DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Blackstar Fly 3W: cara, mi si sono ristretti i wattaggi
Blackstar Fly 3W: cara, mi si sono ristretti i wattaggi
di [user #17831] - pubblicato il

Nella gara per la miniaturizzazione, Blackstar è in prima linea con un combo da 3 watt per 3 pollici. Il Fly 3 funziona sia a batterie sia con un alimentatore esterno e offre un suono pieno di sorprese grazie al controllo di tono ISF e all'uscita con simulazione di cassa ideale per le registrazioni casalinghe.
Oramai la miniaturizzazione non è più una novità. Sono certo che, sulla scorta della sigaretta elettronica, esiste già la supposta elettronica, ma non voglio entrare in merito alle sue nuove e variegate proprietà terapeutiche, anche perché si dice che questa tecnologia sia un'incul... insomma, lasciamo perdere. Non è una novità nemmeno il fatto che la vita moderna ci spinga in spazi sempre più ristretti (come la suddetta supposta...). Nasce quindi la necessità di rivolgersi alla tecnologia della miniaturizzazione per poter ottenere soluzioni talvolta valide.

È il caso di questo micro-amplificatore di cui andremo parlamente a brevare... cioè, brevemente a parlare. Trattasi del Blackstar Fly, un micro-amplificatore da 3W con un cono da 3 pollici (o, in questo caso, mignoli?), due canali, gain, volume, EQ (ISF - Infinite Shape Future), ingresso aux, emulated line out, delay incorporato e alimentazione ibrida (batteria/power supply).

Per quanto riguarda l'alimentazione va detto subito che il trasformatore apposito (5,7V con polo negativo esterno, roba assai strana) non viene fornito nella confezione.
Per il resto il piccoletto non delude affatto. In confronto ai suoi amichetti di analoghe dimensioni, devo dire che si tratta dell'esemplare che suona in maniera più decente.
Gli altri (ho provato un Marshall MS-2 e un Orange Micro-Crush) ricordano più che altro un incontro di Puffi all'indomani di una cena a base di fagioli e cotiche.
Questo aggeggino, invece, mantiene una sua dignità sonora (entro certi livelli).

Blackstar Fly 3W: cara, mi si sono ristretti i wattaggi

Il Fly 3 ampli non ama acqua e sapone, insomma il pulito non è certo il suo forte. Sul canale clean (chiamiamolo così) con bassi livelli di gain e volume si ottiene un suono che si avvicina fortemente a un pulito, ma ruotando la manopola comincia a (diciamo così) "fagiolare" emettendo selve di scoppiettii che però si possono eliminare evitando di plettrare con un piede di porco.
Alzando il gain sul canale Clean ci si accorge ben presto che il pulito è solo un ricordo: già a metà corsa ricorda molto un bell'overdrive.

Il canale Overdrive direi che è parecchio over: il nanerottolo si arrabbia presto e bene (anche se non sta insieme). Le sonorità spaziano dall'hard rock parecchio hard al thrash metal parecchio thrash, basta agire sulla manopolina del tono chiamata ISF, tecnologia ormai nota agli utilizzatori della Stella Nera.

Blackstar Fly 3W: cara, mi si sono ristretti i wattaggi

Manca il Sovrano del regno della Molla (cioè il Re Verbero), ma in cambio gli è stato donato un delay digitale definito "tape", nel senso che scotcha presto!
Buona l'emulazione in uscita, sia in cuffia sia nella scheda audio. Esiste anche la possibilità di connettere un secondo speaker (da acquistare separatamente) tramite un'uscita che ricorda una presa telefonica e non un semplice cavo jack (furbetti!), sarebbe stato troppo facile altrimenti.

In conclusione si può dire che questo oggettino è forse il miglior micro-amp che abbia provato. Niente pretese, ma buoni suoni, anche definiti (a patto di non esagerare con volume e gain). Patti Pravo, amicizia lunga.

Come dicono le cime di rapa: qualche video prova per deliziare le orecchiette.


Nel primo video ho microfonato l'ampli, nel secondo l'ho registrato facendolo entrare direttamente nella scheda audio (non tutto ovviamente!). Mi scuso in anticipo per il mio playing, sono molto arrugginito (non che prima suonassi molto meglio, è vero!).

amplificatori blackstar fly 3 gli articoli dei lettori
Mostra commenti     26
Altro da leggere
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Fender American Original '50s Stratocaster Inca Silver
Cambio superficiale: spunti per una finitura fai-da-te
Amped 1 è l’amplificatore universale da pedaliera di Blackstar
Let it (Treble) Bleed
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964