HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Lucas Nano 602: PA portatile e per tutte le tasche
Lucas Nano 602: PA portatile e per tutte le tasche
di [user #116] - pubblicato il

L'ingegneria tedesca abbraccia il minimalismo con il Lucas Nano 602, l'impianto HK Audio pensato per musicisti e DJ che desiderano collegare il proprio mixer preferito a un sistema leggero e trasportabile, ma con abbastanza voce da affrontare club e piccoli eventi.
Trasportare un impianto PA in piena regola con una sola mano è una possibilità reale da quando HK Audio ha messo a punto la linea Lucas Nano, e ora il sistema diventa ancora più immediato e accessibile con l'edizione 602.
Appena mostrato al pubblico del Namm Show di Los Angeles, il Lucas Nano 602 è un sistema stereo con due satelliti e un subwoofer progettato per amplificare eventi di piccole e medie dimensioni con un ingombro minimo, un peso contenuto e un prezzo in linea.

Un vero concentrato di tecnologia tedesca ma particolarmente minimale nei controlli, è rivolto a band e DJ che preferiscono utilizzare un mixer esterno. I controlli a bordo del Lucas Nano 602, infatti, si limitano al volume generale, al bilanciamento dei due canali Left e Right e al livello dei bassi nell'insieme. I due ingressi jack-XLR ricevono il segnale stereo da una fonte esterna, come appunto un mixer, così da mettere insieme i benefici di un sistema leggero e minuto senza porre i limiti di un pannello dei comandi che, in un dispositivo simile, sarebbe stato per forza di cose ridotto rispetto alle necessità di alcune formazioni musicali.

Lucas Nano 602: PA portatile e per tutte le tasche

A dispetto di un prezzo che si preannuncia come il più basso della serie Nano, la costruzione e la qualità audio sono le medesime assicurate da HK con il resto della gamma Lucas Nano.
La struttura del subwoofer si avvale dell'Anti-Resonance Bracing per bassi abbondanti ma sempre definiti, e la tecnologia Multicell Transformer usata nei satelliti, ognuno con woofer da 4,5 pollici e tweeter da 1 pollice, è capace di garantire la qualità e la performance di un diffusore a tromba per le alte frequenze nella metà dell'ingombro.

In un sistema pensato per la massima flessibilità, i due satelliti possono essere montati su aste a parte per un utilizzo tradizionale da sistema stereo 2.1 oppure su un'asta singola in cima al subwoofer. Quando smontati, possono essere riposti sul retro del subwoofer, assicurando una trasportabilità sufficiente a spostare l'intero impianto con una sola mano, grazie anche al peso totale di soli 16,3 chilogrammi.

Lucas Nano 602: PA portatile e per tutte le tasche

Con 130dB di pressione sonora sprigionati attraverso 460 watt di potenza, il Nano 602 ha volume a sufficienza da coprire le esigenze di una piccola formazione musicale o di un DJ impegnati in club e feste private. Alla bisogna, può essere accoppiato con un altro sistema 602 o essere sommato a qualunque PA della linea 600 e 608i creando degli impianti stereofonici multipli capaci di soddisfare le richieste di venue pensate per un pubblico di anche 200 persone.

La scheda tecnica dell'HK Audio Lucas Nano 602, insieme ad altre foto dettagliate, può essere vista sul sito ufficiale a questo link. In Italia, contiamo di vedere il nuovo impianto stereo 2.1 portatile a stretto giro grazie alla distribuzione a cura di Gold Music.
602 casse e altoparlanti hk audio lucas nano namm show 2017
Link utili
Lucas Nano 602 sul sito HK Audio
Sito del distributore Gold Music
Altro da leggere
Pubblicità
Nuovi diffusori della serie AS di Audio Tools...
L-Acoustics presenta Syva: alta fedeltà e...
Le novità di PR Electronic al Prolight+Sound...
Pioneer sbarca nel mondo del Pro Audio con...
Pubblicità
Commenti
di aleck [user #22654] - commento del 31/01/2017 ore 11:57:05
Interessante!
Rispondi
di swing [user #1906] - commento del 31/01/2017 ore 12:37:21
Bellissimo, soprattutto portabilissimo! Ho già il mixer e quindi questo sistemino fa proprio al caso del mio duo da pianobar.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 31/01/2017 ore 13:26:42
Sono molto attratto da questi impianti ultracompatti ma rimane sempre il dubbio che riescano a coprire il fabbisogno di watt e soprattutto di frequenze per un live serio. Secondo voi un impianto così potrebbe andare bene per una band di 2 chitarre, 1 basso, 1 tastiera/sinth, voce e batteria che suona principalmente rock in pub medio piccoli (dalle 50 alle 100/150 persone)?
Rispondi
di elgaldil [user #22921] - commento del 31/01/2017 ore 14:56:18
No Adri. Io questo nuovo NANO nn l'ho provato, ma l'esperienza mi dice che il limite sono i coni. Per i satelliti i 10" sono il limite massimo se si parla di amplificare una band (rock/pop/blues) in formazione classica. Diventa come suonare in una scatola.

Ottima scelta invece per piccole formazioni acustiche o piccole band in cui si amplifica solo la voce in pratica.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 31/01/2017 ore 15:02:02
Grazie per le tue impressioni, immagino ci abbiate ragionate anche col vostro gruppo, un sistema PA da 17kg fa gola a tutti per comodità
Rispondi
di swing [user #1906] - commento del 31/01/2017 ore 17:07:25
Come dice elgaldil, i 450 (circa) watt di questo impianto non sono sufficienti ad amplificare tutti i componenti che menzioni, con una batteria acustica e che suona rock.
Come dicevo io più su invece, credo vada abbastanza bene, senza grosse pretese per amplificare un duo (anche coadiuvato con basi da pianobar).
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 31/01/2017 ore 17:47:16
Si infatti il dubbio sia del wattaggio che del range di frequenze che speaker così piccoli possono garantire, ci hanno fatto desistere da ogni intenzione di acquisto, tuttavia mi faceva piacere sapere se l'esperimento con band era stato già affrontato da qualcuno. Grazie
Rispondi
di fenderpassion61 [user #13902] - commento del 31/01/2017 ore 17:38:28
Per una band ci vogliono almeno due casse da 15". Neanche le 12" ce la fanno. Non c'è watt o Db che tenga fidati. La pacca sui bassi della 15" non la batte nessuno. Ci va roba bbbona ovviamente.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 31/01/2017 ore 19:39:53
Trasporto: non si vede / dimostra com'è la procedura di mettere 2 satelliti nel subwoofer. Non è descritto sul sito HK. Una domanda che mi pongo è come sono suddivisi i 460W tra i minuscoli satelliti e il subwoofer. L'accessario opzionale aste è assolutamente necessario per i satelliti (perché non metterlo nel pachetto?).
Guardando poi questo sito, ho visto che il concetto è replicato in una piccola serie di ampli loro - insomma, c'è scelta. Band: anche questo è una domanda davvero rilevante come ben si chiede Adri nel suo post! Poi, sub a destra o sinistra della batteria?
Usi: un DJ può facilemente portarlo in giro e avere un subwoofer (essenziale). Anche usabile in sala prove. Ma... fabbisogno di Watt limitato per combaciare col volume di un batterista rock nel mix della band.
Lo segnalo ora per una associazione per cose creative di figli di origine Medio Oriente. Hanno bisogno di qualcosa multi-fare, ma una band non è nei programmi!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Nick Johnston sulla sua Schecter Atomic Green
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac
Esperimento microtonale: quale accordatura suona meglio?
I più commentati
5 motivi per suonare il liscio e 5 per non farlo
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Esperimento microtonale: quale accordatura suona meglio?
Arriva Adio: 50 watt portatili secondo Vox
I vostri articoli
Una Les Paul travestita da Duo Jet
JT Custom Teleste: la Telecaster che non c'era... e non cera
Stratocheap: il primo amore non si scorda mai
Fano Alt de Facto MG6
Brother & sister
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964