proprio business. Prima di HC, altro esempio è stata la software house Cakewalk (quelli di Sonar, già proprietà Roland). Guarda caso, proprio quel Craig Anderton messo ora a capo di HC è stato per anni il guru indiscusso dei forum Cakewalk. Detto ciò, non ci vedo nulla di male, HC in effetti non era già più indipendente da anni; è chiaro che da domani, chi vorrà leggere su HC la recensione di un qualsiasi prodotto della galassia Gibson (anche un hifi della Onkyo ad esempio) dovrà pesare attentamente le parole lette.
Rispondi
Re: forse per compensare la scarsa ...
di Claes [user #29011]
commento del 13/04/2015 ore 19:52:36
> compensare la scarsa crescita dei fatturati dei propri prodotti storici < Molti prodotti storici sono scomparsi e molte sono le aziende andate in bancarotta. Nel presente vi sono quelli che imitano circuiti brevettati - pure chitarre! Brevetto: vale 70 anni ma in un certo numero di paesi sono 50. Paesi dittatoriali senza legge sono esenti da questo.

Gibson e Fender erano liutai, adesso da catena di montaggio. Il dollaro è in ascesa - i prezzi delle chitarre seguono a ruota. Anzi, i prezzi saliranno! C'è appena stato il vertice di Panama, Obama e Castro. Da parte USA, ci sono $$$ a profusione per comprare materia prima a basso prezzo in centro/sudamerica. Mogano dal Honduras e altri tipi rari.
Rispondi
Re: forse per compensare la scarsa ...
di maxventu [user #4785]
commento del 13/04/2015 ore 23:42:20
Claes, condivido in parte quello che scrivi anche se, a parte il virgolettato, non riesco a trovare il nesso che lega il Tuo commento al mio precedente ed in generale a tutta la discussione che verte sul deal Gibson/HarmonyCentral. Detto questo, più che catene di montaggio, oggi Gibson e Fender sono delle holding. Le chitarre Gibson hanno una lavorazione più vicina ai canoni della liuteria, mentre le chitarre Fender, anche pensando al Genio di Leo che tutto era fuorché un liutaio e ai capolavori del Custom Shop che hanno suoni e legni meravigliosi, non sono assimilabili a strumenti di "liuteria" in senso stretto.
ciao
Max
Rispondi
Re: forse per compensare la scarsa ...
di Claes [user #29011]
commento del 14/04/2015 ore 18:57:3
Holding... compra-vendita di azioni... C'è il rischio che si compri azioni dell'industria bellica. È meglio comprare una ditta come HC.

Quando sono partiti Gibson e Fender non credo che si fossero immaginati che i loro prodotti vintage sono ora finiti su catene di montaggio.
Rispondi
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro? Eccolo
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964