CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Freenote: la tastiera microtonale col doppio dei fret
Freenote: la tastiera microtonale col doppio dei fret
di [user #116] - pubblicato il

Freenote aggiunge i tasti necessari a coprire i toni dell'armonia naturale ma non mette da parte le note del sistema temperato. I suoi manici per chitarra elettrica hanno 24 fret per una sola ottava e consentono di viaggiare nei microtoni con risultati altrimenti impossibili.
Le note che si possono emettere su una chitarra si basano sul sistema temperato, un'approssimazione delle frequenze considerate naturali e su cui si basa tutta l'armonia moderna.
Sebbene l'orecchio umano sia ormai abituato all'artificio del sistema temperato, le piccole variazioni di altezza che questo porta con sé sembrerebbero causare delle irregolarità e delle dissonanze che non permettono di godere appieno dell'armonia naturale dei suoni.
La sequenza dei semitoni sul manico di una chitarra è diversa rispetto a quella che riporterebbe una tastiera basata sull'armonia naturale, e sarebbe possibile sentirne il suono solamente su una tastiera fretless (dove il musicista decide arbitrariamente il pitch delle singole note) o su un sistema microtonale, con i fret riposizionati in modo da colpire le precise frequenze naturali e non "temperate".
Un'interessante chitarra microtonale è passata anche su Accordo, in questo articolo, ma la soluzione trovata dal musicista turco che l'ha messa a punto potrebbe non essere delle più pratiche. Quella proposta da Freenote, invece, parrebbe rappresentare un buon compromesso tra una tastiera tradizionale e le possibilità offerte dal sistema naturale.

Freenote: la tastiera microtonale col doppio dei fret

Il concetto di suoni naturali potrebbe disorientare qualcuno, quindi bisogna aprire una breve parentesi. Ogni suono in natura genera delle frequenze superiori, multipli di quella fondamentale che definisce la nota. Queste altre note, di minore intensità rispetto alla fondamentale e responsabili del concetto di timbro, possono essere individuate in maniera pratica negli armonici naturali che si ottengono pizzicando una corda mentre un dito della mano sinistra va solo a sfiorarla in precise altezze del manico.
Quei punti esatti sono dove nasce l'armonia naturale e, se al dodicesimo tasto abbiamo un'armonica superiore chiara e udibile, altre non nascono in corrispondenze di fret già esistenti. Gli artigiani di Freenote Music hanno risolto il problema alla radice conteggiando la sequenza dei semitoni dati dall'armonia naturale e aggiungendo dei tasti in quei precisi punti. Per non perdere la possibilità di suonare anche secondo l'armonia tradizionale, ha conservato anche i fret originali.
In questo modo, una tastiera Freenote per l'armonia naturale aggiunge altre 12 fret tra i 12 già presenti entro un'ottava della chitarra.

Freenote: la tastiera microtonale col doppio dei fret

Immaginiamo che avere sotto le mani una tastiera del genere possa creare una certa confusione all'inizio, e di sicuro l'orecchio faticherà ad abituarsi ai nuovi suoni. Tuttavia, ascoltando i video proposti dai progettisti, bisogna ammettere che alcune parti suonano dannatamente "giuste".
Nel clip, Jon Catler spiega in cosa consiste il sistema naturale e ne mostra le principali differenze rispetto a quello tonale temperato.


Proprio quando Jon dice che avrebbe suonato un brano che sfrutta il sistema armonico, il video si interrompe. Il pezzo è nel video successivo, ma vi avvertiamo: le cose si fanno davvero, davvero strane.


La sperimentazione è sempre ben accetta, e siamo certi che a più di un musicista si saranno messi in moto gli ingranaggi pensando alle possibilità del sistema naturale, ma dubitiamo che un approccio così singolare possa prendere effettivamente piede o trovare posto al di fuori di contesti musicali particolari. In effetti, Freenote non è affatto una novità, e i suoi manici sono in circolazione almeno dal 2010, eppure pare non abbiano mai superato i confini degli USA nonostante la discreta curiosità stimolata online.
Attualmente, per portarsi a casa un manico Freenote occorrono circa 500 dollari, il prezzo di un manico di alto livello più l'ovvio sovrapprezzo per la trovata. Se la curiosità supera la diffidenza, fateci sapere com'è!
chitarre elettriche curiosità freenote music
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Chitarra microtonale su Accordo
Freenote Music
In vendita su Shop
 
Acus One ForStrings 8 Black
di Banana Music Store
 € 809,00 
 
RCF ART745A MK4 CASSA ATTIVA AMPLIFICATA DA LIVE 700W RMS 15 ART-745-A MK4
di Borsari Strumenti Musicali
 € 1.139,00 
 
WASHBURN RO10N ROVER CHITARRA ACUSTICA TRAVEL DA VIAGGIO PORTATILE RO-10N CON CUSTODIA
di Borsari Strumenti Musicali
 € 249,00 
 
Soundsation SCLP Custodia Rigida Case Sagomato Les Paul
di Music Island
 € 70,00 
 
YAMAAH YRS-313III
di Banana Music Store
 € 27,90 
 
Yamaha YFL-222 Flauto Traverso in DO Chiavi chiuse non in linea
di Centro della Musica
 € 569,00 
 
Samson XPD2 Headset
di Banana Music Store
 € 109,00 
 
Mooer BABY BOMB 30 Watts Pedal Head
di Music Island
 € 99,00 
Nascondi commenti     41
Loggati per commentare

di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 08/06/2016 ore 09:05:38
Premesso che non ho nessuna base di teoria musicale, se andassi ad un concerto e qualcuno suonasse quel pezzo del secondo video penserei "ma che caxxo sta facendo il chitarrista?". Perdonatemi ma non sono abbastanza evoluto per capire cose di questo tipo.
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 08/06/2016 ore 09:16:56
dovrebbe essere aggiunta a questa top 10
vai al link
Rispondi
di matteo1982 [user #33974]
commento del 08/06/2016 ore 09:20:38
già, certo... ho sempre sentito un po' "limitante" una tastiera con 6 corde x 24 tasti!!! ahahahha
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 08/06/2016 ore 09:23:14
Braccia e menti tolte all'agricoltura.
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 08/06/2016 ore 09:36:25
Il pezzo è piuttosto interessante: per quanto strano all'orecchio abituato al sistema temperato, in qualche maniera non mi risulta "stonato".

Leggo con dispiacere i vari commenti, per quanto leciti e sacrosanti, abbastanza scontati e piuttosto tristi: se siamo amanti della musica, magari allargare un po' gli orizzonti non sarebbe male. ;-)

Poi è ovvio che ognuno ha i propri gusti, le proprie opinioni e blah blah blah, ma sparare a 0 così gratuitamente su un'artista che ha comunque speso tempo e risorse in qualcosa in cui crede, non mi sembra molto rispettoso né nei suoi confronti, né tantomeno nella musica in generale, che non si riduce a quello che ascoltiamo e ci piace.

Opinione personale, ovviamente.
Rispondi
di matteo1982 [user #33974]
commento del 08/06/2016 ore 09:50:21
Per quanto mi riguarda, ovviamente scherzavo (la risata alla fine del commento significava proprio questo). Guardo sempre con ammirazione chi cerca nuove soluzioni sonore guardando al di là del convenzionale e non credo che nessuno qui intenda offendere musicisti pro e teorici musicali.
Ciò che da un po' di tempo riscontro su Accordo, invece, è una scarsa inclinazione all'ironia... forza ragazzi, la musica è divertimento!!! :D
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 08/06/2016 ore 11:42:55
Un conto è l'ironia, come nel tuo caso, un altro è la mancanza di rispetto velata da "dico la mia a tutti i costi".

Per questo mi sono permesso di "dire la mia", cosa che faccio molto raramente, te lo assicuro. ;-)
Rispondi
di cester [user #5187]
commento del 08/06/2016 ore 10:09:50
Quoto in pieno!!
Rispondi
di stevie_ray [user #22614]
commento del 09/06/2016 ore 00:34:51
Paradossalmente risulta più stonato quando cerca di utilizzare dei lick più "classici" in quel contesto. Per il resto sinceramente non mi dispiace,è molto particolare. In un contesto adatto,con delle idee adatte può fare grandi cose
Rispondi
di sundayplayer [user #13160]
commento del 08/06/2016 ore 09:42:01
OK, è strano... però è interessante. Quello che mi chiedo è come si fa a ficcarci le dita oltre il 4 tasto (tradizionale).... I tasti sono vicinissimi!
Rispondi
di qualunquemente1967 [user #39296]
commento del 08/06/2016 ore 09:56:05
No comment ciao
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 08/06/2016 ore 10:56:52
L'inizio lo trovo stupendo poi forse si perde un po e usa gli accordi a mo di cambio cntinuo di tonalita e sarebbe un po pesante anche nel sistema temperato, diciamo che non è una vera e propria composizione con nuove regole derivate dalle nuove note, mi sembra usi le solite scale e cambi solo tonalita, sarebbe interessante sviluppare nuove scale magari a 11, 12 noteXD nuovi accordi ma mi rendo conto che sarebbe troppo forte l'ìimpatto con un pubblico abituato al sistema temperato normale qundi forse piu che una incompetenza è stata una scelta ragionata
Sono abituato ad ascoltare e in genere a riconoscere subito dove si va a parare, qui è stato piacevole sentirmi come un bimbo che inizia ad ascoltare la muscia e viene investito da melodie piacevoli della quale non ha la minima idea
Cmq sia ci vuole coraggio a impiegare risorse in qualcosa di cosi rivluzionario specie in un ambiente conservatore come la chitarra dove una semplice 8 corde fa fatica a decollare, figuriamoci questo...
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 08/06/2016 ore 11:03:54
intéressante il primo video nel quale si capisce che certi accordi suonano a cavolo non perché sono stonati in origine, ma perché la tastatura "regolare" non ce la fa a riprodurli correttamente..

purtroppo non ho soldi illimitati, ma quella chitarra la comprerei anche solo per imparare qualche accordo "GIUSTO" e applicarlo nei miei brani ..

la parte solista mi ha interessato.. anche perché avevo ascoltato bellissime chitarre microtonali solo nell'ambito della musica turca… alcuni arpeggi mi sono piaciuti molto

in definitiva la vera innovazione sta nelle scale e nelle intonazioni, non nell'ennesimo overdrive
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 08/06/2016 ore 11:07:15
certamente non capisco gli atteggiamenti di rifiuto.. uno può certamente non gradire uno strumento, un accessorio, una soluzione.. ma se almeno uno, con queste "cose" ci fa musica che gli piace, queste cose hanno certamente un SENSO. Non è che tutto quello che esce sul mercato deve per forza essere utilizzabile negli approcci consueti e tradizionali .. :-)
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 08/06/2016 ore 14:16:16
Che dire se non YEAH! :-)
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 08/06/2016 ore 11:24:23
Per me avrebbero dovuto inserire i nuovi tasti di un colore/materiale diverso, così credo sia troppo difficile da suonare.
Rispondi
di SysOper [user #10963]
commento del 08/06/2016 ore 15:59:41
Ho pensato la stessa cosa (almeno sul colore, mentre un materiale diverso avrebbe potuto essere differente anche per timbrica, attrito ecc.)... altro dubbio, che nelle situazioni in cui non si riesce a premere una o più corde proprio in corrispondenza del tasto, si possa produrre una nota diversa da quella desiderata
Rispondi
di Valerioraptor [user #43566]
commento del 08/06/2016 ore 11:38:54
Semnra una cosa interessante anche se troppo avanzata. Credo verrà capita solo fra decenni. Però sarebbe curiosa (e più vendibile) una tastiera classica con dei "segni" che indichino tutti gli armonici naturali così da poterli sfiorare come si fa ora con quelli corrispondenti ai tasti classici
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 08/06/2016 ore 14:20:59
Beh, se vogliamo vedere la just intonation è nata prima del temperamento equabile (e prima ancora esisteva l'accordatura pitagorica), quindi la cosiddetta "musica microtonale" esiste da mo'.

Il problema, semmai, è la chiusura di mentalità del chitarrista (e non solo) medio. ;-)
Rispondi
di MetalPaul [user #31291]
commento del 08/06/2016 ore 12:16:11
Nel primo video (e anche nel secondo), quando suona gli accordi , suona bene al mio orecchio, super intonato! Magari avere accordi di settima così "giusti" anche su una normale chitarra!
Poi però nel secondo fa quegli assoletti e...mamma mia, sembra la registrazione su nastri sfasati e fuori velocità di un principiante appassionato di free jazz. De gustibus etc. etc., ma a me le note troppo fuori tonalità fanno male fisico. Il nostro cervello è regolato su un certo tipo di armonia, purtroppo...non me ne vogliano i jazzisti/fusionari, ma io se ascolto roba alla Giant Steps sento un urto a livello dello sterno e mi ribolle il sangue :\
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 08/06/2016 ore 13:39:57
-----> Magari avere accordi di settima così "giusti" anche su una normale chitarra!
Eh...si :-)

-----> se ascolto roba alla Giant Steps etc.etc....
non c'è problema..se hai sentito quelle settime "più giuste" prima o poi finirai li. Se hai quell'orecchio prima o poi ci finirai...rassegnati :-)
Rispondi
di MetalPaul [user #31291]
commento del 10/06/2016 ore 11:54:41
" Se hai quell'orecchio prima o poi ci finirai...rassegnati :-)"

Cioè? Non capisco...
(comunque, per essere chiari, ascolto anche Bach, non vivo di solo rock/metal e derivati; e trovo interessanti i Cynic, che non saprei definire in altro modo se non jazz metal. Non butto via tutto il jazz né tutta la fusion, certo è che quando si esce volutamente dalla tonalità, beh...il mio cervello si ribella!)
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 08/06/2016 ore 14:23:3
Giant Steps è proprio uno di quei brani nei quali è rispettata in maniera pedissequa l'armonia!

Al massimo c'è qualche approccio cromatico sulle chord tones, ma non di più. ;-)
Rispondi
di MetalPaul [user #31291]
commento del 10/06/2016 ore 11:56:1
Vorrà dire che sono i cromatismi a disturbarmi :-)
Rispondi
di lox [user #36753]
commento del 08/06/2016 ore 22:13:39
Lungi da me avere l'avere l'orecchio assoluto...ma il secondo video mi dà la sensazione di un pugno alla bocca dello stomaco!
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 08/06/2016 ore 14:06:40
Poi c'è il grosso vantaggio che con sta chitarra nessun insegnante potrà menarla con la solfa ------> su tutte le tonalità....mi raccomando trasporta sempre nelle altre undici
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 08/06/2016 ore 14:21:06
Ripartire da zero - nuovo strumento e le dita hanno da imparare un bel po per essere automaticamente sotto controllo se non si guarda la tastiera col microscopio. Temperare o no... that is the question! Ho una chitarra col Buzz Feiten ma non sento una "vera" differenza dal solito.Eccovi la "long story" del temperamento!

Sono partito dal pianoforte e avuto lezioni - il mio orecchio era adattato al temperato.
Un ospite di passaggio a Venezia era un fotografo danese che mi aveva sentito suonare e dovevo fare da guida per una visita a una chiesa vintage enorme. Andando dappertutto siamo passati a dove c'è l'organo. La guida a quel punto era un prete della CIA vaticana. Con l'aiuto del fotografo mi è stato consentito. Strano... certe combinazioni di note "nere" erano scordate.Il prete mi dice "ah,vero - siamo l'unica chiesa a Venezia che ne ha uno".
La sensazione del non-temperato è incredibile! Vanno solo le bianche sulla tastiera - nel compenso sono celestiali.

DUNQUE: Se vi riesce di andare alla Basilica Santa Maria della Salute questa è una strategia da 007. Il film parte da "è in corso una lunga e complicata ricerca basata su frequenze misurate in onde Herz" Aggiungere un po di dettagli tecnici e tirare fuori un accordatore portatile. Misurare qualche singola nota nel contesto di accordi che suonate - qualsiasi cosa va.
Alla fine dirète "è probabile che vengano ulteriori tecnici speciaizzati dato che facciamo un test di misuratori per dare dati a scienzati che stanno inventano nuovi misuratori - ce ne sono anche quelli della competizione". .Si deve però fissare un appuntamento per telefono e forse inventarsi una identità + Istituto Herziano o simile.se necessario!
Più semplice è di andare a qualche messa solenne con di sicuro un organo a manetta.
Rispondi
di onlyfender [user #5881]
commento del 08/06/2016 ore 16:02:30
Al primo ascolto ho riso di gusto, non perchè lo trovassi ridicolo ma perchè ho immaginato la gioia di poter suonare qualcosa di simile davanti ad un pubblico e poterne vedere la reazione. Comunque penso che anche la scelta compositiva del brano sia volutamente orientata a far sentire la stranezza, non c'è il tentativo di imitare un ascolto "normale" ma prende proprio una sua strada. Bello... davvero.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 08/06/2016 ore 18:28:3
Idea innovativa, bravi ad averla pensata e bravi a crederci.
Personalmente la mia difficoltà sarebbe quella di suonare accordi o fraseggi che al mio orecchio sembrano stonati. Cioè finirei sempre col cercare di evitare proprio quelle zone della chitarra per cui è stata concepita. Non mi sentirei "a casa".
Ma è ovviamente un mio limite, magari riuscire a superarlo, ma la vedo dura...
Rispondi
di oscar1965 [user #19484]
commento del 08/06/2016 ore 21:42:49
Dovrei andare su Wikipedia a controllare, cmq se mi ricordo bene:
1) le frequenze in Hz delle sette note di una certa tonalita' in un temperamento non equabile (come natural intonation o just intonation) sono diverse dalle frequenze in Hz delle eventuali note in comune di una seconda tonalita in temperamento non equabile.
Per es in tonalita' di Do maggiore ho sette note con sette frequenze, in Re maggiore ho altre sette note con altre sette frequenze, le cinque note in comune fra le due tonalita' (re, mi, sol, la, si) non hanno la stessa frequenza nei temperamenti non equabili. Per questo motivo e' stato inventato il temperamento equabile: altrimenti gli strumenti con fixed pitch erano intonati solo in una tonalita o in tre - quattro tonalita' adiacenti ( per es tonalita di Fa Do Sol Re)
2) i vari armonici delle corde di una chitarra (tranne ai multipli di ottava) sono a frequenze diverse della corrispondente note ricavate tramite fret, ma sono anche diversi tra loro e fortemente dipendenti della frequenza della corda a vuoto (le corde a vuoto che frequenza hanno? quella del sistema equabile o quella di una certa tonalita' in natural temperament)

In definitiva, in ogni caso uno strumento musicale a fixed pitch che usa frequenze di un temperamento non equabile in una certa tonalita' (per es. Do) suona accordato in quella tonalita', un po' meno accordato nelle due tonalita' vicine Fa e Sol, ancora meno accordato nelle tonalita' Si bemolle e Re, ancora peggio in Mi bemolle e La, ecc ecc.

I musicisti dal 1600 alla fine del 1800 hanno passato notti insonni per creare strumenti a fixed pitch che potessero suonare in tutte le tonalita senza dover essere riaccordati e non usassero il temperamento equabile, senza successo.

Adesso so che ci sono tastiere (o sw per tastiere Midi) che fanno proprio questo, ti lasciano impostare per esempio le frequenze della tonalita di Re in natural temperament, e per il pezzo successivo in tonalita' di Fa in natural temperament ( o anche just temperament): penso che Bach sarebbe felicissimo. La cosa strana e' che non e' molto in uso, io se fossi tastierista non ne farei mai a meno invece.



Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 08/06/2016 ore 22:12:41
AIUTO. Voglio scendere
Rispondi
di fa [user #4259]
commento del 09/06/2016 ore 08:35:54
Gli accordi del primo video suonano bene...anzi benissimo. Quelli suonati normalmente sembrano stonati. Nel secondo video a mio parere il dimostratore ha fatto un salto troppo lungo...nel senso che ha suonato un pezzo con con continui cambi, con un andamento in 3/4. Magari poteva fare qualcosa di un pò più basico per far abituare l' ascoltatore alla nuova scala. Ciao Fab
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 09/06/2016 ore 14:38:31
Guardando con attenzione le foto, qualcosa non mi torna. A parte gli ultimi tasti che non sono stati 'corretti', perchè l'ottava è spostata? Quella doveva essere precisa per forza essendo di frequenza doppia della corda a vuoto. Inoltre la differenza tra i tasti standard e i tasti aggiunti è molto più grande della differenza tra il sistema temperato e quello naturale, come si fossero aggiunti dei quarti di tono anzichè correggere le differenze tra i due sistemi.
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 09/06/2016 ore 22:07:42
Ecco la risposta al tuo quesito ;)
vai al link
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 09/06/2016 ore 22:08:39
Interessante... prima o poi uno strumento microtonale devo farmelo, cribbio :)
Rispondi
di keydro [user #12646]
commento del 10/06/2016 ore 11:06:05
Semplicemente , per quanto interessante, il cervello non ha riferimenti per capire certe armonie come quando si sente una lingua straniera. Purtroppo allargare gli orizzonti è prerogativa di pochi, la maggior parte di noi cerca la comodità e finché non è a discapito degli altri non è detto che sia sbagliato .
Rispondi
di satch76 [user #19713]
commento del 10/06/2016 ore 12:16:33
Sono perfettamente d'accordo, infatti nessuno è obbligato ad ascoltare musica che non incontra i propri gusti.

Però, come giustamente sostieni, questo non dà nessun diritto di irridere o denigrare in maniera gratuita il lavoro altrui. ;-)
Rispondi
di keydro [user #12646]
commento del 10/06/2016 ore 12:18:00
:)
Rispondi
di keydro [user #12646]
commento del 10/06/2016 ore 12:18:0
:)
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 10/06/2016 ore 21:17:11
Un commento ai vostri commenti e a un articolo che diventa interessantissimo :) Vi sono altri strumenti strambi: il sitar è un esempio eclatante - basta guardare la tastiera. C'è poi l'arpa celtica con leve per cambiare open tunings. Oscar ha già descritto la logica.
Una domanda: come se la cavano quelli da fretless - a partire dal violino?
Rispondi
di Mariano C [user #45976]
commento del 20/02/2017 ore 00:05:08
strumento interessantissimo, e molto belli da sentire gli accordi con gli armonici "naturali". sicuramente difficile da suonare ma apre un mondo di possibilità
Rispondi
Altro da leggere
Harmony Silhouette ora con Bigsby: progetto moderno dal vibe vintage
Kirk Hammett diventa endorser Gibson
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slash
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri non sanno spiegare
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964