VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Tumnus: in prova il mini-Klon Wampler
Tumnus: in prova il mini-Klon Wampler
di [user #17844] - pubblicato il

Il Tumnus replica al dettaglio l'introvabile Klon Centaur con un prezzo più umano e in un contenitore in miniatura. Abbiamo provato l'overdrive Wampler per scoprire se è all'altezza del suo riferimento.
Il Centaur è uno degli overdrive più imitati di sempre, vuoi per il suono dinamico e rispettoso della strumentazione che gli si impartisce, vuoi perché portarsi a casa un Klon originale oggi è una vera impresa.
Ciò che rende unico lo stompbox mitologico (di nome e di fatto), è che raramente costruttori e appassionati tentano di progettare modifiche e alternative al circuito originale come accade con altri modelli di riferimento per il mercato, bensì tentano continuamente di rincorrere il clone perfetto, annunciando ogni volta l'ennesimo "uguale più uguale" fino ad affollare gli scaffali con copie per ogni fascia di prezzo, con nomi più o meno ispirati direttamente all'originale e sempre con un suono riconoscibile, apprezzabile anche nelle repliche più abbordabili. Qui su Accordo abbiamo affrontato l'argomento più volte, fino anche a confrontare direttamente due repliche particolarmente riuscite in questo articolo.
A questo punto viene da chiedersi se abbia ancora un senso produrne altri, ed ecco che arriva Wampler a cercare di dare una risposta con una revisione tutta personale dell'overdrive col centauro: il Tumnus.

Tumnus: in prova il mini-Klon Wampler

Ancora una volta il pedale richiama creature mitologiche e, invece di un ingombrante quadrupede, sullo chassis del Wampler compare un più snello fauno. Mai nome fu più adeguato, perché il Tumnus (che non sorgerà nuovo ai fan de Le Cronache Di Narnia) propone esattamente quello che è il rapporto tra un centauro e un fauno: sempre mezzo uomo e mezzo animale, ancora con gli zoccoli, ma grosso meno della metà rispetto all'originale.
La formula del Tumnus sta esattamente nelle sue dimensioni ridotte, capaci di fargli trovare spazio in qualunque pedaliera anche affollata, mentre il circuito viene presentato come una replica perfetta del Klon. Dopo averlo visto in anteprima al tempo della sua presentazione in questo articolo e averne adocchiato uno al Centro Chitarre di Napoli, la prova era d'obbligo.

Parlare delle caratteristiche tecniche del Tumnus sarebbe superfluo. Come l'originale ha le tre manopole di Volume, Gain e Tono, ha un buffer di alta qualità attivo quando il pedale è in bypass e offre un livello di gain tutto sommato contenuto, ideale per crunch leggeri, per spingere altri pedali come un boost o per ottenere una saturazione sufficiente a blues e rock in particolare se accoppiato a un valvolare già sulla soglia di breakup. Com'è prevedibile, date le sue dimensioni, funziona solo con un alimentatore esterno.


Quando si mettono le mani su un clone del Centaur, l'attenzione va tutta alla reattività del pedale e alla ricchezza del suono.
Diciamoci la verità, molti produttori hanno presentato alternative valide a prezzi più contenuti degli oltre 200 euro necessari a portarsi a casa il piccolo Tumnus, quindi le differenze vanno ricercate nelle sfumature date non tanto dal circuito in sé quanto dalla cura nella realizzazione, dalla qualità dei componenti e dall'affidabilità dell'insieme.

Il Tumnus è minuscolo e solido, da piazzare in qualunque punto della pedalboard senza sforzi. Questo è decisamente un bene. Il piccolo chassis però rende le manopole un po' troppo vicine, e girarle non è la cosa più comoda del mondo. Per lo stesso motivo, è davvero raro che le si sposti per errore quindi, più che di un difetto, si può parlare di una caratteristica comoda o meno a seconda di quanto si è abituati a spippolare un pedale durante i live.

Tumnus: in prova il mini-Klon Wampler

Quanto al suono, nulla da dire: è un Centaur con tutte le armoniche al posto giusto. Stupisce però la sensibilità al tocco e al volume della chitarra: il Wampler si pulisce facilmente anche se, a causa della poca compressione che arriva con la distorsione, tende a perdere un po' di volume prima di tornare pulito al 100%.
Definito in ogni condizione, rende ogni accordo croccante e intellegibile. Tutte le note risaltano senza una sbavatura, e il suono risulta aperto sugli acuti e con bassi profondi. Con livelli di gain ridotti sembra una caratteristica tutto sommato comune, ma che si fa più rara rispetto alla concorrenza man mano che si spinge sulla saturazione.

Il Wampler Tumnus ci è piaciuto molto. Fa quello che deve fare e lo fa bene, suona da pedale boutique e costa come tale, ma senza esagerare. In più, occupa davvero poco spazio, e anche per questo merita decisamente l'attenzione di chiunque cerchi una spinta di volume extra (e qui ce n'è davvero tanto), un colore nuovo o un overdrive leggero con una dignità tutta sua avvalendosi della garanzia del laboratorio di Martinsville, Indiana.
effetti e processori tumnus wampler
Link utili
Tumnus su Accordo
Wampler Tumnus
Centro Chitarre
Mostra commenti     24
Altro da leggere
Wampler ingabbia e trasforma un classico anni ’90 nel Mofetta
L’overdrive trasparente è un malinteso: la teoria di Brian Wampler
Ho comprato il TS9 a causa dei multieffetto, e l’ho odiato
Tumnus diventa Germanium con una partita di diodi storicamente corretti
Ampli, effetti e un nuovo sistema cabinet negli ultimi firmware per Helix e POD Go
Gli amp-in-a-box Wampler tornano in serie limitata
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964