DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Robben Ford: è giusto veicolare il proprio stile?
Robben Ford: è giusto veicolare il proprio stile?
di [user #116] - pubblicato il

Accordo e Zed! hanno offerto ai fan di Robben Ford l'opportunità di incontrare di persona e intervistare il loro beniamino in occasione del concerto di Padova lo scorso 16 maggio. Noi abbiamo seguito il tutto e ora vi proponiamo la prima pillola della chiacchierata davanti a un buon caffè.
Accordo e Zed! hanno offerto ai fan di Robben Ford l'opportunità di incontrare di persona e intervistare il loro beniamino in occasione del concerto di Padova lo scorso 16 maggio. Noi abbiamo seguito il tutto e ora vi proponiamo la prima pillola della chiacchierata davanti a un buon caffè.

Lo stile di Robben Ford resta inconfondibile qualunque cosa gli si senta suonare, ma il suo linguaggio è profondamente mutato negli anni e anche le sue composizioni ne sono una chiara dimostrazione.
Rispetto ai tempi di Robben Ford & The Blue Line, il bluesman ha avuto ampie parentesi in cui il suo linguaggio ha subito virate più jazzistiche, poi con sonorità tratte dal soul, per poi finire di nuovo ad abbracciare il blues più canonico con l'ultimo disco, Into The Sun.

Robben Ford: è giusto veicolare il proprio stile?

La sua poliedricità ha ispirato la prima domanda che quattro fortunati fan gli hanno potuto porre in occasione dell'ultimo concerto di Padova, lo scorso 16 maggio. Accordo e Zed! hanno reso possibile questa esperienza, e le telecamere di Accordo hanno documentato il tutto.
Quella che segue, in lingua originale nel video e trascritta in italiano qui in basso, è la prima domanda posta a Robben Ford dall'accordiano SamLouis.


SamLouis: Ascolto i tuoi dischi da molto tempo e ho notato che il tuo stile è cambiato negli anni. Talk To Your Daughter era molto più blues di Bringing It Back Home, dove hai miscelato più jazz e funk. Ma ora, ascoltando Into The Sun, vedo che sei tornato al blues. Come mai questo ritorno alle origini?
Robben Ford: Non ci penso in quel modo, non è una decisione. La musica semplicemente arriva così come viene.
Quando mi siedo e scrivo una canzone, dovrei dire che non provo a direzionarla. Ho solo un'idea e la lascio fluire, la rifinisco, la miglioro (o spero) ed ecco la canzone. E se mi piace, la registro.
È un libro aperto per me ora, non mi preoccupo di fare niente.
C'è stato un tempo in cui ho cercato di inquadrare la mia musica nel blues. Il gruppo The Blue Line era essenzialmente una band blues, ma rispetto ad allora per me ora c'è apertura totale.

interviste robben ford
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Mattia Tedesco, tra Hendrix e Vintage sul palco di SHG
Vintage, modernità e tecnologie: la chitarra acustica oggi
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Scopri in video l’enorme collezione privata di Slash
XS Wireless IEM di Sennheiser: qualità e pressione sonora
Sostenibilità, Koa e progettazione acustica: parla Andy Powers per Taylor Guitars
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964