VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Lo strumento sbagliato può farti odiare un pickup?
Lo strumento sbagliato può farti odiare un pickup?
di [user #20470] - pubblicato il

Il pickup ha grande importanza nel suono di uno strumento, ma è solo uno fra tanti elementi che determina il risultato finale. È possibile che il montaggio dello stesso ottimo pickup su due strumenti differenti dia non solo un risultato diverso, ma del tutto deludente?
Da anni, ho un DiMarzio PAF Pro montato su una Greg Bennett simil PRS e, dato che ne sono innamorato, ho deciso di montarlo anche sulla Ibanez PL1880. Sulla Greg Bennett suona alla Van Halen, pieno di armonici, facilita tantissimo il palm muting che viene bello pieno.
Sulla Ibanez invece il suono che ne esce è spompo, spento, scarico, non escono gli armonici come sull'altra. Sono molto deluso. E sono sicuro che i collegamenti sono stati fatti nel modo corretto.
Da cosa può dipendere? Può essere colpa di diverso valore dei potenziometri?

Lo strumento sbagliato può farti odiare un pickup?

Risponde Pietro Paolo Falco: dando per buoni i collegamenti che hai effettuato e senza considerare il fatto che una chitarra potrebbe semplicemente essere migliore dell'altra, i fattori che potrebbero determinare le differenze di cui parli sono molteplici.
Bisogna innanzitutto comprendere di trovarsi davanti a due strumenti completamente diversi, sia per materiali sia per progetto.
Le Ibanez della serie PL hanno generalmente un body in ontano con manico avvitato in acero, ponte stile Floyd Rose e una scala da 25,5 pollici. Le Greg Bennett (immagino tu ti riferisca alla serie UM) hanno body e manico in mogano incollati tra loro, scala corta (24,75 pollici) e, a seconda dei modelli, un ponte stile Tune-o-matic o un vibrato tradizionale.
Su carta, la prima è più vicina a una chitarra d'estrazione Stratocaster, mentre la seconda è molto simile a una Les Paul. Per intenderci, siamo agli antipodi, ed è naturale che lo stesso pickup restituisca effetti molto diversi, fino anche a suonare male se abbinato a una chitarra che non ne riesce a mettere a fuoco i suoi punti di forza, vuoi per scelte costruttive o vuoi per fattori legati alla qualità dell'insieme.
Ogni dettaglio contribuisce al suono generale di uno strumento ed è bene considerare anche questo quando si va a sostituire una parte: non ci sono componenti miracolosi, ma solo un equilibrio migliore (oggettivo o soggettivo che sia). I legni, l'hardware, il metodo di assemblaggio e anche la lunghezza del diapason, tutto ha un'importanza capitale e il pickup, per quanto cruciale, è uno fra tanti elementi. Quanta sia la sua responsabilità in percentuale sul risultato finale è tuttora argomento di discussione tra musicisti, liutai e costruttori di sorta.
Ciò detto, non è da escludere che anche il circuito contribuisca all'effetto. Dal momento che la PL1880 monta anche due single coil, è possibile che i progettisti abbiano preferito usare dei potenziometri dal valore leggermente più basso, che tendenzialmente scuriscono un po' il suono controbilanciando la brillantezza della bobina singola. La Greg Bennett, invece, ha due humbucker e potrebbe usare potenziometri di valore superiore. Puoi approfondire l'argomento con questo interessante studio di Luca Villani. Si tratta comunque di sfumature che non giustificherebbero da sole la trasformazione radicale che lamenti.
1880 chitarre elettriche dimarzio greg bennett ibanez paf pro pickup pl um4
Link utili
Luca Villani spiega i potenziometri
Mostra commenti     16
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Julietta: la Duesenberg più accessibile
XJ-1 HT: cattivissime offset da LTD
Contour, tastiera compound e push-pull per la LP Studio Modern 2024
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964