CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Ibanez GRG Gio 170DX
Ibanez GRG Gio 170DX
di [user #36862] - pubblicato il

Non bisogna per forza sborsare una fortuna per suonare con soddisfazione e anche la prima, vecchia chitarra può tornare a nuova vita tra le mani di un buon liutaio. Una coppia di Seymour Duncan, nuovo hardware e un setup generale possono trasformare un Ibanez Gio con una spesa irrisoria.
In un periodo in cui l’inesperienza la faceva da padrona, e la chitarra mi aveva letteralmente tramortito da poco ponendo fine alla mia carriera da batterista, affronto un viaggio con alcuni amici e mi imbatto in un negozietto di musica nella provincia Bellunese.
Ho imparato a fare i miei primi accordi su una Stratocaster American Standard dell’88, appartenuta a mio padre, ma in quel momento desideravo avere una chitarra che fosse completamente mia.

Così, tornando al piccolo negozio, dico ai miei amici: "Hey, perché non facciamo un salto e vediamo cosa troviamo?". Chi più entusiasta per natura musicale, chi meno, decidiamo di dare un’occhiata veloce all’interno. Scopriamo che il negozio è affilato a un centro decisamente ben più grande e fornito, che si trova nel centro della città di Belluno, mentre questo si dimostra assai scarno: qualche acustica, qualche elettrica, principalmente corde e microfoni. In questo negozio inoltre si trovano solo strumenti dai prezzi abbordabili, perciò non troviamo nessuna Custom Shop, Masterbuilt o chitarra al di sopra dei mille euro. Capisco comunque che il proprietario deve essere un amante delle Ibanez poiché, a parte una o due Fender e altrettante Gibson, nel negozio penzolano dal soffitto solo le amiche giapponesi. Guardando qua e là, vengo folgorato da una signorina molto trash, con un colore verde evidenziatore (che alcuni miei amici hanno definito color bile) che sprizzava anni ’80 da tutti i pori. Per qualche mio amico da essa scaturiva un forte accesso di nausea, ma a me ispirava: dentro di me pensavo "deve essere mia".

Un mio caro amico, anche lui alle prime armi e desideroso di comprare a sua volta uno strumento, mi dice: "Tra poco è il tuo compleanno e io ho voglia di fare una pazzia, ne prendo una a te e una a me". Lo guardo basito e rispondo "Ma sono 150 euro di chitarra! No dai, lascia perdere".
Per farla breve, siamo tornati a casa entrambi piuttosto contenti. E così, comincia la mia avventura con la signorina orientale e il Marshall a transistor del papà.

Ibanez GRG Gio 170DX

Passano gli anni, l’esperienza aumenta, si cambia strumentazione, e la signorina viene lasciata da parte finché, l’anno scorso, apro il classico armadio che esiste in tutte le soffitte e tiro fuori questa custodia morbida nera targata Ibanez. La apro, sorrido, soffio via la molta polvere accumulatasi e la osservo.
Quando l’avevo presa, non ci capivo un’acca di elettronica, pickup, legni e quant’altro. Da una tasca della custodia recupero il suo vecchio cartellino con le indicazioni e lo leggo:

- Ibanez Gio 170 DX
- pickup Ibanez made in Korea
- corpo in tiglio, tastiera in palissandro, manico in acero
- ponte e meccaniche Ibanez.

Decido di cambiare le corde, con cui ormai ci si poteva segare via un dito, dargli una ripulita e infine attaccarla al Mesa Boogie Mark V.

Comincio a suonare, il manico è molto scorrevole, come da tradizione Ibanez, ma le meccaniche perdono subito l’accordatura, le note risultano impastate, la chitarra è incolore, sterile, neutra. I puliti sono terribili, decido quindi di passare al crunch e la situazione migliora, ma di poco: si rendono utili solo la posizione al manico e al ponte. Passo ai distorti, la situazione migliora ancora un poco, ma l’unica posizione che suona decentemente è quella al ponte.
Dopo cinque minuti spengo l’amplificatore, stacco il jack e la osservo: "dopotutto, è stata la mia prima ascia, quella dove ho imparato a suonare".

Comincia a crescere il dubbio: la vendo? No, è stato un regalo. La regalo a mia volta? Nah, perché invece non darla in mano al mio liutaio di fiducia e farle un bell’upgrade?

Ibanez GRG Gio 170DX

La ripongo nella custodia, passano i giorni e poi mi decido: prendo la macchina e la porto dal liutaio, che mi assicura che la trasformerà completamente. Bene, penso, chiedo il prezzo, mi metto d’accordo e me ne vado. Passa qualche tempo e finalmente la chiamata arriva. Prendo di corsa la macchina e corro  a riabbracciare la piccola.
Il liutaio mi sorride, mi mostra la chitarra e mi spiega gli upgrade effettuati:
- gli humbucker al manico e al ponte sono stati sostituiti con due Seymour Duncan lamellari, il single coil centrale non è stato toccato
- il selettore e la circuitazione sono stati sostituiti
- le meccanice sono state cambiate con delle autobloccanti Grover per mantenere stabile l’accordatura
- il ponte mobile è stato sostuito con un altro Ibanez stile Fender, niente Floyd (che io odio).
Spesa totale: 350 euro.

Esteticamente è esattamente uguale a prima, ma una volta attaccata all’amplificatore.. magia!


 I puliti sono belli pieni, carichi e potenti, forse con un po' troppi alti, ma giocando con la manopola del tono si rimedia subito. I crunch sono bellissimi, belli pastosi e cremosi, gli AC/DC e le vecchie glorie heavy metal anni ’80 escono che sono una bellezza. I distorti sono potenti, grezzi, tendono un poco a impastare ma a me piacciono e sono piuttosto espressivi.
Il liutaio, mi passa una sua RG prestige, made in Japan, e me la fa confrontare. Il risultato è che per i miei gusti suona meglio la mia.

Grazie a questi video, ognuno di voi può essersi fatto un’idea di come la signorina suona, ad alcuni potrà piacere, ad altri meno. Per il sottoscritto, che assolutamente non vuole influenzare il vostro punto di vista, la chitarra si comporta decisamente bene. I puliti sono molto versatili, i crunch sono favolosi e i distorti possono piacere o meno, ma la chitarra suona, è viva e ha tanto da raccontare.

Chiaramente, la costruzione è economica. Il body, per quanto la verniciatura sia ben rifinita, appare chiaramente povero al tatto e la risonanza è minima. Il manico è bello scorrevole, e dopo un leggero assetto e la limatura di qualche tasto è risultato stabile e ben piazzato. I potenziometri originali non hanno un'escursione graduale e difficilmente da un distorto abbassando il volume riusciremo a ottenere un clean cristallino (il volume si abbassa, ma non tende più di tanto a scaricare la saturazione). Giocare di leva con il ponte originale, invece, porta a una scordatura quasi assicurata. Comunque, con le nuove meccaniche i bending e i vibrato leggeri non danno problemi.
Non piango assolutamente i soldi spesi, perché credo che non abbia nulla da invidiare ad alcune signorine che costano anche 500 euro in più. Il mio voto personale, per questa chitarra, è un dignitosissimo 7. Con 170 euro (più il costo di qualche modifica), potete portarvi a casa una bella signora, un po’ trash e sgargiante, ma che non sfigura sicuramente anche nei contesti live.


Molto spesso si tende a trascurare uno dei fattori principali per la qualità del suono delle nostre chitarre: l’amplificazione. Mi è capitato spesso di vedere amici suonatori con chitarre da migliaia di euro e un affarino da poche centinaia di banconote a dar loro voce. In realtà, sempre dal mio punto di vista, l’amplificazione conta forse molto più della mano e della qualità della chitarra che reggete fra le dita. Per esempio, con un amplificatore valvolare da 400 euro, ho notato che le differenze fra una chitarra economica e una core sono molto sottili, a volte addirittura impercettibili. Discorso diverso invece con un amplificatore da 1500 o 2mila euro (per esempio un Mesa Boogie Mark V o una Marshall plexi) dove, ovviamente a volumi elevati, la differenza diventa invece sensibile e a volte abissale. È bene comunque ricordare che se lo strumento suona bene con un certo tipo di ampli, non è detto che si comporti altrettanto bene con un altro. Ecco quindi che, a mio avviso, è bene ponderare bene l’acquisto di un amplificatore, soprattutto se si decide di affiancarlo a un'ascia di un certo valore. Il mio consiglio è quindi questo: prima di effettuare l’acquisto di una super chitarra, domandatevi invece se non sia meglio investire i vostri sudati risparmi in un amplificazione di qualità o quantomeno di medio livello. Ne gioverà il vostro suono, a prescindere dal fatto dell’oggetto musicale che possedete.

So che molti di voi storceranno il naso a questa notizia: per le registrazioni ho utilizzato un Kemper Profiler. Ce ne sarebbero tante da raccontare su questo gioiellino tedesco, ma ci vorrebbe un altro articolo molto lungo. Vi basti sapere che sto pensando di vendere tutti i miei fidati amplificatori e pedalini per usare solamente quest'oggetto per live e registrazioni in studio.
Pazzia? Per i tradizionalisti probabilmente sì, ma vi invito a provare il suddetto oggetto.
170dxsl chitarre elettriche gli articoli dei lettori grg ibanez
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Fender Usa Custom Shop Jimi Hendrix Voodoo Child Stratocaster NOS Black + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.549,00 
 
CORT X100 OPBK CHITARRA ELETTRICA OPEN PORE BLACK X-100
di Borsari Strumenti Musicali
 € 199,00 
 
DREAMBOW GUITAR DE 705 (custodia, corde e plettri in omaggio)
di SLIDE
 € 439,00 
 
Chitarra elettrica Cort modello CR200
di Guitars & Co
 € 329,00 
 
FENDER - Player Stratocaster Floyd Rose MN Polar White 1149402515
di Music Works
 € 779,00 
 
Eko DV-10 Chitarra Elettrica Nera
di Centro della Musica
 € 169,00 
 
Sterling by Music Man Cutlass HSS Stealth Black
di Le Note delle Stelle
 € 409,00 
 
Fender American Professional II Telecaster Rosewood Fingerboard Mercury
di Music Island
 € 1.549,00 
Nascondi commenti     11
Loggati per commentare

di THE_Luke [user #31235]
commento del 30/09/2015 ore 17:17:22
che pups hai montato di preciso?
e... ma ti sei preso il kemper davvero?
Rispondi
di Zenzero [user #36862]
commento del 30/09/2015 ore 17:21:06
Ciao Luca! Bella domanda per i PU! Non mi ricordo esattamente il modello, dovrei chiedere al liutaio se si ricorda (ma dubito!)
Il kemper ormai sono otto mesi che ce l'ho, in live ormai uso solo quello!
Rispondi
di Rothko61 [user #32606]
commento del 01/10/2015 ore 00:24:45
Complimenti per la tua Ibba: è bella e suona bene. Anch'io mi sono rifatto una vecchia Jackson spendendo meno di 200 euro. E adesso suona alla grande.
E anch'io ho preso il Kemper.
Cosa ci differenzia?
Primo: io ho già venduto tutti i miei ampli e mi godo il tostapane tedesco. Senza rimpianti.
Secondo: credo di avere una trentina di anni più di te... :-(
Rispondi
di Zenzero [user #36862]
commento del 01/10/2015 ore 00:42:33
55? Suvvia sei ancora un ragazzino ;) la cosa bella della musica è che non ha età! Sicuramente hai la mano e l'esperienza più avanzata di me, io mi reputo un umile strimpellatore. Ho la fortuna di avere un babbo che fa il collezzionista, e di sognorine sotto le mani me ne sono passate davvero tante [..]
Per il prezzo che ha, è sicuramente un'ottima chitarrina. Curioso di sentire anche la tua! Presto probabilmente il Camper rimarrà da solo, anche se ho ancora qualche dubbio sil Mark V che per via di versatilità è spettacolare.. Grazie del tuo commento! E buona musica!
Rispondi
di marcomo utente non più registrato
commento del 01/10/2015 ore 08:23:23
ah complimenti ...anche io qualche anno fa feci lo stesso con una jackson vecchia che mi avevano regalato per la laurea e che è la chitarra con cui ho imparato a suonare un po più seriamente..., ho cambiato il ponte e pickup per farla risuonare e devo dire che suona...ha il manico tutto sgarruppato ormai è diventata un vero relic...
Volevo farti una domanda sul Kemper...Hai la versione col power amp integrato? se si l'hai mai usata dal vivo collegata a una cassa? se si...impressioni e differenze rispetto a come muove i coni un ampli tradizionale...grazie saluti e keep rock!
Rispondi
di Rothko61 [user #32606]
commento del 01/10/2015 ore 10:36:52
La domanda forse era rivolta a Zenzero, ma ti rispondo anch'io. :-)
Io sono felicissimo possessore del Kemper in versione non amplificata ed utilizzo due casse attive FRFR (Full Range Flat Response), le Atomic Amps CLR in versione wedge.
Nei locali medio-piccoli sono più che sufficienti e fanno vibrare le budella.
In locali grandi o negli stadi (ah, ah, ah... e chi ci ha mai suonato?) il Kemper va collegato direttamente alla PA.
Il suono che esce dal Kemper non è quello che uscirebbe da un ampli tradizionale, ma quello che esce normalmente da un ampli microfonato e diffuso dall'impianto generale. E' quindi molto più simile al "prodotto finito".
La vera natura del Kemper era questa. Poi, probabilmente per pressioni commerciali e per le resistenze di molti chitarristi tradizionalisti, la ditta produttrice ha immesso nel mercato anche la versione amplificata. Quest'ultima non suona affatto male (anzi...) ma con una cassa tradizionale per chitarra preferirei usare una testata valvolare.
Rispondi
di marcomo utente non più registrato
commento del 01/10/2015 ore 11:10:30
ECCO hai risposto al mio dubbio amletico...Dai sample che ho sentito il kemper è fantastico, la macchina digitale migliore sul mercato, ovviamente simula tutto, e se me la comprassi la userei direttamente nell'impianto...cosi come faccio ora col becero POD HD che comunque per suonare nei localini pizzerie e qualche piazzetta il suo lavoro lo fa...Ovviamente la GAS è tiranna e sempre in agguato pronta a colpire..per cui starei valutando di prendermelo...il mio dubbio era proprio quello se prendere la versione traditional e continuare a usarla attaccandolo dove capita simulando tutto o se prendere una cassa in modo da usarlo come ampli tradizionale disabilitando le simulazioni di cab e di microfon...Ampli tradizionali ne ho già...ma a quel punto se mi devo portare la cassa mi porto anche il resto, e se serve microfono con bestemmie del fonico di turno... :-p
Rispondi
di Zenzero [user #36862]
commento del 01/10/2015 ore 16:59:14
In realtà, io penso esattamente il contrario: ovvero che utilizzando una cassa per chitarra passiva l'aggeggino si comporti molto meglio che nell'impianto (ho la versione con finale); tant è che, a meno che non abbia impianti stratosferici, la uso sempre collegata alla mia 1x12 con celestion V30 ;)
Rispondi
di marcomo utente non più registrato
commento del 01/10/2015 ore 21:12:47
A questo punto mi pare di avere un'ulteriore conferma di come i pareri siano discordanti...
Alcuni anche tra professionisti mi hanno intimato impressioni non proprio positivissime sull'utilizzo del Kemper attaccato a un cabinet, giurandomi di dire che comunque è abbastanza diverso dall'avere lo stesso ampli che suona attraverso la stessa cassa.
Le parole che mi hanno detto di più è: "pare comunque di sentire la registrazione di un ampli" che non deve necessariamente essere un difetto...certo è che le mie opinioni è che questi aggeggi nascono per essere utilizzati in diretta nel mixer, un utilizzo su cassa lo vedrei solo a casa...ma forse bastano un paio di casse attive qualsiasi a quel punto...
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 04/10/2015 ore 09:26:42
Queste chitarrine economiche sono sempre utilizzabili, anche professionalmente. Nel modello in esame, la differenza la fa il ponte, i floyd economici sono una sciagura che compromette tutto il resto.
Rispondi
di Zenzero [user #36862]
commento del 04/10/2015 ore 10:59:57
Per me i Floyd in generale sono una sciagura! Trovo molto più comodo un ponte mobile come quello della music man jp6
Rispondi
Altro da leggere
Charvel nel 2021 tra Giappone e signature inedite
Ibanez AMH90: Artcore compatta con elettronica Tri-Sound
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
Dean diventa multi-scala fino a 8 corde
La Mariposa diventa Sterling
Fiore è la prima PRS di Mark Lettieri
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964