DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Robben Ford: il fattore umano è essenziale
Robben Ford: il fattore umano è essenziale
di [user #116] - pubblicato il

Quanto è importante avere un buon feeling con i propri compagni di palco? Un gruppo può funzionare se si è semplici colleghi e non veri amici? È questa la domanda di un fan selezionato su Accordo a cui Robben Ford ha risposto per voi.
Ci si dedica alla musica essenzialmente per passione e la voglia di andare a suonare con altre persone ne è l'evoluzione più naturale. Quando fare musica diventa un lavoro, però, può non bastare essere buoni amici e si sente il bisogno di circondarsi di professionisti seri, rispettosi delle scadenze e competenti nei propri ruoli. Se per un turno in studio si potrebbe anche pensare di fare un buon lavoro anche senza il minimo feeling con gli altri musicisti e tecnici in sala, la cosa cambia ancora quando ci si appresta ad avviare un progetto musicale insieme o ad affrontare un lungo tour.
Quanto è importante chiamare con sé dei professionisti seri piuttosto che affidarsi a persone magari meno preparate, ma con cui ci si diverte a suonare e a trascorrere i lunghi momenti a stretto contatto che una stagione on-the-road richiede?
Lo abbiamo chiesto a Robben Ford, che di musica suonata e vissuta ne sa più di qualcosa, girandogli la domanda proposta dall'Accordiano mafuz.

Robben Ford: il fattore umano è essenziale

mafuz: Ho avuto la fortuna di vederti spesso dal vivo, sempre con musicisti estremamente talentuosi. Considerando che in un tour si condividono mesi di vita insieme, quanto il lato umano dei musicisti ha peso sulla scelta della band e sulla buona riuscita dei concerti?

Robben Ford: È assolutamente essenziale, e non è sempre facile da raggiungere. Una volta che trovi delle persone con cui sei a tuo agio sia musicalmente parlando sia sul lato umano, non vuoi cambiarli!
Come diciamo negli USA, è come "aprire un barattolo di vermi", è potenzialmente pericoloso. Ma io sono stato piuttosto fortunato nel trovare sempre buone persone che mi piacciono, brave in quello che fanno, versatili, divertenti...
Non necessariamente i musicisti che ho con me in tour sono gli stessi che mi hanno accompagnato nel disco, ma sono davvero felice di poter avere la sezione ritmica degli ultimi due dischi: quei ragazzi sono fenomenali.



Con questa pillola dal meeting esclusivo offerto da Accordo e Zed! per lo scorso concerto di Padova, Robben Ford si congeda e dà appuntamento al prossimo tour, con un saluto al volo per tutti i suoi fan italiani.


interviste robben ford
Link utili
Le domande dei fan
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Mattia Tedesco, tra Hendrix e Vintage sul palco di SHG
Vintage, modernità e tecnologie: la chitarra acustica oggi
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Scopri in video l’enorme collezione privata di Slash
XS Wireless IEM di Sennheiser: qualità e pressione sonora
Sostenibilità, Koa e progettazione acustica: parla Andy Powers per Taylor Guitars
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964