CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Custom ed ergonomia a SHG40 con BTG
Custom ed ergonomia a SHG40 con BTG
di [user #116] - pubblicato il

La liuteria di Bruno Traverso sarà al prossimo SHG con i suoi classici, la nuova linea Sintesi per chitarre e bassi frutto di attente ricerche su design ed ergonomia, più un'intera collezione di strumenti sempre artigianali e made in Italy al 100%, ma più abbordabili e battezzati Entry Level.
BTG, acronimo di Bruno Traverso Guitars, fa dello studio sull'ergonomia, sul design e su personalizzazioni estetiche elaborate il suo punto di forza per una collezione di chitarre e bassi di liuteria che non corrono certo il rischio di passare inosservati.
Bruno Traverso sarà a SHG, il 15 novembre 2015 all'hotel Quark di Milano in contemporanea con Ritmi Show. Visita il sito ufficiale, il sito di SHG e consulta il catalogo che ti verrà consegnato in fiera per essere aggiornato su tutte le novità.
Nell'attesa, abbiamo raggiunto la sua squadra per conoscere meglio il loro lavoro.

Custom ed ergonomia a SHG40 con BTG

Tutti i visitatori dello scorso Custom Shop ricordano con molta curiosità lo stand, dove una Joy dal piglio assai moderno, intarsi intricati e una finitura burst verso il fucsia catturava l'attenzione di chiunque. Mi parli di quel modello in particolare e del lavoro che c'è dietro?
Innanzitutto grazie per lo spazio che ci offri per parlare di BTG e delle novità che stiamo preparando. Io sono Stefano, collaboro con Bruno Traverso da alcuni anni ormai, mi occupo principalmente dello sviluppo del brand. Quella chitarra in particolare è mia, io sono cliente affezionato di Bruno da molti anni, già da molto prima che iniziasse la nostra collaborazione. A mio avviso la Sirena ben rappresenta l’idea che sta alla base di BTG, la possibilità di una customizzazione totale dello strumento secondo i desideri del cliente, su un canvas, un modello BTG che riteniamo già perfetto per ergonomia e suonabilità. Non abbiamo desiderio di creare delle repliche di modelli già esistenti, intendiamo portare avanti i nostri concetti di design. Se un cliente vuole una Stratocaster o una Telecaster, il mercato è pieno di quelle autentiche e di repliche di ogni livello e prezzo.
Tornando alla Sirena, la chitarra è una Joy, una double cutaway molto rivista per quanto riguarda pesi, dimensioni e spessori da molti anni nel nostro portafoglio modelli che non è molto ampio perché sono forme in cui crediamo fortemente, scelte e affinate in anni di esperienza sul campo. La Sirena è una Joy HSH, che presenta un magnifico top e manico in acero flamed di spettacolare bellezza. La particolarità sta in un intarsio, lungo tutta la tastiera (in ebano del Gabon), di una sirena creata interamente a mano da Bruno in madreperla e abalone. È un intarsio molto prestigioso, con dettagli veramente di misura infinitesima, sicuramente non una cosa per tutti ma che visto dal vivo ha conquistato molti cuori. Ha comportato un grande lavoro come puoi immaginare prima di progetto, poi di scelta dei pezzi di conchiglie, sagomatura e poi di applicazione sulla tastiera. È molto importante che il lavoro sia estremamente attento e preciso perché un intarsio di questa dimensione potrebbe muoversi nel tempo oppure creare una tastiera amorfa, meno reattiva alle note. Non è così ovviamente, è un lavoro di cui siamo particolarmente orgogliosi. Questa Joy ha inoltre molte altre particolarità sia per ciò che riguarda l’impianto elettrico sia le quote del manico, elementi che richiesi espressamente collaborando con Bruno, per creare veramente uno strumento mio in ogni aspetto, che non avrei mai trovato sul mercato. Uno strumento davvero custom, perché custom per noi non vuol dire solo scegliere i legni o il colore, ma qualunque aspetto dello strumento, con particolare attenzione alle quote del manico che sono in gran parte ciò che crea quella magica intesa tra musicista e strumento. È questo che deve muovere a ordinare uno strumento custom a mio avviso. Il sogno di avere qualcosa di unico, di proprio, con cui avere l’intesa perfetta. Ci tengo a sottolineare che le chitarre BTG high end sono strumenti creati interamente a mano da Bruno Traverso, senza logiche industriali di contenimento dei costi, senza lasciare fasi di lavorazione a mano d’opera meno costosa, con hand picking dei legni e una progettazione e realizzazione complessiva di livello masterbuilding, per usare una terminologia oggi in uso.

Rapiti da quella chitarra si scopre che il vostro lavoro non è solo ricerca estetica, e che avete messo a punto anche un interessante concetto di ergonomia con la Sintesi. Come siete arrivati a quel design?
Sintesi è il nostro modello più recente che stiamo lanciando proprio in questi mesi. È un lavoro che ha richiesto un grande approfondimento sul design dello strumento, una grande auto-analisi per trovare le radici di ciò che per noi significa lo strumento in termini di bilanciamento, estetica, comfort. Nomen Omen, come si dice, Sintesi vuole essere proprio il distillato delle nostre idee in tema di ergonomia e balance dello strumento (chitarra e basso). Proprio in questi giorni stiamo ultimando le prime Sintesi e siamo molto soddisfatti. Sintesi è anche un concetto estetico e di suono oltre che di design. Vogliamo proporre essenze ricercate con finiture al naturale o a olio in modo da valorizzare la bellezza intrinseca delle essenze facendo di ogni chitarra o basso un pezzo davvero unico e allo stesso tempo lasciando al legno la possibilità di esprimersi al meglio, in modo che connoti al massimo la voce dello strumento. Siamo molto felici di questo step evolutivo di BTG e crediamo che il mercato riconoscerà il valore di questo lavoro.

Custom ed ergonomia a SHG40 con BTG

C'è anche una linea di chitarre "entry level". Come si fa a far combaciare la liuteria al mercato degli strumenti più abbordabili?
Alcuni produttori decidono di importare dal far east semilavorati, altri di far produrre direttamente in quei Paesi gli strumenti, con successivi controlli in house, ma con un abbassamento della qualità a nostro avviso troppo impattante. Le logiche per produrre strumenti a minor costo sono molte ma non tutte garantiscono la qualità. Noi siamo una liuteria e per noi non avrebbe senso abbassare il livello qualitativo per offrire al mercato molti strumenti BTG. Riteniamo che la richiesta di uno strumento BTG derivi sempre dalla ricerca della qualità dello strumento. Oggi non c’è certo penuria di strumenti cheap sul mercato. Con duecento euro oggi si può comprare uno strumento abbastanza preciso, cosa impensabile anni fa. Per cui noi intendiamo offrire sempre uno strumento di liuteria, di alta qualità per un prezzo accessibile. Per questo abbiamo creato la linea entry level. La logica che abbiamo seguito per difendere la qualità ma abbassare i costi è stata quella di eliminare tutti i fattori che alzano il prezzo di uno strumento perché comportano molte fasi di lavorazione o materiali particolarmente ricercati. Facciamo realizzare i manici a CNC sulla base di nostre quote, utilizzando eccellente acero canadese. Le schermature sono in vernice schermante come in tutti gli strumenti in commercio del resto (e non in fogli di rame come sui nostri strumenti più prestigiosi), i corpi, la componentistica e la realizzazione sono identiche alle top di gamma. Naturalmente le opzioni sono più limitate e non vengono utilizzate essenze ricercate o particolarmente figurate, ma comunque legni eccellenti, scelti per peso, voce, risonanza, e volume d’uscita.

Custom ed ergonomia a SHG40 con BTG

Questa sarà la 40esima edizione di SHG e faremo festa grande. Avete pensato a qualche sorpresa o un'offerta speciale per chi visiterà il vostro stand?
A SHG ci ripresentiamo dopo qualche anno con una linea completamente nuova, Sintesi, e con alcuni strumenti per i quali i musicisti italiani già ci conoscono, Joy, Virus etc. BTG ha avuto un processo di rinnovamento e di impulso notevole in questi mesi e siamo molto felici di ripresentarci in forze al mercato, confidenti di offrire un prodotto di assoluta qualità capace di garantire un piacere e una musicalità secondi a nessuno. Veniteci a trovare alla nostra postazione A15, avremo il piacere di mostrarvi le nostre novità! E per chi prenoterà a SHG lo strumento dei suoi sogni, applicheremo uno sconto fiera! A presto!
aspettando shg e ritmi show 2015 bruno traverso guitars shg milano 2015
Link utili
Bruno Traverso
SHG
L'evento di SHG su Facebook
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Reference visto da musicista e da produttore
SHG40 visto da Monica Moncada
SHG 40 visto da me
SHG secondo Redone Electronics
Top 3 made in Italy a SHG 2015
La Sciàtt di Giacomo
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964