CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Tre ragioni per amare un microfono
Tre ragioni per amare un microfono
di [user #116] - pubblicato il

Poco ma sicuro. Non c'è chitarrista al mondo più felice di quello che può preoccuparsi solo di suonare. E lasciare spensierato al fonico il suo lavoro: scegliere quale microfono usare e come. Ma è un mondo difficile: tanto spazio per idee e progetti, poca grana per realizzarli. Dove un fonico è un lusso e i chitarristi che sanno arrangiarsi lavorano di più.
Per questo, siamo felici da qualche mese di ospitare questo ciclo di lezioni con Enrico Santacatterina. Una piccola guida di sopravvivenza per aiutare i chitarristi a conoscere i microfoni basilari per la ripresa delle chitarre elettriche: capire come funzionano e come si usano. E soprattutto, un aiuto per diventare più autonomi, partecipi e professionali nelle occasioni in cui potranno finalmente lavorare con un vero fonico.

Tre ragioni per amare un microfono

Oggi parliamo ancora di microfoni a condensatore e impariamo tre loro caratteristiche fondamentali.
I microfoni a condensatore sono alimentati a phantom e hanno una sensibilità molto più alta rispetto a quelli dinamici. Questa maggiore sensibilità consente di usare molto meno gain e quindi permette di gestire un suono nel quale sono sensibilmente ridotti i rumori indesiderati. 
La seconda caratteristica di questa tipologia di microfoni (anche se non necessariamente presente su tutti i modelli) è la possibilità di attenuare la sensibilità di ripresa del microfono: si potrà adattare la sensibilità del microfono sulla base delle nostre esigenze di volume. 

Tre ragioni per amare un microfono

Questa capacità del microfono che non è importante per chi suona con ampli ridotti e a volumi contenuti. Viceversa, su palchi grandi e con testate e amplificatori sparata a volumi importanti, si potrà attenuare la sensibilità di ripresa direttamente dal microfono e questo, si rivelerà uno strumento di lavoro prezioso.
Infine, terza e ultima caratteristica dei microfoni a condensatore, è la possibilità offerta da un filtro capace di tagliare le frequenze basse indesiderate. In buona sostanza, sarà possibile far sì che il microfono non senta, letteralmente ignori determinate frequenze basse indesiderate, frequenze che potrebbero compromettere la pulizia e facile gestione del mix. E – dettaglio fondamentale - non si tratterà necessariamente di frequenze basse generate dalla nostra chitarra; su un palco piccolo, potrebbero essere quelle che scappano dal  vicino amplificatore per basso, per intrufolarsi e incasinare la ripresa del nostro.

enrico santacatterina lezioni
Link utili
I microfoni usati in queste lezioni
Il sito di Enrico Santacatterina
Mostra commenti     11
Altro da leggere
Muri di chitarre alla Foo Fighters
"Through The Barricades" degli Spandau Ballet: Insidie da pop anni '80
Racer Café: intervista a Enrico Sesselego
Padroni del proprio suono
Microfono: il primo equalizzatore
Sempre più in basso
Cesareo: bisogna ascoltarsi
Le chitarre de "Il muro del suono"
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964