CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS STORE
Il tallone d'Achille della Line 6 Helix
Il tallone d'Achille della Line 6 Helix
di [user #62] - pubblicato il

La Helix è un'ottima macchina, ma non è sempre tutto oro quel che luccica. Anche un processore potente come quello messo insieme da Line 6 ha dei punti deboli, e quello della Helix potrebbe comprometterne la godibilità dal vivo.
La macchina è fantastica ed ha tutti i numeri per diventare un must, ma ha un grosso limite che spiegherò durante la mia piccola riflessione.
Tra i punti di forza ci sono le simulazioni al top e la dinamica sui suoni: il volume della chitarra e il crunch si comportano come se avessi dei veri amplificatori.
Inutile citare il peso ridotto, e innegabile è la facilità d'uso: io l'ho programmata senza aprire il manuale. Gli effetti sono fantastici e ha un looper bellissimo. Gli switch assegnabili, colorati e con i display sono il top, con possibilità di fare 64 assegnazioni sui pedali espressione. Il grosso dispaly è perfetto e ti aiuta a tenere tutto sotto controllo. La possibilità di gestire tre segnali in ingresso contenporaneamente (pure la voce) è un ulteriore marcia in più.
Per me, che su tutte le mie chitarre elettriche ho istallato un ponte piezo, gestire i suoni acustici ed elettrici insieme tarati perfettamente è il massimo. Uscire in diretta su un PA e avere suoni credibili è impagabile, e la schiena ringrazia.
Inoltre, il sofware di gestione tramite PC via USB è veramente comodo e ti dà la possibilità di caricare e salvare tutte le patch. È una comodità poter programmare interi concerti in sequenza perfetta, senza dover saltare avanti indietro fra le patch, e non è da sottovalutare la possibilità di caricare IR (in rete ce ne sono di fantastiche).
Non ultimi, va citata la presenza di molteplici uscite e ingressi, come la possibilità di integrarsi perfettamente con ulteriori unità esterne e pedalini. Inoltre ha 8IN-8OUT per registrare (ma non ho testato).

Il tallone d'Achille della Line 6 Helix

Una pecca da considerare però è che, come molte pedaliere che usano simulazioni, nel cambio di patch i due processori interni necessitano tanta potenza per scaricare e caricare un'enorme quantità di dati, e purtroppo creano dei vuoti di latenza sul cambio. Dicono che anche Fractal e Kemper abbiano lo stesso problema, ma non conosco queste macchine.



Per la maggiore parte dei chitarristi non è grave perché, con poche patch ben programmate, grazie ai molteplici switch e all'aggiunta di un secondo pedale esterno, puoi gestire addirittura un intero concerto (ricordo che è possibile l'assegnazione di ben 64 controlli su switch e ai due pedali d'espressione).
Purtoppo, nel mio caso, sono abituato a lavorare con molte patch con suoni molto complessi e super tarati. Sono pignolo e sono l'unico chitarrista sul palco, suonando un tributo Pink Floyd. Per me il problema è enorme: il vuoto di suono fra un cambio di patch è insopportabile e non accettabile durante un live!
Io uso mediamente 4/8 patch, con 6/8 controlli in tempo reale assegnati su un pedale control e sul pedale d'espressione per ogni singola song, inoltre suono interi album senza alcuna pausa suoni.
Certo, potrei risolverlo con trucchetti di programmazione lavorando molto in modo manuale sulla singola patch, ma dovrei cambiare completamente il mio modo di suonare e lavorare. Avere la possibilità di un'enorme quantità di memoria patch e non poterle usare a mio piacimento per me è un limite non da poco!

Il tallone d'Achille della Line 6 Helix

Dopo che molti utenti hanno lamentato questa cosa, con vari aggiornamenti, ora danno la possibilità - tramite degli "snapshot" - di usare delle scene con una serie di effetti e parametri da copiare e usare su un'ulteriore altra patch (variando alcuni parametri effetti). Purtroppo sei limitato a usare la stessa simulazione di ampli e cassa e microfono per non avere i vuoti di suono sul cambio patch. Magari con altri aggiornamenti riescono a risolvere la latenza, ma temo che sia un limite fisico della macchina, non un problema software.

Secondo me, bastava che nella progettazione della Helix prevedessero un processore in più, dedicato solo per il cambio patch, come già faceva Digitech sulle sue macchine vent'anni fa. Certo, magari sarebbe costata qualche euro in più a noi utenti finali, ma per me, come molti altri utenti che sono abituati a lavorare su patch e non in modo "manuale" con gli stomp box, una macchina senza latenza sarebbe stata la pedaliera perfetta!
Per ora ho preferito venderla dopo solo due mesi (per non smenarci molto denaro), ma non è detto che in futuro, se risolveranno il problema, non la riacquisti. D'altra parte a Kemper e a Fractal, per raggiungere la loro fama, ci sono voluti quattro anni di continui aggiornamenti.

Il tallone d'Achille della Line 6 Helix

Navigando on line, sono venuto a conoscenza che per la precedente pedaliera Line 6 (HD500), dopo due anni è uscita la versione "B" (HD500X) con nuovo processore e hanno risolto il problema di latenza.
La mia speranza è che esca una Helix revisione "B" con processori più potenti o con l'aggiunta di un altro processore dedicato esclusivamente al caricamento dati, e risolvano il problema sopra accennato. Ma ho forti dubbi che Yamaha/Line 6 per questioni di marketing, su un progetto durato molti anni come Helix, sostituiscano velocemente dell'hardware.
effetti e processori gli articoli dei lettori helix line 6
Nascondi commenti     80
Loggati per commentare

di maxventu [user #4785]
commento del 03/08/2016 ore 12:43:20
forse, più che un processore aggiuntivo, è sufficiente una diversa gestione dei buffer (buffer di memoria ovviamente, non di segnale), il che potrebbe (non sono un esperto) essere realizzato tramite aggiornamento firmware.
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 03/08/2016 ore 13:40:08
il kemper è istantaneo nel cambio patch, ha solo un avvio lentissimo (nel caso uno abbia migliaia di profilazioni che deve caricare fin dall'inizio)
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514]
commento del 03/08/2016 ore 14:16:12
Io so che c'è un trucco che elimina il problema usandolo in modalità stompbox
Rispondi
di Zenzero [user #36862]
commento del 03/08/2016 ore 14:24:44
Concordo col commento di sopra: il Kemper è immediato nel cambio patch.. non ho mai avuto problemi di latenza.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 03/08/2016 ore 23:16:33
Il paragone non ha senso,nel Kemper se riempi tutti gli slots disponibili di effetti non arrivi neanche alla metà degli effetti che sono caricati negli esempi del video(considera che ogni "quadratino" che vedi nel video è un effetto,ne ho contati più di 20 per ogni patch)
Nella stragrande maggioranza dei casi(praticamente in tutti quelli con un utilizzo "umano" del DSP)IL PROBLEMA NON ESISTE
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 03/08/2016 ore 14:41:05
Kemper ha una modalità chiamata Performance con una patch o scena che dir si voglia contenente all'interno 5 diversi suoni, anche di altrettanti amplificatori diversi tra loro , oppure dello stesso ampli via via più boostato o clean, con aggiunta di delay,chorus o qualsiasi altro effetto . Mi sembra ci siano più di 100 performance programmabili a piacimento, per cui si può passare da uno slot di 5 programmazioni all'altro in una sequenza praticamente infinita ; la latenza è inesistente .
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 03/08/2016 ore 23:19:41
La quantità e la qualità degli effetti tra Helix e Kemper non è nemmeno paragonabile,lo scrivo dopo avere posseduto entrambi gli oggetti
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 03/08/2016 ore 18:40:43
Fractal ha ovviato a questo problema con le scene...usi la stessa patch ma cambi la scena, ovvero assegni alle varie scene configurazioni diverse della stessa patch.
In ogni caso anche il cambio patch non ha latenza...
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 03/08/2016 ore 22:26:39
Le "scene" nell'Helix si chiamano "snapshots" e non c'è nessuna latenza,è spiegato anche nell'articolo
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 04/08/2016 ore 01:11:08
Ok hai ragione mi son spiegato male. Nel Fractal, che io uso, nelle scene non sei costretto a tenere lo stesso ampli, puoi cambiarlo con i parametri X ed Y.
Quindi all'interno di una patch tu usi nella scena 1 una simulazione X di Fender e nella scena 2 una simulazione Y di Marshall..il tutto sulla stessa patch e senza latenza.
In ogni caso il mio intervento non era per dire che Fractal è meglio era solo per portare la mia esperienza su quello che uso.
Tra l'altro tu giustamente hai sottolineato più volte della situazione limite. Son convinto che Helix nella stragrande maggioranza va più che bene.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 08:42:27
Da parte mia nessuna "guerra" fractal vs kemper vs helix vs valvole,però mi sono andato a rileggere il manuale perchè mi suonava strano ed infatti ho visto che con gli snapshots si possono utilizzare sia diversi parametri dello stesso amplificatore sia AMPLIFICATORI DIVERSI,esattamente come descrivi tu in quest'ultimo esempio e ovviamente senza latenza
Rispondi
di Luca1973 utente non più registrato
commento del 03/08/2016 ore 19:28:09
Proprio in questi giorni stavo valutando l'acquisto della Helix.
Ascoltando il video direi che il problema non è da poco. Il buco è abbastanza clamoroso...a tal punto da farmi momentaneamente mettere in "standby" l'acquisto.
Pensavo che ormai sulle macchine digitali avessero eliminato il problema....mi sembra peggio di quello che si avvertiva sui vari Digitech di 15/20 anni fa (Legend II, ValveFX, 2112, 2120)

Ho una HD500 (prima versione), e devo dire che se non si sovraccarica completamente il sistema, il cambio è quasi impercettibile. Sotto questo punto di vista questa Helix mi sembra quasi un passo indietro.

Nel video, dal display dell'apparecchio mi sembra di vedere che ci sia un bel po' di carne al fuoco...
Se si programmano delle patch abbastanza leggere (es. un paio di effetti PRE ampli>>>>emulazione di ampli e cabinet>>>>due o tre effetti POST ampli) in maniera da simulare un percorso abbastanza standard e non sovraccaricare il sistema, la situazione migliora o rimangono sempre dei buchi del genere??
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 03/08/2016 ore 22:33:23
Quella dell'articolo è un situazione "limite" con dsp sovraccarichi,nella stragrande maggioranza delle situazioni o con gli snapshots o mettendo diversi amplificatori(switchabili)nella stessa patch il problema non sussiste
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 03/08/2016 ore 21:44:27
Azzz...che porcata,per 2500€ è una bella "falla" questa. :-(
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 03/08/2016 ore 22:21:1
Con 2500 euro ne compri 2 di Helix...ti confondi con l'Axe Fx o con il Kemper power head+control(e neanche bastano 2500),io l'Helix l'ho pagato 1240 euro a Bologna
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 00:51:0
Ho toppato di 1000€ volevo dire 1400/1500 che è il prezzo corrente,ma a parte questo,è una situazione abbastanza imbarazzante....quel lag al cambio patch è orrendo.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 08:55:20
Bè,a casa mia 1000 euro(come minimo 1000 euro,mi ripeto,io nuovo l'ho pagato 1240)hanno ancora il loro valore...
Diciamo che la situazione sarebbe imbarazzante se sussistesse,perchè l'autore dell'articolo ha sbagliato omettendo(o non sapendo,però in questo caso informati) che nella stessa patch si possono inserire diversi amplificatori e switcharli tra loro senza latenza,oppure se serve più versatilità e suoni complessi con gli snapshots si può fare la stessa cosa con ampli diversi,non per forza con lo stesso ampli come dice l'autore dell'articolo.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 09:51:35
Ho già detto che mi sono sbagliato a scrivere sul prezzo,1000€ hanno valore ovunque,poi se costa 1400€ da tutte le parti,e a te lo hanno regalato a 1240....buon per te.Dato che piaceva pure a me ho girato un bel pò di negozi fisici ed online,ed il prezzo è quello.Io credo che il problema invece sussista,dato che gli snapshots li hanno introdotti proprio con l'ultimo aggiornamento Firmware proprio per tappare il buco.
Io non conosco a fondo la macchina non avendola quindi non posso certo dire cosa può fare o meno,ma il cambio patch "secco" non dovrebbe avere quel vuoto in una macchina di quel prezzo e prestazioni.Guarda mi ero pure informato sul come amplificarla (o Yamaha DRS,o Line 6 Stagesource) e quindi alla fine si arriva davvero intorno ai 2000 e passa Euro.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 10:21:39
Se conosci questo tipo di macchine saprai anche che sono hardware che escono già di base ottimi e vengono costantemente aggiornati e migliorati,il Kemper è uscito nel 2011,pensi che "buchi" come li chiami tu non ne avesse?
Il problema NON ESISTE in quanto ciò che era stato evidenziato era quello della latenza nel cambio patch,che si elude utilizzando gli snapshots con i quali si possono variare ampli,parametri,effetti,tutti diversi tra loro proprio come se ci fosse un cambio patch(fino ad 8 per ogni singola patch,pensi che possano bastare 8 suoni anche totalmente diversi per ogni brano?)ed oltre a questo allo stesso tempo puoi comunque inserire/disinserire a tuo piacimento ogni singolo effetto premendo un pulsante come se fosse uno stomp box,quindi diventano anche più di 8 suoni per pezzo tutto chiaramente a latenza 0
Ripeto per l'ennesima volta che quello del video era una situazione più che anomala,per ogni preset prova a contare i "quadratini" sono oltre 20,chi usa più di 20 effetti allo stesso tempo per ogni parte di un brano che deve eseguire?
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 10:32:25
Tranquillo li conosco eccome,avevo un Multiamp con pedaliera MIDi fino all'anno scorso,ma stai ancora eludendo la domanda,gli snapshots li hanno introdotti adesso con il nuovo Firmware,prima non c'erano....quindi come facevi? Questo mi chiedo,io non ho bisogno di "n"mila suoni,quindi i miei presets sono sempre leggeri,e sono daccordo con te sul fatto che le patch del video erano volutamente pesanti,ora siccome come ho detto precedentemente sono interessato all'Helix,prima degli snapshots come so ovviava a questo problema del lag su cambio patch?
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 10:44:56
Io Pietro non eludo niente,ho iniziato l'intervento scrivendo che sono macchine già ottime ma che vengono costantemente aggiornate e migliorate ergo hanno difetti e sono perfettibili.
Per me non è mai stato un grosso problema,suono musica piuttosto "ignorante" ed il passaggio da un ampli all'altro o suoni molto diversi tra loro difficilmente mi servono,mi rendo conto che però se a qualcuno serve un utilizzo del genere quello rilevato poteva essere un problema,infatti sul forum e nel gruppo facebook dell'Helix questa "issue" è stata abbondantemente segnalata.
Con l'aggiornamento 2.00(ora siamo già al 2.01)questo difetto è stato risolto,ed un problema risolto non è un problema,sbaglio?
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 10:51:59
Ooh finalmente,questo volevo sapere ! Quindi in pratica il problema era VERO( e non credo dipendesse dalla pesantezza o meno della roba nella patch) ed è stato appunto risolto con il nuovo Firmware che ha aggiunto gli Snapshots.In genere a me non serve fare un "cambio ampli" nello stesso pezzo,ma potrebbe essere comunque utile o funzionale al brano in certi casi,per cui è una cosa da tenere di conto.Bastava dire subito queste cose e sarebbe durato tutto molto meno ;-) Adesso penso che potrò iniziare a prendere in considerazione l'esborso per l'Helix.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 10:51:06
Se dovessi decidere di acquistare l'Helix scrivimi in privato che ti dico dove l'ho preso io a quell'ottimo prezzo...
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 11:01:45
Fatto! Leggi il msg ;-)
Rispondi
di GuitarTribu [user #21267]
commento del 05/08/2016 ore 22:57:02
Sono anch'io interessato all'acquisto. Mi puoi dire dove l'hai comperata? Grazie mille!
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 23:36:32
Ti ho risposto con un mex.privato
Rispondi
di briant [user #9800]
commento del 05/08/2016 ore 08:37:11
Ma c'è il manuale in italiano? Se no come fa un utente medio a venir fuori con sofisticate programmazioni? Mi sembra che la line 6 non ne voglia sapere
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 09:28:56
Esiste un manuale in italiano,che il gent ilissimo e bravissimo Andrea Cervetto invia in pdf gratuitamente a chi la chiede
Rispondi
di briant [user #9800]
commento del 05/08/2016 ore 09:54:2
Mi daresti il suo contatto?
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 13:46:06
Mandami in privato la tua mail che te lo giro direttamente io...oppure contattalo alla sua pagina facebook,è il manuale del firmware precedente,ma di realmente diverso ci sono solo gli snapshots dei quali puoi trovare diverse info su youtube
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 17:25:2
Ti ho inviato il pdf con il manuale Italiano...
Rispondi
di ericaudio [user #18290]
commento del 09/06/2017 ore 07:55:02
ciao, saresti così gentile da mandare anche a me il pdf del manuale helix in italiano? grazie
Alberto
audioalberto@libero.it
Rispondi
di ndrecchia [user #43094]
commento del 04/08/2016 ore 06:53:27
assurdo suonare i floyd con 4/8 suoni differenti a song, quando gilmour va sui palchi con vasti setup di pedali e cambia i pochi suoni in tempo reale. sicuramente per gestire il suono live di gilmour basta un preset a canzone switchando in tempo reale l'ingresso di qualche elemento sonoro (un pò di boost per i solo, un pizzico di delay). Ma dal punto di vista del settaggio del suono di Gilmour la cosa è abbastanza semplice da gestire.
Rispondi
di Sandrino [user #1207]
commento del 04/08/2016 ore 09:20:50
Sono d'accordo con te. Se compro una macchina che dice di fare determinate cose quelle cose deve farle senza rotture di scatole......una domanda, ma perché non l'hai provata prima di comprarla?
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 10:06:57
Quali sarebbero le cose che l'Helix promette di fare e non fa?
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514]
commento del 04/08/2016 ore 09:22:33
Io uso multiamp. E sono cose diverse. Ma l'ho comprai per la praticità. Qui sento scene, patch, snapshot ecc.... Ancora devo imparare a suonare la chitarra e già devi ricominciare a studiare elettronica.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 09:39:21
In realtà è molto semplice,le "scene" o "snapshots"sono praticamente patch nelle patch,o meglio variazioni di parametri e/o inserimento/disinserimento di altri effetti e amp nella stessa patch pressando uno o più pulsanti a seconda di quante "scene" hai preparato
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 04/08/2016 ore 11:45:23
Il problema in questa discussione è che noi che siamo a favore lo possediamo e parliamo di cose concrete, gli altri specie quelli a sfavore parlano per sentito dire.
E' vero che trovare un negozio che ti fa provare Helix non è facile.

Cmq parliamo di soldi
Per un kemper con pedaliera devi sganciare 2000 euro (senza amplificatore di potenza sennò di più)
Per un AXE FXII con pedaliera bisogna andare sui 3000 euro e rotti
L'AX8 costa un po' più di Helix 100 o 200 in più ma è più limitato.

Nessuno di noi prende soldi dalla Line 6 quindi se uno vuole spendere ancora di più ben venga.

Per me 600 euro in meno del Kemper e 1600 dall' AXE non sono pochi.
Devo ammettere che a me il tostapane fa schifo proprio come estetica.
Rispondi
di Luca1973 utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 13:04:48
Domanda x i possessori della Helix..
In un eventuale setup con collegamento a 4 cavi assieme ad un amplificatore va altrettanto bene come in diretta nell'impianto??
Avete riscontrato qualche problema nell'uso combinato con altri componenti??
Se non sbaglio ha anche la funzione di switching esterno per eventuali canali dell'ampli, vero??
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 13:32:39
Ciao Luca,l'ho utilizzato spesso con i 4 cavi,è di una trasparenza assoluta,non ha nessun problema di compatibilità con altri strumenti,è sufficiente seguire l'esempio che trovi nelle patches denominate "templates",nei global settings metti l'input e fx loop che colleghi all'ampli a instrument level e setti gli altri eventuali loop ad instrument o line level a seconda di ciò che colleghi ad essi,con helix puoi cambiare i canali dell'ampli e controllare altre attrezzature midi...ci puoi fare quasi tutto!
Rispondi
di Luca1973 utente non più registrato
commento del 04/08/2016 ore 13:44:34
Grazie mille, gentilissimo.
Ho scaricato il manuale dal sito, appena ho tempo gli dò un'occhiata veloce in modo tale che quando la andrò a provare in negozio sappia già più o meno dove mettere le mani.
Mi sembra abbastanza intuitiva comunque...più o meno l'architettura e la visualizzazione sul display riprendono il concetto di base della HD500.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 14:28:21
Di nulla,figurati,è vero,è molto intuitiva,sono sempre stato negato per le attrezzature elettroniche ma qui mi sono trovato quasi subito e la facilità d'uso è un elemento da non sottovalutare
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 04/08/2016 ore 14:06:12
Leggo che si fanno commenti sulle differenze di prezzo tra le tre macchine di punta ovvero in ordine di prezzo Fractal,Kemper ed Helix ; aldilà del fatto che il thread verte su un vero o presunto punto debole di Helix e quindi vado un pò fuori topic, però ci tengo a dire la mia, che pure non prendo soldi da Kemper però me lo sono comprato e me lo godo di brutto . Allora : Fractal produce una macchina che da quel che leggo è al vertice sia nella simulazione degli amplificatori che nella qualità degli effetti,nel routing e quant'altro e difatti costa un bel pò. Kemper è un profilatore di amplificatori,non dimentichiamolo : tu hai un ampli XY lui te lo fotografa e te lo restituisce digitalizzato . Fine . Poi potrai apprezzare o meno le sfumature che la macchina è in grado di rendere, c'è chi dice che è impossibile distinguerle dall'originale,chi invece sostiene che la differenza si sente, io personalmente mi ritengo soddisfattissimo . Gli effetti di Kemper ? Non sono il massimo,secondo me, essendo abituato a pedali boutique che difatti interfaccio con la massima resa . Ma non è la mission di Kemper, diciamolo una volta per tutte : questa macchina la prende chi vuole avere la possibilità (digitale) di spippolare tutti gli amplificatori esistenti . Helix mi sono fatto l'idea che sia un gigantesco, raffinatissimo,potentissimo multieffetto ; che suona bene,benissimo, ma che ha il focus sull'effettistica e come tale entra nel rig del chitarrista che ha bisogno di enorme versatilità, che è curioso della programmazione in profondo, che ha setup dove suonino 10,15 effetti in catena . Questa è la verità,secondo me. Poi è logico che il know-how di Line6 che comunque ha prodotto il mitico Fagiolo (chi non ne ha avuto uno almeno per un po'?) sia comunque proprietaria anche di avanzati sistemi di simulazione degli amplificatori, ma resta comunque di base il fatto che stiamo parlando di tre macchine diverse e segnatamente Kemper e Helix sono due cose diverse che arrivano a toccarsi in determinate situazioni ma che comunque viaggiano su binari diversi . Non ha senso paragonarne i prezzi . Ognuno si accatti quella che più risponde alle proprie esigenze .
Ciao
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 14:25:00
Condivido la tua analisi,sono macchine diverse che vanno a coprire esigenze diverse,ognuna in maniera eccellente,è anche vero che la differenza di prezzo in certi casi è così ampia che nelle valutazioni il suo.spazio lo prende
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 04/08/2016 ore 16:05:15
Concordo,altrochè ! E poi ragazzi tutti ci scordiamo di aggiungere il costo della cassa FRFR e qua si potrebbe aprire un altro thread perché, pur non essendo al centro delle mie future esigenze, sappiamo tutti che la cassa (amplificata o meno) in una situazione di portabilità all'esterno di queste macchine diventa il collo di bottiglia dove potrebbero infrangersi i magnifici suoni che avevamo creato a casa . Mi piacerebbe saperne di più, tra Atomic e Red Sound per esempio che sono oggetto delle mie ricerche .
Ciao
Rispondi
di Rothko61 [user #32606]
commento del 04/08/2016 ore 14:58:05
Sono d'accordo con te, da possessore di entrambe le belve.
Certo che nel tuo caso, Kemper + pedali boutique, la spesa aumenta in maniera considerevole.
In definitiva, credo che non si possa che essere contenti se il mercato offre più alternative, senza per questo pensare ogni volta che si debba assistere a una gara...
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 04/08/2016 ore 16:13:44
Ciao Rotkho,
è vero, se guardo alla somma generata dai prezzi dei pedali mi viene il mal di testa.. Purtoppo o per fortuna, la pedaliera boutique me la sono assemblata negli anni, se il tuo nick contiene dei dati anagrafici siamo molto vicini... Quando,perciò, sembrava che il digitale non avrebbe mai fatto il grande salto . Guarda invece adesso ; tra gli interventi di questo thread e da un altro sempre su Helix e molto interessante si discute non più tra valvolari e digitalisti, ma tra digitalisti e digitalisti su quale sia a periferica più performante ! Il mercato può generare delle distorsioni (passami il termine) ma anche dei livellamenti verso il basso di apparecchi un tempo caratterizzati da prezzi impossibili . Pensiamo ai telefonini, oppure a quanto costava una telefonata sul mobile !!
Ciao
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 04/08/2016 ore 17:07:2
Il prezzo era in questo senso:
Non posso sopportare il difetto della latenza?
Secondo me le snapshots non risolvono il problema?
Bene il primo apparecchio acquistabile in alternativa è il KPA e per suonare dal vivo ci vuole per forza la pedaliera e quindi bisogna spendere 600 euro in più.
Tutto qui.

Rispondi
di Claudio Garavaglia [user #62]
commento del 04/08/2016 ore 14:48:23
Rispondo ad un paio d'interventi:
Purtroppo, all'epoca non era facile trovare disponibilità di prova nei negozi,
anzi facevano fatica a reperirla, quindi l'ho acquistata a scatola chiusa.

Premetto che l'helix l'ho ceduta prima di "tastare con mano" l'ultimo aggiornamento,
perchè come dichiarato dal mio articolo, personalmente ritenero inusabile una situazione
di latenza del genere dal vivo.

Se con l'inserimento degli "snapshots" hanno dato la possibilità di avere 8 scene,
senza latenza su ogni patch, usando anche simulazioni diverse,
allora credo che line 6 in pochi mesi abbia fatto passi da gigante.
Inoltre, se hanno messo a posto anche la possibilità di usare i pedali espressione memorizzando i controlli sia up e down, tacco e punta, (quando si cambiava patch sul pedale d'espressione non restava memorizzata la posizione che volevo ed ero costretto a usarlo e muoverlo prima di avere i parametri esattamente come li che avevo settati),
allora direi che kemper e fractal dovranno fare i conti con un degno rivale, perchè la qualità, la programmabilità e la facilità è veramente impressionante.

Per chi dichiara che non servono grandi quantità d'effetti per riprodurre un tributo ai Pink Floyd, forse non ha mai suonato come unico chitarrista live in tale genere...
Riprodurre brani live di album fatti in studio di registrazioni con molteplici sovraincisioni
di chitarra, richiede una forte programmazione tarata nei minimi particolari, uno studio delle frequenze e dei trucchi pazzeschi per ovviare alla mancanza di 2/3 chitarre.
Questo se si vuole ottenere una cosa credibile, (non parlo di note clonate alla perfezione,
ma parlo di sound).
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 04/08/2016 ore 16:46:5
avevi visti questi prima di venderlo?
Le cose le potevi farle anche prima delle snapshot ma era un po' più complicato.
Ia patch di Gilmour è fatta prima delle snapshot.
vai al link
vai al link
vai al link
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 04/08/2016 ore 16:19:1
Ragazzi, ho letto tutto con interesse cercando di informarmi su questa macchina. Mi avete fatto venire il mal di testa, l'idea di avere 4 amplificatori e doverli gestire all'interno di una sola patch mi ha fatto venire i capogiri.
Vi auguro comunque buon divertimento, ma per me l'approccio al suono e al suonare è radicalmente all'opposto di tutte queste discussioni.
:-) :-) :-) :-)
Peace.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 04/08/2016 ore 18:15:54
Nonostante queste macchine mi intrighino, e non poco, la penso praticamente come te.
Comincio a diventare vecchio, mi tiro fuori il tempo con le unghie per studiare un po' e suonare col gruppo... l'idea di impazzire a programmarle mi prende malissimo.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 04/08/2016 ore 18:34:52
Impazzire a programmarle in realtà è l'approccio sbagliato. Io a volte uso il mio bel valvolare e la chitarra, a volte uso Fractal e chitarra. Sono due cose diverse.
Nel Fractal non programmo nulla, scelgo la patch, regolo i toni come in qualsiasi ampli, a seconda della chitarra che uso, e suono...
Ho a disposizione qualsiasi suono, ruoto una semplice manopola e decido quale mi piace.
Questo è il mio approccio, ne più ne meno di quello che ho con un valvolare. Solo che nel valvolare ho quel suono, nel Fractal ne ho molti di più...
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 09:34:
Guarda MM,se c'è qualcosa che l'Helix non è,non è difficile da programmare,te lo dice uno che per fare una patch con il TC Nova System diventava matto...mi piacerebbe un giorno farti vedere quanto è facile
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 05/08/2016 ore 23:03:24
Piacerebbe anche a me, altroché... dove abiti?
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 23:29:46
Quella che un tempo era definita Basket City...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 06/08/2016 ore 14:37:49
Allora sono fortunato, abitiamo a 20 minuti di auto.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 06/08/2016 ore 18:54:41
Ottimo,adesso sono in ferie,a Settembre aggiorniamoci...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 10/08/2016 ore 11:55:48
Ti ringrazio molto. A riaggiornarci.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 09:31:25
Puoi avere fino a 4 amplificatori in una patch...non è un obbligo
Rispondi
di Claudio Garavaglia [user #62]
commento del 04/08/2016 ore 19:46:57
@ pealy gates:
Si avevo visto le patch di Glen DeLaune (in vendita)
e sinceramente a me non piacciono...questione di gusti.
Vedo molta gente clonare Gilmour rifacendo le sue note perfettamente identiche, nella stessa posizione del manico ma completamente fuori sound con il gruppo!
Secondo il mio parere, per riprodurre certe cose registrate in studio, dovresti avere altri 2 chitarristi sul palco, malati di suoni e capaci di capire l'importanza delle pause e
che non siano tutte "prime donne", oppure cercare il modo di ricreare
la stessa emozione "facendoti in quattro", giocando con un bel multieffetto.
Il mio è un particolare modo molto complicato di gestire i suoni,
i normali chitarristi per ogni brano usano pochi suoni, io ho quasi una mentalità
da programmatore tastierista, (sono l'unico chitarrista sul palco).
Uso patch con moltissimi controlli in tempo reale durante un live, faccio un esempio:
Magari solo per fare TRE NOTE durante il brano, esigo che in quel preciso momento,
il delay cambi il tempo e decadimento, il volume generale passi dall'60% all'80%,
si disinserisca il reverbero, il drive che in quel momento è al 45% passi al 55% ecc.
(praticamento creo una patch solo per fare 3 note), per poi cambiare completamente suono o ritornare a quello precedente.
Moltiplica questa situazione per 200 eventi del genere durante una serata e capisci
perchè sono esigente sulla programmabilità e gestibilità delle pedaliere.
Durante i live, ho sempre volumi, frequenze, presenze, effetti, ecc. tarati a dovere,
solo in questo modo riesco ad ottenere risultati a livello di sound perfettamente
legati con il gruppo.
Questo è il mio obbiettivo principale, la ricerca del sound!
Alcuni suoni sono bellissimi da soli, ma non cozzano minimamente con il sound del gruppo!
Preferisco cercare il modo di avere un suono che funzioni e trasmetta le stesse emozioni,
ma mettendoci sempre "del mio", piuttosto che cercare di riprodurre le stesse note,
(magari fatte male e con suoni clonati , ma che non si amalgamano perfettamente).
Mi spiace per i puristi, ma io la penso in questo modo, inoltre, sono più di 15 anni che suono
in diretta nel P.A.!
Durante il soundcheck dò il livello di volume più basso e quello massimo,
chiedo sempre ai fonici di lasciare tutto in flat e di non toccare nulla,
generalmente mi adorano perchè non devono mai intervenire sui miei suoni.
(loro mi dicono che sono un alieno nel mondo chitarristico...io rispondo che non sarò capace di suonare, ma grazie ai miei suoni tarati benissimo bluffo molto bene...)
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 04/08/2016 ore 21:59:57
Attualmente con cosa riesci a soddisfare le tue necessità di cambio suoni?
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 05/08/2016 ore 03:42:12
Non so che strumentazione hai usato nei video che si trovano sul tuo sito e YouTube, ma il suono è spettacolare...davvero complimenti.
Io penso che meglio di così sia difficile fare...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 05/08/2016 ore 10:10:46
Confermo davvero, hai dei suoni che rasentano la perfezione, di altissimo livello.
Una sola chitarra spesso è un vantaggio, ma tu te la cavi alla grande.
Ottimi suoni ed esecuzioni.
Cosa usi nei video del tuo sito?
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 05/08/2016 ore 11:45:23
Sono curioso di sentirti...non hai niente di audio video?
Già trovato il vostro canale...
Beh siete ad altissimo livello in tutti i sensi, sia come allestimento, arrangiamento, ecc. ecc.
P.S.
I Preset di Glenn possono servire come base per i propri.
Rispondi
di Claudio Garavaglia [user #62]
commento del 05/08/2016 ore 10:14:06
Rispondo a chi mi chiede cosa uso nei live.
Io non sono un "purista", credo che si capisca dai miei precedenti interventi.
Quando faccio un live con fonici sconosciuti, vedo nei loro volti la perplessità, tipo:
"Vuoi fare i Pink Floyd con quella roba lì ?!"
Inoltre quando arrivano per microfonarmi e gli chiedo solo 2 cavi XRL perchè vado in diretta,
restano letteralmente stupiti, (ogni volta poi si ricredono alla fine del live...)
I filmati live che girano in rete, sono fatti senza alcun alterazione, ed il mio setup
è veramente minimalista : Le mie chitarre personalmente costruite/ assemblate
ed una vecchia pedaliera Boss GT3 con 2 simulatori di cassa esterni in diretta nel P.A.
Ora che ho svelato il mio segreto, rideteci pure sù o strappatevi le vesti!
Sono passato dai pedalini della gioventù, ai rack negli anni '90,
moltissime pedaliere in commercio le ho "tastate" per bene,
tc electronic, digitech, zoom, line 6, anche le nuove boss della serie GT,,
(non ho mai provato fractal e kemper per me troppo costose).
Negli anni passati, quando testavo delle nuove pedaliere,
magari trovavo migliorie sui suoni e qualità,
ma tanti problemi di latenza, gestione o programmabilità.
Non parlo di "provate in negozio", per capire se fanno al caso mio,
l'unico modo è metterci mano con i propri strumenti e setup,
quindi normalmente le cerco sempre usate (a parte l'helix).
Ogni volta pensavo:
Se da una vecchia panda riesco a tirare fuori queste cose,
teoricamente cosa riuscirò a fare con una Ferrari?
Per ora sono sempre ritornato al mio vecchio economico ed umile setup,
(ma ormai è al limite e spremuto fino alla fine,
per problemi di memoria sono costretto ogni volta ad usare
quasi tutti i banchi a me disponibili).
Se risolvono alcuni problemini poco prima descritti, credo di aver
trovato nella helix la soluzione finale.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 05/08/2016 ore 13:14:23
Allora stracomplimenti.
Io credo che il tallone d'achille da te evidenziato, debbano risolverlo, e anche in fretta, visto il livello della macchina e il costo; perché è veramente poco bello.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 05/08/2016 ore 13:39:24
Si,vabbè...non c'è sordo peggiore di chi non vuole sentire...
Rispondi
di Claudio Garavaglia [user #62]
commento del 05/08/2016 ore 13:49:50
Con la possibilità di 8 scene in ogni patch, il problema di latenza è risolto.
Ora attendo che mettano a punto il problema che avevo accennato sul pedale di controllo, (assegnazione tacco e punta e memorizzazione della posizione sul cambio patch), ma credo sia di facile risoluzione via software, poi presumo che helix rientrerà di nuovo in mio possesso,
(e conoscendomi bene, dopo 6 mesi di programmazione... questa volta credo che sarò felicemente soddisfatto)
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 08/08/2016 ore 09:34:52
mi chiedo sempre: ma che dovete fare con tutte queste patch?
non sono polemico, ma simpaticamente divertito dalla sola idea di qualcuno che passa più tempo a fare il programmatore che a divertirsi....e lo dico sempre anche a chi mi chiede un parere "professionale" perchè interessato all'acquisto
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 08/08/2016 ore 14:05:23
Io di patch ne uso 3 e dopo avere settato la macchina 1 volta sono a posto sempre,e non mi ci sono volute settimane
Rispondi
di Dakillerd10 [user #27875]
commento del 11/12/2016 ore 23:30:31
Salve! ho acquistato 2 giorni fa l'Helix prendendomi il rischio, visto l'articolo, di problemi di latenza.
Ho subito creato dei preset belli pieni di effetti ho "tip tap pato" come nel video ma fortunatamente non ho avvertito nessuna latenza durante i cambi!
Forse perche' il nuovo aggiornamento Firmware 2.10 ha risolto questo problema.
Rispondi
di chitarra-meccanica [user #11261]
commento del 26/01/2017 ore 14:48:12
Noto che dopo quasi mezzo secolo, ancora tra chitarristi si fanno sempre le stesse discussioni che non hanno senso!
Rispondi
di Scionpol88 [user #45062]
commento del 22/03/2017 ore 15:01:56

ho una line 6 helix e un fender champion 100. Per saltare il preamp del fender e usare quelli della helix devo entrare nel Pre Out o nel Pwr in?

Nel pre out sembra si senta meno alterato.

Esiste un modo per utilizzare anche gli amp della line 6 helix e non solo i preamp?

datemi una mano, per favore.
Rispondi
di coyote1411 [user #31723]
commento del 16/11/2017 ore 15:08:07
La latenza dei cambi patch puo' essere un problema per il nostro feeling sonoro, ma mi sono reso conto che, da fuori, conta poco. Ho suonato e suono dal vivo con macchine molto meno potenti dell'Helix e ho notato che se i cambi patch sono fatti a tempo (o al momento giusto nel caso di transizioni soft/hard o viceversa) non sono percepibili. Mi ci sono abituato e non ci faccio piu caso.
Non esiste nessun sistema perfetto... perche' noi chitarristi siamo sempre piu' bravi a frustrarci con le limitazioni e mai ad adattarci ad esse? Se quello che suoniamo e' valido, il risultato nell'avere un helix o uno Zoom G3 non fa una grossa differenza secondo me. Poi non e' che suoniamo da soli, c'e' una band dietro... non e' che il concerto va a puttane se il cambio patch tra crunch e lead dura troppi microsecondi...
Mi sono fatto anche io spesso queste seghe mentali...fino a che, un giorno, mi sono dovuto trovare a fare un concerto senza i miei pedali e pedaliere, solo ampli.
Ora, io non facevo Gilmour, ma avevo comunque quella manciata di sfumature di suoni/effetti che pensavo fossero molto importanti. Quel giorno li invece, la pedaliera saluta, solo canale distorto e volume della chitarra.
Risultato: complimenti a fine concerto e divertimento massimo senza saltare sugli switch.
Rispondi
Altro da leggere
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Fender American Original '50s Stratocaster Inca Silver
Cambio superficiale: spunti per una finitura fai-da-te
Let it (Treble) Bleed
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964