HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Basso Elettrico: le Ghost Notes
Basso Elettrico: le Ghost Notes
di [user #46276] - pubblicato il

Le ghost note o note fantasma, sono davvero importanti per arricchire il nostro groove ma la loro utilità può interessare anche parecchi altri aspetti del nostro playing. Per questo, meritano uno studio approfondito. Per prima cosa sarà importante precisare che cosa sono e come vanno suonate. Capiamolo con questa lezione che metterà in gioco anche un esercizio utile ai bassisti più esperti.
Le ghost note si ottengono stoppando le note con la mano sinistra: in sostanza, bisogna limitarsi a toccare la corda senza però premerla contro la tastiera.  E, ovviamente, al contempo pizzicandole con la mano destra. In questa maniere si preserverà l'attacco e disegno ritmico della nota, omettendone però la natura melodica. Inoltre, è possibile anche ottenere delle ghost notes con la mano sinistra, percuotendo  le  corde verso/contro  il manico; idem con la sola mano destra.
Ora cerchiamo di capire come queste note possono arricchire il groove.

Basso Elettrico: le Ghost Notes

Per farlo, immaginiamo un giro di basso, uguale per tutto il brano, che suoni ripetutamente senza fermarsi dall'inizio alla fine: ascoltarlo sarebbe come sopportare  una persona che parla per ore e ore senza fermarsi nemmeno per respiare. ...Verrebbe voglia di ucciderla!
Invece, un giro di basso ben costruito, deve tenere presente questo esempio: deve creare delle frasi che abbiamo respiro, senso melodico, ritmico e le ghost notes possono contribuirvi in maniera decisiva visto che sono - come detto - molto ritmiche.
Per lavorare sulle ghost note, suggerisco di iniziare a buttare giù delle note e di immaginare come potrebbe interpretarle un batterista
Ovviamente, esistono giri di basso anche senza pause e senza ghost note che sono strepitosi. Tutto quello che abbiamo appena detto deve essere sempre valutato in base alla situazione musicale in cui ci troviamo e soprattutto al nostro buon gusto.
Prima di mettersi al lavoro con lo studio proposto, suggerisco tre ascolti che sono esempi magistrali di ghost note applicate a un giro di basso.
"Aeroplane" dei Red Hot Chili Peppers (in questo caso le ghost sono applicate alla tecnica Slap);  "Roundabout"  degli YES e "Come on, Come Over" di Jaco Pastorius.

Basso Elettrico: le Ghost Notes

Il mio consiglio è quello di cercare altri Riff di basso famosi caratterizzati da questo approccio e studiarli: il repertorio potrebbe diventare infinito.
Di seguito, un mio piccolo esercizio sulle ghost notes. Il livello di difficoltà è rivolto ai bassisti di fascia intermedia/avanzata: ma nulla vieta ai principianti di provarci ugualmente. 

Basso Elettrico: le Ghost Notes

Proponiamo anche il video dell'esercizio eseguito a due velocità:  quella originale a 70BPM di metronomo e nella versione rallentata a 55BPM.



Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.
lettori in cattedra
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Basso Blues: tecnica, riscaldamento & slap...
Variare & vivacizzare una linea di basso...
Arpeggi & giri di Blues...
La tecnica è al servizio della versatilità...
Pubblicità
In cinque come i King Crimson...
I due che suonano in cinque...
Basso e batteria in cinque...
Accordi e linea di basso in un colpo solo...
Sempre più in basso...
Quando al basso manca la fondamentale...
Basso elettrico: hammer on, pull off & slide ...
Dragoon Massive: Dado Neri rock a palla!...
Racer Café: intervista a Dado Neri...
Commenti
di angeletto [user #21395] - commento del 10/02/2017 ore 09:12:41
Articolo veramente molto interessante! Suono il basso dallo scorso dicembre e mi hai chiarito non poco le ghost notes! Grazie!
Ciao
Angelo
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Intervista a Ozzy Osbourne: il Principe dell'Oscurità suona l'armonica
Corrado Rustici e i Cervello
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964