CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Vai e Sheehan raccontano
Vai e Sheehan raccontano "Eat 'em and Smile"
di [user #116] - pubblicato il

La reunion della David Lee Roth band, per celebrare i trent'anni di "Eat'em and Smile" ha mosso tra i nostri lettori un interesse gigantesco. Così abbiamo scomodato i due protagonisti, Vai e Sheehan, per chiedere direttamente a loro, cosa ha reso così speciale e amato quel disco.
Steve Vai:
"Per me "Eat’em and Smile" resta il disco più spontaneo e naturale che ho mai registrato. La maniera in cui è stato realizzato, le condizioni in cui abbiamo inciso sono profondamente differenti da quelle nelle quali io generalmente registro. Nei miei lavori ogni cosa è pensata e ponderata a lungo, ogni passaggio è scritto e prodotto nel dettaglio. "Eat' em and Smile" è un disco verace, nato e registrato catturando in fretta l’emozione e l’adrenalina di una rock band appenata nata. E’ un disco uscito suonando e provando live. E il risultato è quello di un lavoro incredibilmente potente ed energico."
 
 
 
Billy Sheehan:
"Eat’em and Smile è stato registrato nella maniera in cui sarebbe giusto fare un disco. La stessa maniera con la quale, qualche anno fa, ho inciso “What If” dei Mr. Big.
Stando tutti insieme, nella stessa stanza, in studio di registrazione, scrivendo assieme le canzoni. Per questo considero "Eat’em And Smile" e "What If" (ma anche "Lean Into It", sempre dei Mr. Big) i migliori album della mia carriera. Perché nasco da un autentico lavoro di band: da musicisti che lavorano realmente assieme agli arrangiamenti, alla scrittura dei brani. Io, Steve Vai e Gregg Bissonette ce ne stavamo a jammare nella stessa stanza, proponendo idee, spunti, arrangiamenti. Quando qualcosa di interessante iniziava a girare David Lee Roth scendeva dalla regia e ci diceva per esempio: “La cosa che avete suonato potrebbe essere una buona strofa. Ora inventiamoci qualcosa per un ritornello!” E quindi correva di nuovo in regia a scrivere qualche testo che avrebbe potuto funzionare. E via così: le canzoni nascevano lavorandoci assieme, pezzo dopo pezzo, una alla volta fino a che non ci siamo trovati l’intero album in mano. Ed era una figata: eravamo davvero amici l’uno con l’altro, ci divertivamo facendo un sacco di casini, spendendo un sacco di tempo assieme, raccontandoci storie e salendo sul palco come dei fratelli. Questo è il segreto che rende ancora magico questo disco. In uno degli ultimi tour in Sud America con i Mr. Big mi sono trovato a firmare ancora centinaia di copie di "Eat Em And Smile"!
E se oggi i Foo Fighters sono così grandi e hanno vinto un Grammy è perché lavorano allo stesso modo di come abbiamo lavorato noi. E’ una formula che funziona ancora alla grande!
 
billy sheehan david lee roth interviste steve vai
Link utili
"Eat 'em and Smile" su Amazon
Il sito di Steve Vai
Il sito di Billy Sheehan

Mostra commenti     7
Altro da leggere
Marty Friedman: un arpeggio di Maj7
Paul Gilbert: un lick blues in cinque
Paul Gilbert e la scala Blues definitiva!
Eric Johnson insegna i suoi accordi
Tony MacAlpine: Sweep & Tapping da morire...
Tony MacAlpine: arpeggi e salti d'ottava
Steve Vai: "Passion and Warfare Tour" con Dolcetti
Steve Vai, Guitar Extravaganza!
Muri di chitarre alla Foo Fighters
Quando il Dio della chitarra andava a lezione - Intervista a Steve Vai
Steve Vai e la chitarra che suona da sola
Paul Gilbert: se potessi tornare indietro
Steve Vai & David Lee Roth: troppo famosi per suonare
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964