DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Kirk Hammett ridefinisce lo Screamer con il Ghoul
Kirk Hammett ridefinisce lo Screamer con il Ghoul
di [user #116] - pubblicato il

Il chitarrista dei Metallica si è circondato di specialisti e ha fondato un proprio brand di effetti per chitarra. KHDK nasce dall'unione di Kirk Hammett e David Karon e il Ghoul Screamer è la sua versione del classico overdrive verde, ora con cinque switch per una versatilità mai vista.
Il Tube Screamer, l'overdrive verde per eccellenza, è stato rivisto e personalizzato da quasi ogni costruttore di effetti professionale o amatoriale sulla faccia della Terra. Il suo schema e la caratteristica gobba sulle medie frequenze hanno fatto da base per molteplici pedali, dai cloni alle varianti sul tema fino a modelli talmente alterati da rendere quasi irriconoscibile il punto di partenza. Con il Ghoul Screamer, KHDK intende restare fedele allo spirito originale dello screamer, ma punta sulla massima versatilità e sull'immediatezza d'uso unendo le modifiche al progetto originale più quotate tra utenti e progettisti.

Il Ghoul Screamer è studiato per dar vita a un overdrive dotato di un'abbondante riserva di gain ma che può essere capace anche di lavorare da clean boost. Le tre manopole di Drive, Tono e Volume sono irrinunciabili sullo chassis, mentre tutte le variazioni sul tema arrivano sotto forma di cinque switch, per attivarle solo quando se ne sente la necessità e senza la complicazione di muoversi tra innumerevoli potenziometri.

Il circuito di tipo screamer è noto per il suo suono incentrato sulle frequenze medie, con bassi e alti meno in evidenza, secondo alcuni anche troppo spenti. Per questo il Ghoul monta un interruttore Bass che effettua un boost sulle basse frequenze, ideale per compensare l'uso di chitarre dal suono troppo sottile, e un Highs che enfatizza gli acuti se si trova il tono eccessivamente cupo o poco reattivo. Body risulta utile per mettere maggiormente a fuoco le frequenze medie e per rendere le basse più presenti e definite nel mix, ed è pensato in particolare per gli utilizzatori di accordature ribassate o chitarre a sette e otto corde.
Gli ultimi due switch sono riservati alla compressione del suono e al carattere generale del pedale, con un range pensato per andare da un minimo di compressione morbida e di stampo vintage fino a un timbro più schiacciato, aggressivo e ricco di armoniche per chi richiede una spinta extra dal proprio overdrive soprattutto nei solismi.

Kirk Hammett ridefinisce lo Screamer con il Ghoul

KHDK Electronic è quello che si dice un brand "pensato da musicisti per musicisti". Rappresenta l'ultima avventura commerciale di Kirk Hammett e del socio David Karon, imprenditore di lunga esperienza nel campo.
Attualmente il catalogo KHDK è composto dall'overdrive No.1, dal clean boost No.2 e dal Ghoul Screamer, ultimo arrivato in ordine di tempo. Il chitarrista dei Metallica, da buon amante del cinema horror e di tutto il mondo che vi gravita intorno, ha voluto che il lancio del pedale coincidesse con il prossimo Halloween.
Tutti i pedali sono sviluppati a stretto contatto tra Kirk, David e l'ingegnere Antonin Salva, per essere poi costruiti a mano e testati uno alla volta nella città di Paducah, nel Kentucky.

Oltre allo stesso Hammett, tra i numerosi musicisti che hanno già inserito un KHDK nella propria pedaliera si segnalano John Spiker dei Tenacious D, Dan Donegan dei Disturbed e Matt McJunkins dei A Perfect Circle. Per il momento non conosciamo le reali potenzialità dei pedali KHDK, ma la direzione intrapresa dal Ghoul Screamer potrebbe rappresentare un'interessante alternativa ai classici, con una costruzione interamente made in USA, la benedizione di una grande firma e qualche feature da approfondire, semmai ci sarà occasione di vederne uno in Italia.
effetti e processori ghoul screamer khdk
Link utili
Ghoul Screamer sul sito KHDH
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Il distorsore KHDK ha le idee chiare: Shred!
Il trucco c'è ma non si vede
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
NUX Mighty Plug Pro: uno studio in tasca
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964