VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Perché i fuzz hanno chassis così grandi
Perché i fuzz hanno chassis così grandi
di [user #16167] - pubblicato il

Nonostante l'esigua quantità di pezzi al loro interno, i fuzz hanno sempre avuto dei case enormi. Qual è la ragione tecnica che si nasconde dietro le dimensioni apparentemente sproporzionate di Fuzz Face, Tone Bender, Vox e Octavio?
Il fuzz è tra gli effetti più elementari, elettronicamente parlando. Bastano pochi componenti per assemblarne uno e i più grandi fuzz della storia sono basati su una manciata di resistenze, condensatori e qualche diodo. Eppure, storicamente sono spesso associati a dei contenitori enormi, sovradimensionati rispetto alle piccole PCB in cui qualunque costruttore odierno saprebbe mettere in fila il tutto.
Dal Tone Bender al Fuzz Face, i miti del passato sono tutti terribilmente grossi, e abbiamo chiesto il perché a chi ne sa qualcosa. Marco Bovelli di Formula B, artigiano specializzato proprio nella replica di fuzz storici, spiega il perché di questa curiosa scelta.
 
Perché i fuzz hanno chassis così grandi
 
Risponde Marco Bovelli di Formula B: per trovare una soluzione al quesito bisogna tornare al 1965, quando è stato inventato il primo fuzz. Il Gibson Maestro Fuzz-Tone.
Il circuito di questo pedale in effetti aveva bisogno di spazio per essere alloggiato, perché era assemblato "in aria". È proprio questo il termine tecnico, cioè non c'era una scheda stampata, con i suoi componenti inseriti e composti, ma un miscuglio di resistenze e transistor saldati tra di loro in modo disordinato. (Vedi gallery) Da ricordare che questo circuito è nato da un esperimento mal riuscito!

Successivamente Gary Hurst ha ideato il Tone Bender inserendo il circuito in una enclosure ben più grande del maestro Fuzz-Tone (credo che sia il pedale più grande della storia) con le sue misure di 20cmx10cmx8cm.
In questo caso il motivo potrebbe essere stato l'uso di condensatori non polarizzati e molto grandi. Infatti per aumentare il sustain e correggere il tono fuzz/trombetta del Fuzz-Tone, Gary creò un nuovo circuito più vicino al distorsore di oggi che al fuzz, utilizzando dei condensatori in carta (paper in oil) da 650/1000 volt (!) e resistenze a impasto di carbone da 1 Watt, enormi, difficili da inserire in un piccolo pedale.
 
Perché i fuzz hanno chassis così grandi

Cinquant'anni fa non esistevano micro componenti perché l'elettronica era utilizzata in grandi macchinari, nelle prime televisioni per esempio, e tutto ad alta tensione. Quindi non c'era ancora l'idea dell'elettronica tascabile.

Anche se erano sufficienti componenti elettronici per basse tensioni, si utilizzavano quelli grandi perché semplicemente non ne esistevano di più piccoli.

Guardando invece il box del Fuzz Face ideato alla fine degli anni '60 si nota realmente che l'enclosure è sproporzionata rispetto a quello che c'è dentro: nove componenti in tutto tra resistenze e condensatori. In questo caso la scelta è stata sicuramente estetica, infatti l'idea di quella forma bizzarra è venuta guardando la base tonda di un'asta microfonica.

La scelta di utilizzare enclosure di grandi dimensioni sui primi effetti a pedale, quindi, è stata sicuramente perlopiù tecnica, ma anche estetica in secondo luogo.
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Nel mio caso invece ho cercato di trovare un compromesso, utilizzando sì componenti NOS analogici per dare quel tocco vintage all'effetto, ma senza compromettere lo spazio in pedaliera.
Il mio Mini Bender infatti misura 12cm x 7cm x 5cm di altezza pur ospitando all'interno un circuito con componenti vintage di medie dimensioni!
effetti e processori formula b
Link utili
Formula B
Mostra commenti     16
Altro da leggere
Ho comprato il TS9 a causa dei multieffetto, e l’ho odiato
Drigo, gli spippolatori e i pedali senza manopole
Ampli, effetti e un nuovo sistema cabinet negli ultimi firmware per Helix e POD Go
Formula B: pedali di alta qualità Made In Italy
A SHG, Formula B costruisce uno stompbox davanti ai tuoi occhi
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964