CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues
Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues
di [user #17404] - pubblicato il

Chitarra moderna. La scala più conosciuta e utilizzata dai chitarristi viene stiracchiata in una diteggiatura a tre note per corda che ne agevola fraseggi veloci e strutturati in maniera più tecnica e articolata. Un'idea tecnicamente stimolante da affiancare al fraseggio tradizionale per vivaci impennate ritmiche.
Michael Lee Firkins verrà ricordato per essere stato il primo musicista a sperimentare interessanti commistioni tra il fraseggio country e bluegrass e il linguaggio moderno del chitarrismo post Van Halen. La differenza tra lui e i tanti altri chitarristi che hanno mescolato fraseggio metal e shred con elementi armonici di chiara matrice bluesy (Paul Gilbert, Joey Tafolla, Greg Howe su tutti…) è che in questi, la matrice della proposta musicale restava saldamente metal (o fusion) arricchita poi, in maniera più o meno marcata, da sfumature blues. Nel caso di Michael Lee Firkins, invece, ci si trovava di fronte a un verace e genuino chitarrista country, rock, blues che si divertiva utilizzando anche modernissimi chops da shredder con suoni e soluzioni di arrangiamento metal.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Abbiamo chiesto a Michael Lee Firkins di mostrarci alcune soluzioni tecniche per riuscire a portare elementi tradizionali del fraseggio blues a livelli di fluidità esecutiva superiori, funzionali a reggere la spinta di arrangiamenti hard rock e metal. (Ricordiamo che nel suo disco d’esordio Firkins aveva una sezione ritmica travolgente con James Kottak degli Scorpions alla batteria e Jeff Pilson dei Dokken al basso).
L’esempio proposto interessa una scala blues, scala formata da una pentatonica minore (T, b3, 4, 5, b7) arricchita con la sua nota blues, la b5. Ragionando in Am avremo quindi: A, C, D, Eb, E, G.
Per capire la formazione della diteggiatura proposta da Firkins, dovremo fare riferimento al box di pentatonica che parte dal settimo grado minore, nel nostro caso il G. Isoliamolo e poi limitiamoci a considerarlo sviluppato partendo dalla b3 C e solo sulle tre corde più alte, il G, il B e il E. Inseriamo anche la blue note, ottenendo sulla corda di B il cromatismo D, Eb e E tra 4° e 5°.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Già in questa semplice diteggiatura, ci troveremo sotto le dita un box estremamente musicale e facile da suonare a una certa velocità. Tant’è che, due tra i più celebri lick shred blues di Paul Gilbert, sono sviluppati proprio su questa diteggiatura. Ripassiamoli:

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

A questo punto, prendiamo la nota più bassa - il C suonato al 17° tasto sulla corda di G -  e spostiamolo un’ottava più in alto, al 20° sul E cantino. Creeremo in questa maniera un box a tre note per corda.
Notoriamente le diteggiature a tre note per corda, visto il loro carattere quasi simmetrico, agevolano esecuzioni tecniche ben organizzate e strutturate in maniera meccanica in legato, alternate picking, tapping. Tutte soluzioni funzionali, appunto, alla fluidità e velocità del suonato.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Una volta individuata la diteggiatura, estendiamo subito su tre ottave.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Già disposta in questa maniera, la scala blues si presterà a soluzioni esecutive perfette per applicazioni tecniche moderne. Proviamola, per esempio, in pennata alternata su questo pattern in sestine di sedicesimi.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Ora, invece, affrontiamola come Firkins nel video, interpretandola attraverso una pronuncia ritmica variegata: ottavi, quarti puntati, sedicesimi…acquisirà un carattere articolato e frizzante, vicino alla vivacità e ai colori del blues tradizionale ma con la possibilità di velocità e fluidità maggiori e accelerazioni ritmiche agevolate dalla diteggiatura.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Quindi, isoliamo due lick estrapolandoli dall’improvvisazione suonata da Firkins.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Il primo lick sono delle mitragliate in quintine di sedicesimi. Attenzione alla pennata che non è rigorosamente alternata ma contempla dei passaggi in legato. Si osservi inoltre, che il pattern si appoggia e batte sulla blue note, la 5b,  contribuendo a una sonorità particolarmente spigolosa del fraseggio.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Il secondo lick invece, è un veloce fraseggio in sestine di sedicesimi, molto tradizionale e bluesy nella sonorità, modernissimo nella proiezione tecnica e nelle diteggiature utilizzate.

Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues

Attenzione all'utilizzo, delizioso, della leva vibrato, vero trademark del chitarrismo di Michael Lee Firkins! La leva è tenuta tra mignolo e anulare, e colora con ampli e nervosi vibrati ogni nota lunga e d'appoggio del fraseggio. A volte inoltre, scandisce con una leggere inflessione l'inizio delle frasi, simulando un singolare effetto slide.

lezioni michael lee firkins
Link utili
Il sito di Michael Lee Firkins
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

di Carrera [user #31493]
commento del 02/05/2016 ore 17:03:49
Spettacolare! Pure il suono bellissimo. Raro far suonare queste cose con un suono così grosso. Da studiare di corsa!...Grazie!
Rispondi
di bluesDany [user #12803]
commento del 06/05/2016 ore 08:32:13
Lui è molto bravo, ma mi viene difficile pensare che questo aproccio aggiunga qualcosa di significativo al linguaggio che più adoro. Gambale mostrò al mondo qualcosa di simile circa 30 anni fa, ma nulla cambiò.
Se andassi a lezione da Michael gli chiederei tutt'altra roba...
Rispondi
Altro da leggere
Chitarra solista: la pentatonica Pulp Fiction
Pentatonica in economia
Triadi alla Paul Gilbert
Paul Gilbert: super fraseggi in quartine e sestine!
Shredding The Blues - Paul Gilbert
Paul Gilbert e la scala Blues definitiva!
Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen
Paul Gilbert e il primo accordo Blues
Paul Gilbert - surrogato blues per un Re
Una pentatonica per suonare Lidio
Come abbellire una vecchia pentatonica
Bruce Bouillet: due lick brucia pentatonica
Blues: Robben Ford ci insegna a uscire dalle scale
Robben Ford: l'allegria nella pentatonica di B.B. King
Robben Ford: blues e minore melodica
Eric Johnson insegna i suoi accordi
Robben Ford: Blues & arpeggi alterati
Ode alla pentatonica
Ryan Roxi: Alice Cooper & la pentatonica di Mr. Nice Guy
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964