CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Antonio Onorato e Franco Cerri: il nuovo album
Antonio Onorato e Franco Cerri: il nuovo album

di [user #10] - pubblicato il
Quando la storia del jazz tradizionale incontra le commistioni mediterranee su un album tra standard e inediti, qualcosa di speciale prende vita. È successo sull'ultimo disco inciso a quattro mani da Franco Cerri e Antonio Onorato.
Sono semplicemente formidabili, magnifiche, uniche e indecifrabili le alchimie alla base delle grandi collaborazioni musicali, soprattutto quando, come nei sistemi complessi, il “totale musicale” prodotto dalle interazioni – casuali, estemporanee, programmate o durature – fra i singoli musicisti si rivela incommensurabile. È difficile se non forse impossibile spiegare come funzionino queste alchimie. Ma vale la pena almeno provarci.
E perciò, oggi ho il piacere puro di raccontarvi di un episodio in cui queste formidabili, magnifiche, uniche e indecifrabili alchimie si sono nuovamente avverate per dare vita a un album di grande bellezza, pregio musicale, eleganza e raffinatezza. Un album in cui si incontrano due anime complesse, estremamente sfaccettate, con trascorsi diversi, anche geograficamente, generazionalmente, nonché armonicamente e tecnicamente. Due anime, tuttavia, non disomogenee o inconciliabili, unite come sono da una passione sconfinata per il jazz.

Antonio Onorato e Franco Cerri: il nuovo album

Gli “ingredienti alchemici” di quanto sto per raccontarvi sono: un chitarrista jazz classico, con un retaggio tecnico e storico ancora più ricco e completo di quello di Jim Hall, affiancato a un altro chitarrista jazz di una generazione successiva, che ama profondamente il jazz classico ma che è più influenzato dagli effetti che su di esso hanno avuto la musica mediterranea, sia essa araba, flamenca, o napoletana. Entrambi strumentalmente e passionalmente virtuosi, differiscono forse solo in due aspetti.  La prima differenza è nelle tecniche di fraseggio: se volessimo utilizzare due parametri di paragone al di fuori della pratica chitarristica, diremmo che il primo ricorda i versi di Petrarca, o i sonetti di Shakespeare, mentre il secondo ricorda le strutture narrative dell’Ulisse di Joyce. Appunto, il jazz classico e il be-bop, che del jazz classico è figlio. La seconda differenza è nella scelta dei modi musicali: il primo è più vicino alle armonie di Joe Pass e Jim Hall, il secondo più a quelle di Tal Farlow e Wes Montgomery.
Questi ingredienti in sé già basterebbero a creare una collaborazione sistema musicale di grande interesse, e a produrre infinite aspettative in ogni amante della chitarra jazz. Tuttavia, a essi va aggiunta la creatività formidabile dei due chitarristi in questione, i quali sono in grado di “rivoltare come dei calzini” tutte le possibili indicazioni che il loro retaggio musicale gli mette a disposizione.
Il risultato di questa “mescolanza”, vi assicuro, è davvero unico e irripetibile. E potete trovare tutto ciò nel nuovo album di Franco Cerri e Antonio Onorato.

Antonio Onorato e Franco Cerri: il nuovo album

Sono loro i “proprietari” di questi ingredienti alchemici. E le loro versioni di standard come “Out of Nowhere”, “Corcovado, “Take the A-Train” o “Bluesette” grondano maestria, perizia, e soprattutto originalità aggiungendo, se fosse ancora possibile, altre e infinite emozioni interpretative a brani che forse abbiamo sentito già suonare da decine di altri musicisti. E poi, troviamo l’arrangiamento delicatissimo e filologicamente perfetto del classico napoletano “Munasterio 'e Santa Chiara” e il “Neapolitan Minor Blues”, un brano composto da Antonio Onorato in cui si fondono blues, jazz-rock e armonie napoletane pure. Oppure, se volete, potete farvi cullare dalla versione live di “Body and Soul”, in cui Antonio Onorato e Franco Cerri fanno sentire alto e forte il desiderio di “comunicare” al pubblico tutte le loro emozioni e sensazioni. Gli altri splendidi interpreti di tutto ciò sono infine Simone Serafini al contrabbasso, e Luca Collussi alla batteria. Fossi in voi, stasera andrei a seguire la presentazione dell’Album, alla Feltrinelli di Piazza Piemonte, a Milano.

Ora, vorrei provare a concludere con un pensiero che riallacci il passato recente al presente. C’è una canzone di Joni Mitchell che comincia con questo verso: “When Charlie speaks of Lester, you know someone great has come.” Si tratta di “Goodbye Porkie Pie Hat”, incisa su Mingus, del giugno del 1979, un album fusion, in cui suonano musicisti come Eddie Gomez, John Guerin, Phil Woods, Gerry Mulligan, Tony Williams, John McLaughlin, Jan Hammer e Stanley Clark. Il Charlie citato è Charlie Mingus, mentre Lester è Lester Young. Quell’album di Joni Mitchell è semplicemente bellissimo, perché è in grado di fondere tante cose diverse, producendo un insieme omogeneo, molto più ricco degli ingredienti di partenza. Ecco: il CD di Antonio Onorato e Franco Cerri appartiene a questo tipo di “fusione”. È un grande album, inciso da due grandissimi musicisti, unici al mondo nel loro modo di essere. E il totale musicale prodotto è da gustare a lungo.
Link utili
La presentazione del disco di Franco Cerri e Antonio Onorato
Dello stesso autore
Antonio Onorato e Franco Cerri: presentazione del nuovo CD
Una canzone per Amatrice
Larry Mitchell "Black Pearls"
Per tutti i Zarteppo Mallacore dell'usato online
Dani'
Jean-Pierre
Vado Fuori Rotta (ma solo per modo di dire)
Mexico
Loggati per commentare

di superloco [user #24204]
commento del 10/10/2016 ore 14:44:28
un piacere vederli e sentirli !
Rispondi
di Mario Monteleone [user #10]
commento del 10/10/2016 ore 17:14:56
Grazie, Superloco, a me sarebbe piaciuto molto esserci, ma in questo periodo dell'anno (anche accademico) è difficile ritagliarsi un viaggio rapido a Milano. Spero però nel tuo resocono, caso mai ci andassi.
Rispondi
di superloco [user #24204]
commento del 10/10/2016 ore 17:15:5
se vado ti faccio sapere...
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/10/2016 ore 17:16:01
Ottimo articolo,se vieni dalle mie parti ti offro un birra! ;-) Non posso andare a Milano,peccato....
Rispondi
di Mario Monteleone [user #10]
commento del 10/10/2016 ore 17:17:31
Grazie Pietro, per i complimenti e anche per la birra :-D. Verrò di certo a trovarti. :-D
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/10/2016 ore 17:20:38
Ti aspetto,e naturalmente la birra sarà seguita da lauto pasto ahahah :-)
Qui in Toscana si mangia bene e si beve anche meglio! Sarà un piacere per me.
Rispondi
di telecrok [user #37231]
commento del 11/10/2016 ore 11:44:48
mitico, simpatico, gentile, leggero e gran signore, viva Franco Cerri.
Rispondi
di Grossoman [user #42524]
commento del 12/10/2016 ore 19:23:29
E pensare che io da piccolo lo vedevo sempre in tv che si faceva il bagno con la camicia.
Chi l'avrebbe mai detto che fosse un grandissimo chitarrista.
Rispondi
di telecrok [user #37231]
commento del 13/10/2016 ore 09:02:57
Ho avuto la fortuna di conoscerlo personalmente negli anni 70 quando venne ad un concerto in provincia, organizzato con molte limitazioni e bassissimi costi in un piccolo cinema, chiamavi e lui arrivava, nonostante la notorietà, se poteva non si faceva pregare, veniva volentieri a suonare ovunque ce ne fosse stata la possibilità, soprattutto per comunicare a noi giovani il "suo" gias, , il suo gias milanese, chic, educato, molto consistente e senza fronzoli, proprio come è lui.
E poi altre volte con Intra e altri, a Milano c'era davvero un bel giro..............il Capolinea, sui Navigli,
Che bei ricordi.
Rispondi
di Giovanni Ghiazza [user #31]
commento del 13/10/2016 ore 09:37:19
Li conosco entrambi, separatamente, tramite alcuni loro dischi. E ne apprezzo anche l'italianità, cioé quella vena più marcatamente melodica che pur esprimono nel contesto afroamericano del jazz. Inoltre il duo di chitarre è una situazione che apprezzo, e che ho praticato proprio di recente (prima dell'inserimento del basso fretless...). Quindi, con una recensione così, non mi resta che cercare il disco, acquistarlo ed ascoltarlo quanto prima. Grazie per la recensione.
Rispondi
di Giovanni Ghiazza [user #31]
commento del 13/10/2016 ore 09:37:20
Li conosco entrambi, separatamente, tramite alcuni loro dischi. E ne apprezzo anche l'italianità, cioé quella vena più marcatamente melodica che pur esprimono nel contesto afroamericano del jazz. Inoltre il duo di chitarre è una situazione che apprezzo, e che ho praticato proprio di recente (prima dell'inserimento del basso fretless...). Quindi, con una recensione così, non mi resta che cercare il disco, acquistarlo ed ascoltarlo quanto prima. Grazie per la recensione.
Rispondi
di Giovanni Ghiazza [user #31]
commento del 13/10/2016 ore 09:37:2
Li conosco entrambi, separatamente, tramite alcuni loro dischi. E ne apprezzo anche l'italianità, cioé quella vena più marcatamente melodica che pur esprimono nel contesto afroamericano del jazz. Inoltre il duo di chitarre è una situazione che apprezzo, e che ho praticato proprio di recente (prima dell'inserimento del basso fretless...). Quindi, con una recensione così, non mi resta che cercare il disco, acquistarlo ed ascoltarlo quanto prima. Grazie per la recensione.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
C4 Synth: synth modulari per chitarristi
Chitarre e ampli da EVH per il Summer Namm
Jackson rinnova per il Summer Namm
Moonlander: 18 corde per la chitarra lunare
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964