HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Heavy metal: un tapping da leoni
Heavy metal: un tapping da leoni
di [user #46004] - pubblicato il

Tra le varie perle che ci ha elargito il talentuoso Bruce Bouillet nelle sue lezioni per la nostra Didattica, si è parlato di contaminazioni blues nel fraseggio shred, di string skipping, sweep picking e pennata alternata. Non poteva mancare un'appendice dedicata al tapping e per approfondire questa tecnica Bouillet, ha rispolverato un breve estratto del solo di “Heart of a Lion”, brano della premiata ditta RacerX , presente all'interno dell'album Second Heat del 1987.
Il brano era stato originariamente composto e registrato dai Judas Priest nei primi anni 80, senza apparire però in nessun album ufficiale fino al 2004, se non  per una versione ri-registrata ad hoc per l'album “Live Insurrection” degli Halford del 2001.  La cover prodotta dai Racer X si caratterizzava per un sound più metal ed eighties e, soprattutto, si faceva notare per le pazzie funamboliche dei due shredder Gilbert/Bouillet che si cimentavano in un adrenalinico assolo, armonizzato dall'inizio alla fine.



Il frammento suonato da Bruce utilizza esclusivamente la tecnica del tapping. Le note adoperate in questo lick provengono unicamente dalla scala di B minore naturale, quindi B, C#, D, E, F#, G, A (1, 2, b3, 4, 5, b6, b7). Questa scala è anche chiamata scala Eolica.
Il fraseggio si articola lungo la tastiera essenzialmente in tre box della scala, che per comodità chiameremo box 1, 2 e 3. Da notare che il box 3 comprende due A all'unisono sulla terza e sulla seconda corda per facilitare la memorizzazione della diteggiatura del pattern che seguirà più avanti. Per ora proviamo a suonare i tre box con il plettro.

Heavy metal: un tapping da leoni

Ora, risuoniamo gli stessi box ma con l'aiuto della mano destra che eseguirà in tapping le note più acute di ogni corda. Vi proponiamo due versioni. La prima presenta la stessa sequenza di note dell'esercizio precedente, iniziando quindi quasi sempre con il dito della mano sinistra su ogni corda. Se ne sentite il bisogno aiutatevi con un elastico (posto sui primi tasti) per “zittire” le corde a vuoto che potrebbero rendere difficoltosa l'esecuzione.

Heavy metal: un tapping da leoni

La seconda versione invece, adotta un approccio molto più classico dell'uso del tapping per eseguire una scala, ovvero iniziando con il dito della mano destra. E' un sistema molto più semplice, immediato e soprattutto propedeutico per l'esecuzione del pattern di Bouillet.

Heavy metal: un tapping da leoni

Nel box 1 abbiamo aggiunto per comodità anche il G e il A sulla sesta corda.

Heavy metal: un tapping da leoni

Arriviamo, finalmente, alla trascrizione del lick. Nei primi due box si suonano esclusivamente le prime tre corde con un pattern piuttosto interessante dove ogni nota “martellata” con il dito della mano destra (noi consigliamo l'uso del medio per eseguire il tapping così da mantenere comodamente il nostro plettro tra indice e pollice) si alterna a una nota della sinistra.
Nella specifica sequenza del pattern si alternano 4 note sulla prima corda seguite da 2 sulla seconda per poi capovolgere la situazione e suonarne 2 sulla prima e 4 sulla seconda, per concludere, infine, con 2 note sulla terza corda.
Dando un'occhiata alla diteggiatura potrete osservare che le due note suonate con la mano sinistra sul levare del secondo tempo e sul battere del terzo tempo si trovano sullo stesso tasto di due corde adiacenti (nel box 1 sono G e D al terzo tasto della prima e seconda corda). L'esecuzione migliore di queste note prevede l'utilizzo di un roll, ovvero una rotazione della falangetta del dito 1 in questo caso.

Heavy metal: un tapping da leoni

Da notare poi, che la nota eseguita in tapping con la mano destra rimane stabile su ogni corda, lì dove solo la sinistra si muove, donando così un brevissimo effetto di “pedale ornato”, tanto caro alla corrente del chitarrismo neoclassico. Interessante, tra l'altro l'inizio “in levare” (ritmo anacrusico) di ogni pattern.

Heavy metal: un tapping da leoni

Nel terzo box invece, Bruce continua il pattern sino alla quarta corda terminandolo sulla tonica (B).

Heavy metal: un tapping da leoni

Unendo i due esempi, si avrà la frase completa suonata nel video. Abbiate sempre in mente le posizioni dei 3 box, nella fattispecie disposti sulla III, VII e X posizione, e vedrete che spostandovi in sequenza da una posizione all'altra imparerete velocemente questo lick.


Heavy metal: un tapping da leoni
Da un punto di vista armonico, gli accordi su cui si basa il solo è un trademark del rock I, bVI, bIII, bVII (Bm, G, D, A) dove il Bm si tramuta nel più metal friendly B5 (power chord). Il riff è in ritmo acefalo, ovvero iniziante “in battere” ma con una pausa sul primo tempo.

Heavy metal: un tapping da leoni

Riesaminando nuovamente il link di tapping in relazione all'armonia su cui si poggia si può capire che è tutt'altro che selvaggio e istintivo. Le note reiterate più spesso col tapping nelle prime 3 battute sono quasi tutte note facenti parte della quadriade di Bm7 (B, D, F#, A) e le due note da una croma puntata che concludono i pattern sono rispettivamente B e D.

Heavy metal: un tapping da leoni

Inoltre abbiamo voluto trascrivere il disegno discendente dell'ultimo box nella sua completezza così come si può apprezzare nella versione integrale presente nell'album. Presenta infatti una successione di note leggermente diversa da quella offertaci da Bruce, e conclude la frase sul primo tempo della battuta successiva con un D. La trascrizione qui sotto è tratta dalla versione che appare nell'album Extreme Live Vol. II.

Heavy metal: un tapping da leoni

Dicevamo all'inizio che questo è un assolo completamente armonizzato a due chitarre.



Non potevamo esimerci quindi dall'inserire anche la parte di Paul Gilbert (nonché ex insegnante di Bouillet). L'intera parte (estrapolata sempre da  Extreme Live Vol. II) è la trasposizione una terza sopra della frase di Bouillet.

Heavy metal: un tapping da leoni

Come chicca finale per tutti gli shredder nostalgici, ecco le prime due battute della versione originale del lick come è stato registrato in studio (e quindi presente nell'album Second Heat), con un pattern che presenta note diverse da quelle che in seguito il duo proporrà in sede live. 

Heavy metal: un tapping da leoni

Curate la coordinazione tra le due mani, la massima pulizia esecutiva e rispettate la correta scansione ritmica dei fraseggi. Buon lavoro.



Filippo Bertipaglia è un giovane chitarrista preparato, brillante e molto versatile. Con questa lezione gli diamo il benvenuto come nuovo collaboratore tra le pagine di Didattica. Gianni Rojatti
bruce bouillet lezioni
Link utili
Il sito di Bruce Bouillet
Altro da leggere
Pubblicità
Triadi alla Paul Gilbert...
Tony MacAlpine: Sweep & Tapping da morire......
Tosin Abasi: Tapping, arpeggi e fantasia!...
Gus G: "Shred estremo per pentatoniche estreme"...
Pubblicità
Due lick brucia pentatonica...
String skipping sotto i raggi X...
Michael Angelo: paura e delirio in alternata...
Frigio di Dominante d'annata...
Raffinatezze varie su shred ignorante...
Marty Friedman e le triadi con l'addizione...
Pennata alternata: dal progressive al metal...
Arpeggi con sweep & tapping...
Giacomo Castellano: "Tip Tapping"...
Commenti
di Rothko61 [user #32606] - commento del 14/12/2016 ore 15:57:09
Scala Eolica... tira vento da quelle parti? :-)
Togliamo una "c", dai...
Rispondi
di Filippo Bertipaglia [user #46004] - commento del 14/12/2016 ore 17:21:17
La battuta sorge spontanea effettivamente. In realtà però nel mare magnum delle nozioni musicali se scala "eolia" è la scrittura più comune, il termine "eolica" è altrettanto corretto come si può evincere da testi di autori eminenti come "Teoria, armonia e nozioni di arrangiamento jazz" di Susanna Gramaglia e "Improvvisazione jazz consapevole" di Marco di Battista, per citarne alcuni. Però la battuta faceva ridere :)
Rispondi
di Rothko61 [user #32606] - commento del 14/12/2016 ore 17:41:46
Per tutti i fulmini e le saette!!!
Non si finisce mai di imparare...
Mi cospargo il capo di cenere e ringrazio... ;-)
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 14/12/2016 ore 18:59:49
mi permetto di replicare considerando un "piccolo dettaglio": l'aggettivo in utilizzo è un termine di origine greca, che va tradotto con "eolia", non eolica (in quest'ultimo caso sarebbe una "scala ventosa")
Rispondi
di Filippo Bertipaglia [user #46004] - commento del 14/12/2016 ore 20:42:0
E' assolutamente di origine greca, come tutti gli altri nomi di modi, anche se nell'antica Grecia erano chiamati harmonìai e avevano delle caratteristiche sonore diverse rispetto ai modi moderni e soprattutto una funzione diversa, ovvero quella di suscitare un effetto particolare nell'animo umano. Per quanto riguarda il nome della scala incriminata mi permetto invece di ribadire che oggigiorno modo eolio/scala eolia (sicuramente più utilizzato come terminologia) e modo eolico/scala eolica sono entrambi utilizzati senza errore. Se il riferimento al vento leggendo il termine è lecito non bisogna altresì tralasciare la provenienza geografica come è stato ragionevolmente citato sopra. Come il modo ionico si accosta maggiormente alla popolazione della Ionia (gli Ioni), quello dorico alla popolazione della Doride (i Dori) etc. anche il modo eolio/eolico deriva da una regione, chiamata Eolide. Il dialetto di questa regione si chiamava eolico, termine quindi non associato solo al mitico Dio del vento, ma a una popolazione ben precisa, gli Eoli. Ecco probabilmente perché il termine eolico da associare ad una scala non è poi così errato. Ionico, dorico ed eolico, tre dialetti/tre modi :) Questo è quello che sento di poter dire, anche se non sono uno storico musicale e non mi permetterei mai di dare una risposta perentoria, nel più assoluto dei modi. E' fantastico comunque che partendo da un articolo sui Racer X si parli poi di storia della musica greca :) Suppongo che non ci sia una verità assoluta sulla giusta terminologia: "eolio" è più usato di "eolico" (che è comunque idoneo), forse proprio per evitare di associarlo al meteo :) Un saluto a tutti!
Rispondi
di eugenio01 [user #39191] - commento del 14/12/2016 ore 23:48:37
chapeau :-)
----> forse proprio per evitare di associarlo al meteo
oppure per non trovartela appesa a d un traliccio di 40 metri .-P
Rispondi
di franklinus [user #15063] - commento del 14/12/2016 ore 17:28:07
eolo s'è arrabbiato...attenti alla bora
Rispondi
di sciani [user #3555] - commento del 15/12/2016 ore 10:02:48
Mi è bastato vedere un paio di video di Filippo su youtube per capire che qualsiasi cosa dice, anche la più grande minchiata del secolo, per me ha sempre ragione. Chapeau. P.s. le trascrizioni dei due assoli di Metheny e Benson sono tanta roba, e' possibile, nelle prossime puntate, avere un analisi comparativa di questi due grandi? Grazie.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Luigi Schiavone a SHG MusicShow: nuovo disco e nuova chitarra
SHG Music Show: niente preliminari!
Essere musicista oggi
Linear Fill: il metodo di batteria
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964