DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta
Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta
di [user #17844] - pubblicato il

Il liutaio Dean Fraser ha costruito una chitarra elettrica usando solo dei fiammiferi. Fiammiferi per il body, per il manico, per il battipenna e perfino per la piastra del jack. Lo strumento suona davvero, e anche bene stando a quanto spiega il suo creatore, che abbiamo intervistato per saperne di più.
Legni ricercati, body in un pezzo solo, manici quartersawn. L'ultima sfida del liutaio Dean Fraser non prevede niente di tutto questo.
Fraser Guitars è una piccola realtà artigianale del Regno Unito guidata da Dean, ex militare che ha abbandonato l'arma dopo 16 anni di servizio a causa di problemi di salute. Appassionato di costruzione fin da ragazzo, ora Dean Fraser è un liutaio a tempo pieno, con più di 100 chitarre all'attivo e un bel catalogo zeppo di disegni classici e inediti, tutti accompagnati da prezzi appetibili, tra l'altro. La chitarra che proprio in questi giorni gli sta valendo la fama a livello mondiale, però, è uno strumento unico, dal valore non quantificabile e impossibile da replicare: una copia Stratocaster costruita interamente con dei fiammiferi. E suona, anche!

Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

Qualche tempo fa, sulle pagine di Accordo è passato un simpatico esperimento di un'altra Stratocaster ricavata da materiali non convenzionali. Era costruita con del cartone pressato, ma si è trattato di un esperimento senza le reali pretese di costruire uno strumento di qualità. Il lavoro di Dean invece è unico nel suo genere, in tutto e per tutto mirato a generare una chitarra suonabile, suonante e bella da vedere. Così abbiamo voluto raggiungere il liutaio per conoscere i retroscena della Matchstick guitar che sta conquistando il web.

Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

Pietro Paolo Falco: La prima domanda che mi viene in mente è... perché?!
Dean Fraser: Ho sempre amato le chitarre, ho costruito la mia prima a 14 anni e ho sviluppato le mie abilità in liuteria nel tempo libero durante 16 anni di servizio militare.
La chitarra di fiammiferi è cominciata come una specie di scherzo tra commilitoni. Mentre ero lontano da casa, per delle operazioni con l'esercito, riempiva il mio tempo libero e faceva da sfida.
Se da un lato ho sempre avuto interesse per l'arte e il design, quando sei lontano dal laboratorio ci sono delle ovvie limitazioni per ciò che riguarda materiali e attrezzi. In compenso, c'era un'abbondanza di fiammiferi avanzati dalle razioni dei soldati.
Ho deciso di dimostrare quali bei pezzi di arte completamente funzionanti possono essere fatti da materiali e metodi non tradizionali. Mi sono ispirato alla Stratocaster come un progetto iconico e riconoscibile all'istante: è stata la prima chitarra che ho suonato e le sono legato per molti ricordi importanti. Il design Art Deco si è evoluto di pari passo con le linee della chitarra, il pattern intricato sembrava essere fatto a posta per uno strumento così iconico.
Quando ho cominciato a raccogliere i fiammiferi dalle razioni, che spesso venivano scartati, ho immaginato la forma finale che la chitarra avrebbe avuto. Una cosa su cui non avrei lesinato sarebbero state le ore, gli anni necessari a completarla!


PPF: Quanto tempo ci è voluto per mettere insieme uno strumento del genere?
DF: Ho cominciato a costruire la chitarra nel 1998 durante delle operazioni militari. Poi l'ho accantonata fino al 2014 quando ho cominciato a lavorarci di nuovo, dopo essermi ritirato per ragioni di salute dopo 16 anni di servizio come soldato di fanteria. Ero indisposto all'epoca del mio ritiro e non potevo costruire chitarre nella maniera tradizionale a causa del mio stato di salute.

Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

PPF: Come hai raccolto tutti i fiammiferi necessari?
DF: I fiammiferi venivano inizialmente dalle razioni, sia quelli non usati sia quelli usati e buttati. Ovviamente, una volta che il progetto ha preso il via, e ho cominciato a usare fiammiferi nell'ordine delle migliaia, è stato necessario cominciare a comprarli.
Ho usato oltre 40mila fiammiferi in totale, anche se ho perso il conto del numero specifico pochi mesi dopo l'inizio del progetto!


PPF: Hai mai costruito prima qualcosa di simile?
DF: La chitarra di fiammiferi è stata un lavoro d'amore e non ho mai avuto tanta fretta di vederla finita. Mentre non ho mai completato un progetto che richiedesse tanto tempo quanto la chitarra di fiammiferi, ho disegnato molte altre chitarre, la più rimarchevole delle quali è la chitarra luminescente (Luminescent guitar, ndr).
C'è stata molta ricerca nei materiali per assicurarmi che la chitarra suonasse all'altezza del suo aspetto. Mi sono stati poi commissionati una chitarra e un basso Luminescent per l'artista hip hop statunitense BOB per il primo Annual #Bobwood Fest a Hurt Park, Atlanta, Georgia, USA nel 2015.
Nei prossimi mesi, visibili sul sito fraserguitars.com, ci saranno svariati design originali, inclusa una chitarra Art Deco e una Soldier. La Soldier guitar è un progetto su cui lavoro da un po', e la prima sarà messa all'asta per beneficenza.


Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

PPF: I fiammiferi formano un motivo fantastico su tutta la chitarra. Sono dipinti o trattati in qualche maniera?
DF: I fiammiferi non sono trattati e sono tenuti insieme da Cascamite Powdered Resin Wood Glue. La Cascamite è solitamente impiegata nella costruzione di barche e lavori in legno da esterno, ed è stata scelta per la sua abilità eccezionale di unire il legno. La chitarra finita è stata coperta da una tintura color ambra alla nitrocellulosa per creare l'effetto Tobacco Burst.

PPF: La chitarra è effettivamente suonabile? Cosa rende i fiammiferi così resistenti da tenere insieme uno strumento elettrico intero?
DF: Certo che lo è! Il modo in cui i fiammiferi sono stati stratificati li presta a una presa particolarmente forte. Ogni fiammifero lavora come un piccolo pezzo di legno lavorato incollato insieme per formare un pezzo di legno più grande ingegnerizzato e super forte.
Mentre, parlando in generale, meno pezzi di legno si usano per costruire una chitarra più essa sarà apprezzabile, la Matchstick guitar ha completamente stravolto quell'idea!


Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

PPF: Come suona un fiammifero, se confrontato ai comuni legni per la liuteria?
DF: Qualcuno sarà scettico a riguardo, ma il suono della chitarra è senza ogni dubbio paragonabile a qualunque altra chitarra di qualità. Ha un bel tono risuonante che sarà evidente quando le demo saranno pronte per metà giugno e rese disponibili online appena dopo!

PPF: Immaginiamo che io voglia una chitarra come questa. Quanto costerebbe commissionartene una copia?
DF: La chitarra di fiammiferi non è stata creata con un cartellino del prezzo, è più un impegno personale. Comunque, se una Matchstick guitar fosse commissionata, il numero di ore necessarie a completarla peserebbe il prezzo. Dalla posa iniziale dei fiammiferi fino a un pezzo di legno lavorabile, passando per la cura maniacale del dettaglio, assicurerebbe un prezzo non inferiore alle cinque cifre.

PPF: La tua chitarra mi ricorda dei lavori di Jack Hall (altro ex militare britannico famoso per aver realizzato violini, ukulele e chitarre usando solo fiammiferi incollati, ndr). Ti sei ispirato a lui?
DF: Quando ho cominciato a costruire la chitarra non avevo davvero considerato se fossero stati fatti altri strumenti del genere, ed ero totalmente all'oscuro della storia di Jack Hall. Quell'uomo, comunque, è una leggenda.
Ciò che è più impressionante su Jack è che non aveva alcuna competenza di liuteria o falegnameria. Come me, era completamente autodidatta, preferendo commettere errori come strada per la sperimentazione.
Sfortunatamente, Jack è morto prima di realizzare l'effetto che i suoi progetti hanno avuto. Non c'è dubbio che la sua collezione sia da considerare d'ispirazione.


Come nasce una Strat fatta di fiammiferi: Dean Fraser si racconta

PPF: Costruisci anche delle solid body tradizionali molto belle e sembri molto esperto nelle finiture relic. Quali sono i tuoi punti di forza e qual è lo strumento di cui vai più fiero?
DF: Se al momento mi sto specializzando negli strumenti di tipo vintage, ho un certo numero di disegni originali in lavorazione. In soli due anni dopo essermi dedicato a tempo pieno alla liuteria ho costruito oltre 100 chitarre. Le tecniche che ho sviluppato per ottenere un aspetto vintage realistico si sono evolute in un periodo di tempo molto più lungo.
Mentre il mio amore per gli strumenti vintage è evidente in molto del mio lavoro, la Luminescent offre un esempio di ciò che arriverà! Uno dei miei punti di forza è l'abilità di visualizzare qualcosa di diverso e implementare le idee in uno strumento. Per me, il legno è una tela e la chitarra è un pezzo d'arte, la parte difficile è assicurarsi che l'estetica sia in linea con la suonabilità e la qualità del suono.
Assicurarmi che le chitarre che disegno e costruisco abbiano un utilizzo pratico è una priorità. Creare un lavoro d'arte visiva è solo parte dell'equazione, e mi assicuro che ognuna delle mie chitarre abbia il suono e la qualità costruttiva che ogni chitarrista vorrebbe.
curiosità fraser guitars interviste
Link utili
Sito ufficiale Fraser Guitars
La Stratocaster di cartone
Nascondi commenti     22
Loggati per commentare

di SuperAdrian utente non più registrato
commento del 11/06/2016 ore 08:07:58
Genio! Bellissimi strumenti...sarebbero da ascoltare!
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 11/06/2016 ore 09:30:3
Infatti... 10 con lode anche per il design Art Déco!!! E mai avrei creduto che una cosa del genere può stare assieme e solida (se non di più) che una normale chitarra! Una prova Matchstick vs Strat sarà forte quando possibile - se del tutto possibile!
Rispondi
di biggiorgione [user #43441]
commento del 11/06/2016 ore 10:16:15
Tutto suona! Bisogna sentire come... A prescindere per esperienza personale sono convinto che possa suonare benissimo.Del resto come ho detto più volte in un'elettrica i legni giocano principalmente un ruolo estetico e visto che anche io costruisco chitarre elettriche che fino ad ora ho sempre venduto senza problemi, credo di parlare con una certa cognizione di causa.
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 11/06/2016 ore 12:00:51
I legni: credevo che i legni fossero importantissimi - basato su commenti accordiani - ma c'è pure un interesse particolare per un cambio di pu. A parte una LP Std che dovrebbe essere "standard" non ho la più pallida idea di quale legno è usato per le atre - basta che suonino bene.
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 11/06/2016 ore 11:37:33
E' spettacolare esteticamente ed in questo caso come suoni diventa faccenda secondaria. Tra l'altro davvero belle le chitarre mostrate sul sito, se suonano pure bene a 1000€ potrebbero essere un grande affare.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 11/06/2016 ore 12:33:29
Per quel che costano sembrano incredibili. Peccato non stia investendo molto in demo... Fanno la differenza, secondo me. vai al link sulla sua pagina facebook c'è poca roba...
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 11/06/2016 ore 12:41:19
Io non li capisco questi liutai/costruttori/chiamateli come vi pare. Mi sto appassionando alla falconeria ultimamente e quasi quasi sono organizzati meglio i siti di questi cacciatori dediti ad un'arte ultra millenaria che non i liutai, che pure avrebbero tutto da guadagnare dall'utilizzo dei mezzi odierni per far conoscere i propri prodotti. E invece il più delle volte ci si imbatte in siti fatti con i piedi, nei quali si fanno pochissimi accenni al materiale utilizzato e le demo, molto spesso, se esistono, sono video amatoriali girati con cell.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 11/06/2016 ore 12:45:3
Verissimo! Da questo punto di vista abbiamo solo da imparare dagli americani... In europa boh! Non si è capaci a far di un arte un business. Forse gli unici che lo fanno bene sono i ragazzi di Rebel Relic. vai al link

Per dire, non hai idea di quante volte ho fatto discussioni con Noizewood (che è un negozio, importatore, manco un artigiano, che magari ha poco interesse per il business) per spingerli a fare delle demo delle chitarre che propongono: proponi un prodotto economico, di marci semisconosciuti e di cui in rete si trova poco, come puoi pretendere che la gente compri quel che stai vendendo se non gli fai sentire nulla?! Sulla fiducia? Boh!
Rispondi
di rickyfigoli [user #36535]
commento del 12/06/2016 ore 09:13:45
Basta vedere il sito di James Tyler, produce delle chitarre a mio avviso tra le migliori al mondo ed ha un sito che fa vergogna....
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 12/06/2016 ore 11:56:26
Bah io non capisco!? Ma la cosa si può estendere anche ad alcuno insospettabili, seppur per altri aversi: il sito Suhr ad esempio ha una sezione dedicata alle chitarre che è qualcosa di incomprensibile! In tutto questo però un esempio positivo nostrano lo abbiamo: il caro Barbanera è proprio un costruttore di chitarre (liutaio non gli garba) 2.0; attivissimo su Facebook, dove si può seguire la costruzione di tante sue figliole, un canale YouTube zeppo di demo "artigianali", videorecensioni serie realizzate su altri canali, un sito fresco, aggiornato, completo e con indicazioni sui prezzi degli strumenti. Nel 2016 si deve fare così, senza se e senza ma. Altro esempio positivo accordiano è il nostro direttore emerito, che su fb è un drago in quanto alla sua attività di costruzione di biciclette artigianali, tante per dirne una, anche se si cambia ambito!
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 12/06/2016 ore 12:22:32
Verissimo! Barbanera sta lavorando molto bene: ha creato una immagine per il suo marchio e sfrutta a dovere tutti gli strumenti disponibili! Poi la qualità degli strumenti (tanto sul piano estetico che sonoro) fa il resto. Credo che tra gli italiani, da questo punto di vista, sia il migliore. L'unica cosa che secondo me si dovrebbe ancora perfezionare (ma è una mia personalissima opinione) è il modello demo: trovo che una demo girata in una location particolare e in linea con lo "stile" del marchio, filmata in maniera "professionale" (che poi oggi ci vuole pochissimo, basta un cinquantino con una buona apertura per giocare con un po' di sfocati) e mantenendo una certa "costanza" nelle modalità di dimostrazione gioverebbe tantissimo alla diffusione del verbo :) Vedi ad esempio Guitarpointsound, Gregsguitar o, in tema costruttori, Rebel Relic: secondo me loro ci hanno preso in pieno in fatto di demo! Video girati in questo modo sono facilmente riconoscibili anche a una prima occhiata, piacevoli da vedere oltre che da ascoltare e permettono allo spettatore (o gli danno l'illusione) di poter confrontare gli strumenti in prova, sapendo già cosa aspettarsi da ogni video. Secondo me è una mossa vincente.
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 13/06/2016 ore 08:19:02
molto spesso, molti sedicenti "liutai" non fanno altro che acquistare parti già complete all'80%, che poi provvedono ad assemblare...non possono certo esagerare nell'autocelebrazione ;)
conosco personalmente, è un mio caro amico, uno dei migliori liutai in circolazione di tutto il Sud...ed è tra i pochi a saper davvero tirare fuori uno strumento da un blocco di legno.

tornando al discorso, questa strato mi sembra davvero bella...e trattandosi di una stratocaster non ho difficoltà a credere che possa anche suonare bene. discorso diverso, credo, sarebbe per una les paul...in cui il legno gioca ancora un ruolo importante nella resa acustica dello strumento.
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 13/06/2016 ore 15:35:4
E chi è costui? Tanto un po' di pubblicità gratis non fa male a nessuno!
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 13/06/2016 ore 15:39:32
E chi è costui? Tanto un po' di pubblicità gratis non fa male a nessuno!
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 14/06/2016 ore 08:14:01
non so se sia d'accordo con questo tipo di pubblicità...ma se vuoi scrivimi in privato e te lo dico :)
Rispondi
di Leokater [user #8776]
commento del 11/06/2016 ore 13:25:45
Bellissima.Ci suoni "fire" di Hendrix.Alla fine della performance non hai problemi a dargli fuoco.Se decidi di tenerla ogni escuzione sarà comunque al limite dell'incendiario :-D
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 11/06/2016 ore 16:45:32
È stato chiamato un assistente - ha spiegato:
Una chitarra a fiammeri sarà meglio che una in legno. Eccovi la sua spiegazione: i fiammiferi incollati in questo modo danno un grado di "flessibilità" - è meno sensibile a cambi di temperatura tipo andare sul palco e xxxWatt di luce in faccia. Stranamente, la chitarra è duratura come una roccia (sarebbe divertente avere la "prova Pete Townshend"!). Mi è stato detto che il principio è partito nel Medio Evo e danno una solidità estrema e duratura (se passate da chiese o palazzi ne vedrete esempi invisibili!!!);
Plexiglas: ...scurisce diventando sempre di più "giallo-marrone" col tempo. È probabile che lo stesso succeda un pochettino per la Matchstick.
Dice anche "andate a fare una chiaccherata con chi avete nel giro che lavora col legno". Liutai esclusi.
Che dirvi... sono veramente sorpreso!
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 11/06/2016 ore 18:05:25
Ho una piccola dimostrazione empirica...
vai al link
vai al link
vai al link
vai al link

Teisco Del Rey, 1967, manico in multistrato di faggio: il manico più stabile che io abbia mai visto!

La chitarra ha stazionato per anni vicino alla porta di ingresso di uno squisito negozietto in new jersey, accordata un tono e mezzo sopra la norma, con corde spessissime, senza che il manico facesse una piega. Accordata un semitono sotto il normale e con corde più leggere il risultato è stato incredibile: neanche l'ombra del back-bow prospettato in linea teorica... Questo manico è GRANITICO!
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 13/06/2016 ore 10:54:45
Cos'è quell'affare nella quarta foto? In paletta dietro alla sua faccia e che sembra un ingranaggio con manopola che sembra una lampadina!
Rispondi
di Shoreline [user #20926]
commento del 11/06/2016 ore 18:58:13
Sarebbe contentissimo Hendrix!!Fuoco e fiamme!😁
Rispondi
di lospilung [user #18940]
commento del 13/06/2016 ore 08:11:50
Una chitarra fatta di fiammiferi ..non mettela vicino ad un ampli Tabacco :-)
anni fa su Accordo mi ricordo che un utente si era cimentanto replicando una strato con legno preso da un.... bancale, e se la memoria non mi inganna dalle parti della scandinavia c' e pure qualcuno che le fa' con pasta di legno e resina industriale,in Italia Weapon Guitar le fa in alluminio,MAnne da oltre 20 anni ha la tastiera in resina fenolica...che dire...il mondo e' bello perche' e' vario..senno si morirebbe dalla noia :-)
Rispondi
di fenderlele [user #22589]
commento del 17/06/2016 ore 18:40:44
Fa cagare
Rispondi
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
Mattia Tedesco, tra Hendrix e Vintage sul palco di SHG
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964