DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il vibrato
Il vibrato
di [user #42145] - pubblicato il

Lezione di canto. Affrontiamo un elemento tecnico fondamentale per l’espressività esecutiva del cantato, il vibrato. In questa lezione lo descriviamo, dividiamo in tre classificazioni principali e proponiamo una serie di esercizi per affinarlo.
Il vibrato è un’oscillazione del suono o variazione di altezza tonale (all’incirca 1 semitono) che avviene grazie ad un corretto sostegno diaframmatico e, di conseguenza, attraverso un costante e regolare afflusso di fiato. Per eseguire un vibrato naturale e piacevole all’ascolto, bisogna evitare tensioni muscolari e portare il suono in maschera. 
Il vibrato, infatti, ha origine dai muscoli cricotiroidei e per consentire alla laringe movimenti regolari bisogna che questa sia libera da costrizioni e tensioni. Immaginate il vibrato come un’onda; in base alla distanza tra un’onda e l’altra si possono distinguere tre principali classificazioni di vibrato. 
La prima è il vibrato a bassa frequenza, quando la distanza tra un’onda e l’altra è molto ampia; questo vibrato può risultare un po’ datato come stile.
Vibrato a media frequenza: quello che risulta più “naturale” all’ascolto. Vibrato ad alta frequenza: la distanza tra un’onda e l’altra è molto breve; viene anche chiamato vibrato stretto o “caprino” il che fa intuire che non sia proprio piacevole per chi ascolta. Generalmente è causato da una tensione eccessiva, un restringimento della gola e un conseguente mancato supporto di aria. Questo vibrato non va in alcun modo confuso con il trillo che invece è un abbellimento.
Prima di metterci al lavoro con gli esercizi che ho preparato per affinare la tecnica del vibrato, un’ultima importante raccomandazione:
Quando si esegue un vibrato non bisogna necessariamente muovere la mandibola.

Il vibrato

Ecco cinque esercizi per affinare questa tecnica:

  1. Eseguite un “humming” con altezza tonale di 1 semitono prima lentamente e poi velocemente.
  2. Pronunciate una “Z” come ad imitare il suono di un’ape prima lentamente poi velocizzate il movimento. 
  3. Pronunciate il fonema “wo” prima lentamente poi velocemente.
  4. Pronunciate una “A” con altezza tonale di 1 semitono prima lentamente poi velocemente.
  5. Eseguite una nota lunga pronunciando una “A” dapprima senza vibrare e poi vibrandola sul finale. Procedete aumentando man mano di un semitono cercando di coprire almeno un’ottava

lezioni di canto roberta frighi
Link utili
La pagina di Roberta Frighi
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Lezioni di canto
Canto: lo strumento voce
Appoggio & Sostegno
Il suono in maschera
Come affrontare le note acute
Canto: la tecnica dell'Humming
Dado, Robi e la Carmen che ha stregato il web
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964