HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Manic Drum: cambi di pelle fulminei
Manic Drum: cambi di pelle fulminei
di [user #16140] - pubblicato il

L'idea maturata da Manic Drum vede come fulcro di tutto, la riduzione ai minimi termini del tempo necessario al cambio di una pelle. Per riuscire nel proprio intento ha però dovuto rivedere in modo significativo alcuni componenti come cerchio e blocchetti dei tiranti.
In una batteria comune, il cambio di una pelle impegna il batterista per un tempo piuttosto lungo (esagerato se lo si deve fare durante un live). Allentare tutti i tiranti, spostare il cerchio, togliere la vecchia pelle, poggiare quella nuova, sistemare il cerchio, avvitare i tiranti e infine accordare la pelle. Anche se ci si affida a un avvitatore per allentare i tiranti, il tempo necessario sarà comunque troppo lungo.

Manic Drum ha quindi pensato di affrontare il problema riprogettando i due elementi responsabili di questo incarico: il cerchio e i blocchetti dei tiranti. Partiamo dai cerchi. Dimenticate tripla flangia, die-cast e tutti i derivati, i cerchi Hoop one progettati da Manic Drum sono completamente differenti. Venono realizzati in differenti misure (da 6" a 26") con un numero di fori che varia a seconda del diametro (da 4 fori a 12 fori) e prevedono un anello di base e un anello con un numero di sezioni che varia a seconda del diametro del cerchio stesso. Ogni sezione può essere configurata attingendo da una serie di materiali differenti a scelta tra acciaio inossidabile, ottone, rame, alluminio o legno. Si può per esempio inserire un elemento in legno per enfatizzare il rimshot e il cross stick lasciando tutti gli altri elementi in alluminio. Naturalmente le configurazioni possibili sono a discrezione dell'utilizzatore. I due anelli sono disposti l'uno sull'altro e tenuti uniti da dei cilindri a gruppi di due. La zona tra un cilindro e l'altro determina inoltre il punto di aggancio del tirante. Quest'ultimo è rimasto invariato, per cui tradizionale.

Manic Drum: cambi di pelle fulminei

I blocchetti dei tiranti, prendono il nome di Lug one. Anche in questo caso è possibile scegliere tra acciaio inossidabile, ottone, rame, alluminio o legno. Ogni blocchetto funziona alla stregua di un tendicordiera consentendo quindi di rilasciare istantaneamente o di armare l'elemento connesso. Nel caso dei blocchetti Lug one sono inoltre previste tre posizioni intermedie che corrispondono ad altrettanti livelli di tensione. Il funzionamento, in combinata con il cerchio Hoop one, è piuttosto semplice. Per montare una nuova pelle, è sufficiente sganciare tutti i tiranti (un colpo di dito), inserire la nuova pelle, poggiare il cerchio, agganciare i tiranti e armarli. Un'operazione che non porta via più di un minuto. Niente male. E' naturalmente possibile agire sull'accordatura in modo tradizionale, quindi ruotando i tiranti.

Oltre a essere venduti insieme alle batterie e ai rullanti realizzati dal produttore, è possibile acquistare Hoop one e Lug one separatamente per dotare i propri fusti di questo sistema di sgancio rapido.
manic drums
Link utili
Manic Drums
Altro da leggere
Pubblicità
La Storia Di Phill Collins...
Come nasce un piatto di batteria: scuole a...
Come evitare le crepe nei piatti della...
L'ultimo singolo di Dale Crover è anche un...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964