CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Come si microfona un amplificatore in studio
Come si microfona un amplificatore in studio
di [user #116] - pubblicato il

L'approccio con il quale si microfona un amplificatore per chitarra in studio di registrazione rispetto a un live è sensibilmente diverso. In studio, il nostro ampli è lontano da tutti gli altri rumori, suoni e frequenze che sul palco, durante, un concerto letteralmente lo circondano.
Guidati da Enrico Santacatterina, oggi iniziamo a parlare di come microfonare un amplificatore per chitarra in studio di registrazione. Ragioneremo sempre sulla possibilità di avere una ripresa stereo, quindi con due microfoni, uno dinamico e l’altro a condensatore, posizionati di fronte al cono dell’amplificatore. Per prima cosa è da chiarire la rilevante differenza tra la filosofia d’uso della microfonazione che si ha dal vivo e in studio. Dal vivo le caratteristiche e il posizionamento dei microfoni non sono sfruttati solo per catturare al meglio il suono della chitarra; saranno anche funzionali a correggere, risolvere ed evitare sonorità e frequenze indesiderate alle quali l’amplificatore per chitarra è sottoposto stando posizionato sul palco tra altri amplificatori, monitor e altri strumenti. 
Dal vivo è quindi necessaria una particolare attenzione tanto a quello che i microfoni devono catturare, tanto a quello che non devono catturare. In studio queste problematiche non esistono. Nella situazione standard, l’amplificatore è in sala di ripresa, il chitarrista è in regia e i microfoni avranno unicamente il ruolo di riprendere al meglio ciò che si suona.

Come si microfona un amplificatore in studio

 Il microfono dinamico potrà dedicarsi completamente alla parte più dinamica e calda del timbro chitarristico, quella totalmente centrata sulle medie, lasciando al condensatore il ruolo di compensare aggiungendo le frequenze più basse e quelle più acute, carenti nel primo microfono.
Mentre la posizione migliore del microfono dinamico è inequivocabilmente vicino al cono dell’amplificatore avremo due opzioni per come posizionare quello a condensatore. Oltre a posizionare il microfono a condensatore vicino all’amplificatore, potremmo anche valutare di posizionarlo più lontano, a 50, 60 cm, facendo sì che oltre al suono della chitarra questo catturi anche l’ambiente e il suono della stanza di ripresa in cui l’amplicatore è posizionato. Questo regalerà maggiore proiezione sonora, aria e profondità al suono. Questo ha, ovviamente, senso solo se la stanza dedicata alla ripresa ha un suono interessante e armonioso. 

enrico santacatterina lezioni
Link utili
I microfoni usati in questa lezione
Il sito di Enrico santacatterina
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Le Semi Pentatoniche di Luca Colombo
Bruce Bouillet: "Lo sweep più famoso dei Racer X"
Accordi a modo con la pentatonica
Padroni del proprio suono
Microfono: il primo equalizzatore
Sempre più in basso
Chicago blues: shuffle e corde a vuoto
Bomba: meglio il blues o lo shred?
Chi mi aiuta con gli accordi?
Supersonic Blues Machine
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964