CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

490r e Custom Buckers

di [user #4070] - pubblicato il
Ormai da tempo le Les Paul Custom montano spesso e volentieri dei pickup Custom Buckers.
Ma a me non sono mai piaciuti.
Sono piuttosto duri, soprattutto se confrontati al manico con i 490r, molto più dolci e morbidi. E anche tra quelli al manico, preferisco assolutamente i 498T agli altri.
Ma mi sembra che da noi, a differenza di quanto accada più spesso all'estero, la vecchia accoppiato non abbia trovato mai molto estimatori. Personalmente tendo a trovare giusto che i due pickup siano molto diversificati e con un timbro decisamente diverso, più jazz ne 490r e più hard nel 498t. Ma forse sono il solo, o quasi.490r e Custom Buckers
Dello stesso autore
Quali potrebbero essere i migliori pickup da sosti...
Una chitarra classica all'estero
Boss 40th Annyversary Box Set
Pur rispettando le leggi di mercato e fatte le dov...
Solieri
Acciaio, ottone o grafite per le sellette di una strato
Loggati per commentare

di Asher [user #18323]
commento del 29/07/2016 ore 12:46:48
Ho iniziato suonando la stratocaster per molti anni, salvo poi rendermi conto col tempo che la scala corta mi risulta più comoda. Così presi una les paul special faded con 490r e 498t (un modello di les paul più leggero della normale standard, non presentando il top in acero). Mi sono trovato subito bene a livello di mano, ma il suono non mi soddisfaceva: con entrambi i P.u. (anche se il 490r ha una sua morbidezza) il suono, soprattutto sul clean, si mostrava abbastanza "compresso" (una tipica compressione che ogni humb realizza), il che non mi permetteva di gestire le dinamiche come avrei voluto. Dopo un anno ho preso un'altra les paul special, sostituendo la precedente, e questa volta con due p90 veri (marca Fralin). Ho trovato la mia dimensione: con questi, il suono risulta sempre molto presente e carico di sustain, ma non ho mai l'impressione che sia "squadrato", come mi capitava prima. Anche in clean e ad alti livelli di volume, ho sempre un suono molto rotondo e "dolcemente smussato", che è quello che stavo cercando. Per concludere: benedico i p90, e ritengo che, se non si hanno necessità di utilizzare distorsioni hi gain, sono i P.u. più belli che esistano (IMHO). Per tornare nel tema, non sono un estimatore di questo tipo di humb perché, a mio personale avviso non restituiscono "dolcezza". Ma si sarà capito, non sono un estimatore degli humb in genere.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 29/07/2016 ore 15:17:27
Da che ne so i 490/498 sono montati sulle Custom della produzione USA, mentre quelle della divisione Custom montano anche i Custom Bucker.
I 490/498 sono comparabili ai Burstbucker, hanno solo un pò più di frequenze medie in più, oltre al fatto che puoi splittarli, anche come output sono comparabili.
I Custom Bucker, a detta da chi ne ha provati molti, non hanno uno standard specifico ma possono anche essere abbastanza diversi tra un set e l'altro, in ogni caso è sempre l'accoppiata PU+Chitarra che deve essere valutata ed evientemente la tua scelta ricade sui 490/498 ma è un parere puramente personale (che non vuol dire sbagliato), ad esempio a me la marcata differenza di tono tra PU al manico e quella al ponte tipica anche ad esempio dei Burstbucker non piace, voglio suoni complementari e non diversi.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964