DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
DV Mark Little Jazz
DV Mark Little Jazz
di [user #15902] - pubblicato il

Il Little Jazz è studiato per sposarsi con chitarre semiacustiche in un clean caldo dal sapore bebop, ma un'equalizzazione reattiva e la capacità di divorare pedali rende il piccolo solid state DV Mark un amplificatore versatile e potente, in barba ai soli dieci pollici del cono.
Nella mia continua ricerca di un ampli sempre più agevole nel trasporto non potevo non provare questo gioiellino, perché proprio di un gioiellino si tratta il Little Jazz.

Mi ero promesso di non scendere più al di sotto di un cono da dieci pollici ma, considerata la reputazione di serietà e professionalità che DV Mark si è fatta negli anni, ho voluto provare.
L'ampli è davvero piccolo e leggero, una gioia da portare in giro. Lo metto in uno zaino o in un trolley e via. Ha un solo canale, l'equalizzazione è molto reattiva, un bel volume per 45 watt di potenza.

Ciò che mi ha stupito sono i bassi. Come tutti ben sapete, i coni piccoli hanno delle lacune sulle frequenze gravi: beh, il ragazzo in questione non ha di questi problemi, ci sono tutti e belli corposi.
Il riverbero, anche se non lo uso perché lo ottengo dallo Zoom MS-70CDR, è molto bello e l'amplificatore accetta molto bene i pedali.
Nell'ambito jazzistico, come timbro può ricordare più un Polytone che un Jazz Chorus in quanto è tendenzialmente un ampli dal tono scuro. Però, visto che l'eq è fatta molto bene, non ci sono problemi a ottenere sonorità più cristalline.
L'ho suonato anche collegato su un impianto tramite l'uscita XLR della validissima DI incorporata, ma senza usare suoni drive, e il risultato è stato ottimo.

DV Mark Little Jazz

Visto che ha anche un'uscita per un altoparlante esterno, ho adottato un secondo combo con cono da dieci pollici come cassa supplementare per ottenere un effetto dual mono mettendo i due amplificatori un po' distanti tra loro. Volendo, con uno switch si può escludere il DV Mark e far suonare solo la cassa esterna, ma non ha molto senso per me: immagino piuttosto come possa suonare con una 1x12 o 2x12.
Usando la cassa che mi sono fatto da 30x30x19cm e dal peso di circa cinque chili, ho un totale di undici chili da trasportare, Little Jazz compreso, e il suono è davvero ampio.

DV Mark Little Jazz

Il piccolo monocanale DV Mark è decisamente consigliato a chi non vuole rompersi la schiena trasportando ampli pesanti, a chi cerca un ottimo suono pulito e a chi non si fa troppe menate sull'assenza di valvole. Ottimo per suoni jazz-funk-soul-pop, e per me anche nel blues se unito a pedali vari. Un po' meno indicato nell'hard rock e su fino al metal.
amplificatori dv mark little jazz
Mostra commenti     15
Altro da leggere
Amped 1 è l’amplificatore universale da pedaliera di Blackstar
Blackstar St. James: 50w non sono mai stati così leggeri
Spark Mini: ampli smart Positive Grid in miniatura
Line 6 Catalyst: il digitale torna combo
Classe-I: un doppio classe-D?
Il nuovo ampli Laney di Justin Hawkins… che non troverai nei negozi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964