CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Paul Gilbert: famoso per cose di cui mi scuso
Paul Gilbert: famoso per cose di cui mi scuso
di [user #116] - pubblicato il

Paul Gilbert spiega l'errore più comune di tanti chitarristi troppo concentrati sulla tecnica e il virtuosismo: scordarsi che quello che suonano dovrebbe funzionare applicato alla musica. Invece, praticano per ore solo fraseggi funambolici, senza preoccuparsi della loro musicalità o - peggio ancora - costruiscono canzoni come pretesto per sciorinare le loro acrobazie sulla sei corde. Peccati di gioventù che lo stesso Gilbert, oggi si rimprovera.
"Il problema dei tanti esercizi, di tanta tecnica chitarristica, dei lick shred che ho insegnato nei miei metodi è che molti musicisti li studiano e suonano fuori dalla musica. Suonano questi fraseggi, questi passaggi separatamente, quando invece sono stati scritti e composti per stare dentro la musica, come parte di una canzone, sia pure quella più funambolica, magari nel cuore di assolo.
Isolati dalla musica, decontestualizzati, questi lick sono suonati con l’unico obbiettivo di farli il più velocemente possibile. E invece l’obbiettivo dovrebbe essere un altro: riuscire a incastrare i lick nella musica, farli funzionare sul tempo.
Quando suono sono totalmente concentrato sul tempo, sulla pulsazione della batteria. Se suonando su un pezzo, anziché assecondare queste cose ci suoni sopra un lick velocissimo, snocciolato più veloce del groove della base, non va bene! Perché non c’entra nulla, non gira assieme alla canzone. Gran parte dei fraseggi che siete abituati a sentirmi suonare veloce, vengono dal mio lavoro con le band, dal fatto di suonare canzoni assieme ad altri musicisti. Nascono per essere applicati in un contesto musicale reale. Non per essere suonati da soli! 
 
Paul Gilbert: famoso per cose di cui mi scuso
 
Ho sviluppato i miei fraseggi suonando e improvvisando su classici del rock come "School's out" di Alice Cooper; partivo dal riff e dal groove del pezzo e i lick che suonavo dovevano girare su quel tempo, su quella tonalità.
Poi quando suoni, quando improvvisi c’è sempre qualcuno che ti dice: “Ok, ma adesso, plettra velocemente!”. Va bene, posso farlo ma a patto che questo vada a tempo con il groove, funzioni con il brano che sto facendo.
Ma nemmeno questo è sufficiente. Perché poi, la cosa più importante è chiudere questi fraseggi veloci in maniera sensata: con delle pause, delle chiusure coerenti e convincenti. Ed è pazzesco perché -credimi - il 99% dei chitarristi che sento shreddare non sono in grado di chiudere i loro fraseggi in maniera sensata. Il loro playing è un aereo che continua a volare alla stessa altezza senza scendere o salire mai di quota! 
 
Paul Gilbert: famoso per cose di cui mi scuso
 
Per questo è fondamentale suonare in una band, suonare delle canzoni: così da costringersi a dare musicalità a fraseggi che altrimenti resteranno solo esercizi di tecnica. Così ho fatto io.
Per carità, anch’io per un piccolo periodo della mia vita mi sono esercitato solo sulla tecnica, eseguendo da soli lick e fraseggi. Ed era buffo perché in quel periodo costruivo le canzoni attorno ai miei lick. Le canzoni erano le cornici attorno al mio fraseggio shred. Quando dovrebbe essere esattamente il contrario.
E sfortunatamento, in qualche maniera, sono diventato famoso per questo. Ma davvero mi scuso per aver fatto musica in questo modo."
 
lezioni paul gilbert
Link utili
Il sito di Paul Gilbert
La pagina di Paul Gilbert sul sito Ibanez
Mostra commenti     39
Altro da leggere
Beyond The Blues - Le pentatoniche di Carl Verheyen
Dolcetti e The Aristocrats: serata a tutta musica
Matt Schofield: esercitarsi sulle scale è uno schifo
Metà show ad accordare, l'altra metà a suonare scordati
Bruce Bouillet: string skipping sotto i raggi X
Michael Angelo: paura e delirio in alternata
Cesareo boccia gli scordati
Michael Angelo: arpeggi acrobatici
Paul Gilbert, Sergio Baracco e Maurizia Paradiso entrano in una VHS...
Paul Gilbert: la velocità nasconde le brutture del suonato
Paul Gilbert: perchè il blues è meglio del metal
Le chitarre de "Il muro del suono"
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964