CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS STORE
Ibanez Artcore AF71F: eppure suona da archtop
Ibanez Artcore AF71F: eppure suona da archtop
di [user #32554] - pubblicato il

Con un pickup sospeso dalla voce grossa e una cassa capace di sprigionare timbriche da archtop d'epoca, la AF71F è tra le chitarre più abbordabili della sua categoria. Abbiamo provato sul campo la Ibanez con le buche a effe più tradizionale della serie Artcore.
Se confrontate con le classiche hollow body o le più versatili semi-hollow body, le archtop sanno mettere a dura prova la progettazione e la costruzione della chitarra, considerandone appieno il fattore acustico. In questo c'è la verità insita nello strumento, mentre l'elettronica dovrebbe esserne semplicemente il coadiuvante. Dopo un paio di mesi d'uso con la Ibanez AF71F e confronti diretti, posso dire di aver testato l'archtop più accessibile che abbia mai provato.

Ibanez Artcore AF71F: eppure suona da archtop

La chitarra, appartenente alla serie Artcore, ha venti tasti di media grandezza e un solo pickup definito Classic Elite Mini Pickup, accanto al battipenna in simil tartaruga dove alloggiano i due controlli che regolano il tono e volume.
Il pickup sospeso e non a contatto con la tavola superiore della chitarra è il primo elemento che definisce e classifica un'archtop: il top deve essere libero da controlli e pickup incastonati che smorzerebbero la vibrazione, cioè il suono.
La paletta ha le classiche tre meccaniche per lato, il manico è in mogano, scorrevole sotto le dita ma cicciotto quel che basta. Ricorda le archtop old style, con un approccio molto confortevole a riconferma di quello che è sempre stato un punto di forza del marchio.

Le corde sono fissate alla chitarra attraverso un tailpiece e poggiano sul ponte regolabile in altezza mediante due grosse rondelle zigrinate. Ogni selletta è separata e permette la regolazione fine delle ottave. Il tutto è assicurato su un altro piccolo ponticello in legno che segue la curvatura del top appoggiandosi al centro. L'insieme conferisce alla AF71F una buona risposta acustica, complice anche la muta di corde ruvide D'Addario .010 montate di serie sullo strumento, decisamente più generose sugli acuti se confrontate con le più scontate corde lisce. Questo è un particolare non di poco conto nel confezionamento di un buon suono acustico: di fatto, la corda ruvida ha un'esposizione più ricca di armoniche.

Ibanez Artcore AF71F: eppure suona da archtop

Provata da spenta, l'Ibanez ha una voce acustica più che sufficiente. Il sound si può associare alle produzioni degli anni '50 e '60, dove le chitarre con buche a effe ebbero una grande diffusione grazie alla produzione industriale, uscendo dalla nicchia degli strumenti di liuteria fatti a mano.
La proiezione sonora è votata verso le frequenze più alte, come dev'essere in uno strumento pensato per bucare il sound delle grandi orchestre swing. Probabilmente è questo l'anello debole, se si confronta la chitarra con strumenti di liuteria che, grazie al top scavato interamente a mano, riescono comunque ad avere un quantitativo maggiore di frequenze basse.
Per sentire al meglio la voce della AF71F bisogna suonare piuttosto delicatamente. Non ho dubbi che con corde di maggior calibro (.012/.013) si possa aumentare il volume generale oltre alla dimensione sonora.


Nel video, il tono è riprodotto e amplificato dal Laney A1, scelto per avere un suono da transistor non compresso e molto dinamico, progettato prettamente per strumenti acustici. Filtrato attraverso il pickup, il suono si carica a dismisura di basse frequenze, mentre le alte si arrotondano quel che basta per il soloing o per amalgamarsi calorosamente in grappoli di accordi. Un taglio di un paio di decibel sul potenziometro dei bassi sull'amplificatore può essere provvidenziale.

Il suono esce liquido e reattivo, sembra quasi arrivare da un pickup piezoelettrico.
È grande il sorriso che mi si è stampato in faccia pensando al prezzo, che si aggira intorno ai 350€ su distribuzione Mogar Music. Finiture e assemblaggio sono all'altezza della produzione giapponese ma, per un prezzo anticrisi, la produzione cinese ha raggiunto livelli eccellenti.
La AF71F non sarà lo strumento dai legni esotici e pregiati inciso da raffinati ebanisti, ma in tutta onestà posso affermare di aver provato l'archtop meno costosa che mi sia mai capitata fra le mani, e con vero stupore suona pure credibilmente da archtop.
La consiglio come primo acquisto per chi comincia con la chitarra jazz, ma anche come seconda chitarra in alternativa alla hollobody. Saprà regalare sicuramente tante belle emozioni al neofita quanto al professionista.
Link utili
Ibanez AF71F
Sito del distributore Mogar Music
Mostra commenti     8
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Milano diventa Music City: gli eventi del weekend
Online le foto di SHG Music Show 2022
Un video e una limited edition per i primi pickup PRS aftermarket
Mesa Boogie Badlander 25: Rectifier ancora più maneggevole
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964