HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Essenzialità vintage: PRS S2 Vela Satin Limited
Essenzialità vintage: PRS S2 Vela Satin Limited
di [user #116] - pubblicato il

L'essenzialità delle finiture satinate si unisce al timbro vintage di un ponte fisso Plate-Style con due sellette in ottone e di due pickup Starla e Type-D. La S2 Vela Satin Limited porta i canoni PRS indietro nel tempo per unire il meglio del moderno e del retrò, ma solo per un periodo limitato.
Da quando PRS ha ampliato la propria offerta made in USA con la gamma S2 di strumenti dalle forme alternative e dal prezzo più contenuto ma con il medesimo DNA della serie Core dove tuttora troneggia l'ammiraglia Custom, molti fan del marchio hanno cominciato a guardare con occhi diversi all'universo di Paul Reed Smith. Modelli come la Vela e il suo body leggermente asimmetrico hanno stimolato la voglia di chitarre di stampo vintage miscelate a caratteristiche proprie di casa PRS, dalla forma del manico alla lunghezza della scala, o per la scelta dei legni e dei pickup autoprodotti.
Nell'immaginario dei chitarristi, forme come quelle della Vela vanno spesso d'accordo con legni non troppo figurati e con finiture eleganti, semplici, non eccessivamente sgargianti. PRS lo sa bene e, per la prima edizione limitata del 2017 ne offre una versione spogliata di ogni elemento superfluo, ma con tutti gli optional dei modelli al top di gamma e caratterizzata da un fascino d'annata che non può lasciare indifferenti.

Essenzialità vintage: PRS S2 Vela Satin Limited

Come si può intuire dal nome, la S2 Vela Satin Limited fa delle finiture satinate il suo tratto distintivo. Sarà disponibile nelle varianti Charcoal, McCarty Tobacco Sunburst e Vintage Cherry. In tutte le colorazioni, il mogano del body è lasciato a vista e avvertibile al tatto, coperto solo in parte da un ampio battipenna tartarugato che contribuisce all'estetica dell'insieme, con un occhio allo stile elettrico della seconda metà del secolo scorso.
Anche il manico, incollato, è in mogano ed è sagomato in un Pattern Regular, tondeggiante e ispirato alla produzione PRS della fine degli anni '80, non esagerato nella sezione per non affaticare la mano.
La tastiera, sul tradizionale diapason da 25 pollici, conta 22 fret in palissandro segnati da dot bianchi.

Non ci sono binding né fiammature: la Vela Satin punta sull'essenzialità delle linee e su un approccio vintage per catturare l'attenzione degli appassionati della categoria alla ricerca di uno strumento senza troppi fronzoli, ma con scelte singolari come l'accoppiamento di un humbucker al ponte modello Starla e un single coil al manico Type-D. La configurazione garantisce un timbro brillante e incisivo, dal taglio retrò, che ben si sposa con la scelta del ponte a due sellette in ottone (ma regolabile in quattro punti per un'intonazione più accurata).
Le funzionalità sono classiche, e i controlli comprendono un volume, un tono e un selettore a tre posizioni, mentre un tocco di versatilità extra è fornito dallo split tramite push-pull sul Tone.
A dispetto di un costo che si preannuncia tale da far venire l'acquolina in bocca agli amanti della tradizione americana anche di fascia non altissima, la qualità PRS è garantita da un hardware tutto di casa, comprese le meccaniche Low Mass bloccanti.

Essenzialità vintage: PRS S2 Vela Satin Limited

Sebbene la S2 Vela Satin sia una Limited Edition, non è stato stabilito un margine alla quantità da produrre, ma sarà possibile ordinarne una solo fino al 28 febbraio 2017. Pertanto, se vi stuzzica l'idea, vi consigliamo di contattare il vostro rivenditore di fiducia o il distributore ufficiale Eko Music Group per maggiori informazioni. Per conoscere meglio la prima Limited Edition del 2017, invece, vi rimandiamo alla pagina dedicata sul sito PRS.
chitarre elettriche prs s2 vela satin limited
Link utili
S2 Vela Satin sul sito PRS
Sito del distributore Eko Music Group
Altro da leggere
Pubblicità
Ecco la Modern Standard, la misteriosa...
Una Les Paul travestita da Duo Jet...
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio...
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac...
Pubblicità
Commenti
di nawa utente non più registrato - commento del 06/01/2017 ore 11:45:11
type D sta per Dynasonic. sarebbe carino sapere se è come l'originale con 6 bobine o solo esteticamente taroccato. sul sito Prs non esiste e viene da pensare che sia un t-armond tvJones. la prima PRS che mi piacerebbe avere.
Rispondi
di LuigiFalconio85 [user #42411] - commento del 06/01/2017 ore 13:12:41
A me piacerebbe la Prs 7 corde.... Sperando che in futuro anche loro inizino a fare 8 corde
Rispondi
di JackDynamite [user #14761] - commento del 08/01/2017 ore 03:46:03
vai al link
Rispondi
di LuigiFalconio85 [user #42411] - commento del 08/01/2017 ore 17:46:42
Minchia...da paura
Rispondi
di RozzoAristocratico [user #17844] - commento del 06/01/2017 ore 15:28:1
Pare sia costruito in casa con ispirazione DeArmond e dintorni: "PRS’s Judith Schaefer says it was conceived as “sort of a cross between a ’54 Stratocaster and a DeArmond,” adding that “it took a month or so to get that pickup right.”
Mi incuriosisce molto!
Rispondi
di Benedetto [user #41804] - commento del 10/01/2017 ore 07:58:26
A parte le Custom 22/24 che si apprezzano più per l'estetica che per il suono le altre PRS non non le vorrei neppure regalate!
Rispondi
di alcor72 [user #16133] - commento del 11/01/2017 ore 08:35:48
..se lo dici tu.
Rispondi
di Benedetto [user #41804] - commento del 11/01/2017 ore 09:23:10
Ho poche idee ma confuse!
Rispondi
di alcor72 [user #16133] - commento del 11/01/2017 ore 14:57:1
Pentiti....su PRS dovresti...(scherzo ovviamente!)
Io lo vedevo un po' come un marchio snob...in realtà c'è tanta sostanza dietro.
Certo paghi...su questo non c'è dubbio...ma preferisco pagare per la qualità che per due graffi e un po' di ruggine ben camuffata.
Rispondi
di Benedetto [user #41804] - commento del 11/01/2017 ore 15:06:15
Sì capisco cosa intendi...il relic non lo vedo di buon occhio nemmeno io!
Sulla qualità di PRS pure sappiamo tutti che siamo al top però quando penso ad una chitarra elettrica di mogano con manico incollato per me il nome comincia con la "G"! 😉
Rispondi
di alcor72 [user #16133] - commento del 11/01/2017 ore 15:24:02
Godin....ho capito..
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac
Esperimento microtonale: quale accordatura suona meglio?
Mooer Micro Preamp: ascolta dieci ampli in pedaliera
I più commentati
5 motivi per suonare il liscio e 5 per non farlo
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Mooer Micro Preamp: ascolta dieci ampli in pedaliera
I vostri articoli
Una Les Paul travestita da Duo Jet
JT Custom Teleste: la Telecaster che non c'era... e non cera
Stratocheap: il primo amore non si scorda mai
Fano Alt de Facto MG6
Brother & sister
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964