CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
BRBS: ecco perché ti serve un ampli più potente
BRBS: ecco perché ti serve un ampli più potente
di [user #116] - pubblicato il

I piccoli lunchbox avanzano inesorabili, ma a Custom Shop Milano più di un costruttore si è mostrato fedele alla linea del "più grande è meglio". BRBS è in prima linea tra i produttori di amplificatori potenti e voluminosi, e ha le idee ben chiare sul perché una testatina portatile non li scalzerà mai.
Sempre più chitarristi preferiscono dismettere le grandi testate valvolari dal wattaggio elevato in favore di sistemi più piccoli e di minor potenza. Un cosiddetto lunchbox da pochi watt permette di tirare per il collo le valvole senza ricorrere a volumi esagerati e, secondo molti, quando si va dal vivo basta piazzargli un microfono davanti per adattarlo a qualunque contesto musicale. Non da ultimo, una testata da una decina di watt pesa generalmente davvero poco, e nel carico-scarico di un concerto non è un aspetto da sottovalutare.

BRBS: ecco perché ti serve un ampli più potente

Esiste però anche una schiera di musicisti saldamente ancorata all'idea che nulla possa sostituire la pasta e le possibilità sonore di un amplificatore valvolare con una riserva di volume enorme. Al Custom Shop Milano, gli amplificatori dai cinquanta watt a salire erano in netta maggioranza numerica, e siamo andati da quello con le testate più grosse di tutti per conoscere la sua opinione a riguardo.
Ecco cosa ci ha raccontato Sebastiano Barbirato di BRBS, ovvero "La rivincita degli ampli giganti".


Al Custom Shop, BRBS ha presentato la Classic Rock, una testata con la bellezza di 50 watt di point-to-point in 17Kg totali.
L'amplificatore ha cinque 12AX7 nel preamplificatore e un finale alimentato da una coppia di EL34, ma a richiesta lo si può avere anche con 6L6, 6550, KT66 o KT88.
Ha tre canali per passare dal clean al crunch fino al lead gestendo separatamente volumi e gain di ognuno, mentre l'equalizzazione a tre bande è in comune. Il loop effetti è in parallelo e ha un controllo di mix dedicato. In più è previsto un potenziometro per il Presence sull'uscita generale dell'ampli ed è inserito anche un booster attivabile a pedale, com'è selezionabile tramite switch anche il passaggio tra i canali.
Quanto alla versatilità e alla pasta del suono dei suoi amplificatori, non si può che dare ragione a Sebastiano, e chi li ha provati lo scorso 20 marzo lo sa bene.
amplificatori brbs classic rock custom shop milano 2016
Mostra commenti     67
Altro da leggere
Blackstar St. James: 50w non sono mai stati così leggeri
Spark Mini: ampli smart Positive Grid in miniatura
Line 6 Catalyst: il digitale torna combo
Su RadioFreccia torna True Lies con i Led Zeppelin
Classe-I: un doppio classe-D?
Il nuovo ampli Laney di Justin Hawkins… che non troverai nei negozi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964