HOME | CHITARRA | DIDATTICA | LIFESTYLE | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Cort SFX, nera e non ti manda in rosso
Cort SFX, nera e non ti manda in rosso
di [user #116] - pubblicato il

La SFX è un’acustica entry level, realizzata con cura, senza troppi fronzoli. Pur con un’elettronica efficace e materiali di buona qualità, non supera i 300 euro di prezzo. L’abbiamo messa alla prova nello showroom di Lucky Music con il nostro Paolo Antoniazzi.
Sotto al nero satinato che ricopre tutta la chitarra si nascondono legni tutto sommato tradizionali. Il top è un pezzo massello di abete. Fasce e fondo sono in mogano, laminato, così come il manico, completato da una tastiera in palissandro con venti tasti. 

È una concert, ma più sottile del solito. Realizzata per avere una buona quantità di basse, senza che venga meno la comodità a causa di dimensioni esagerate del body. Questa, unita alla leggerezza globale dello strumento, la rende davvero comoda da imbracciare. Il manico con un dipason da 25,3’’ e il capotasto da 43mm si fa apprezzare fin da subito, ha un profilo a C, molto arrotondato e, nonostante il prezzo della Cort non superi i 300 euro, i tasti sono rifiniti alla perfezione, senza che si sentano sul profilo della tastiera. 

La dotazione di bordo è completata dal sistema di amplificazione CE304T, con un preamplificatore dotato di controlli a slider per alti medi e bassi, volume e accordatore, il tutto pilotato da un pick up ceramico. 

Cort SFX, nera e non ti manda in rosso

Abbiamo tra le mani una chitarra entry level che però fin da subito sa difendersi bene. Cominciamo dallo strumming. La Cort è equilibrata, ma con una leggera tendenza ad enfatizzare le basse. Questa è una caratteristica che non guasta, soprattutto quando ci si accompagna al canto. Le basse che shackerano un po’ la pancia mentre si suona fanno percepire meglio il timbro della SFX che risulta completo, anche se non esageratamente complesso. 

Anche quando si suona con i polpastrilli la SFX fa il suo dovere. I cantini non fanno fatica a emergere quando si forza un po’ e si vuole evidenziare la melodia. È uno strumento comodo e non ci si stanca facilmente suonandola. 

Colleghiamo un cavo e proviamo il sistema di amplificazione. Il CE304T per la cifra a cui viene proposto lo strumento è sorprendente. Riesce a replicare abbastanza fedelmente la voce unplugged. Lasciamo l’eq in flat e non sentiamo la necessità di ritoccarlo. Sicuramente in un impianto farebbe una buona figura, facendo dimenticare il prezzo sul cartellino. 



La Cort è venduta a una cifra che oscilla tra i 250 e i 300 euro, custodia morbida compresa. È uno strumento con le carte in regola per essere perfetto tanto per chi inizia quanto per chi ha bisogno di un  buon muletto. È realizzata con cura, suona bene e non svuota il portafoglio. Difficile chiedere di più per una cifra del genere. 


Cort è un marchio distribuito da Backline Surl.
chitarre acustiche cort sfx-mem
Link utili
Cort è un marchio distribuito da Backline Surl.
Altro da leggere
Pubblicità
Tanglewood Sundance: massello e baking in...
Eko Mia 018 XII, doppie corde stesso prezzo...
A6 Ultra, la Godin che si crede un basso...
Eko Ranger: nascita e rinascita di un mito...
Pubblicità
Commenti
di aleck [user #22654] - commento del 07/02/2017 ore 09:30:21
Le corti suonano mediamente molto bene per la loro fascia!
Rispondi
di stefano58 [user #23807] - commento del 07/02/2017 ore 10:40:01
verissimo ( ne ho avuta una , che presentai qui , e che ancora rimpiango...) ma questa non mi convince : suono inscatolato , senza armoniche e sferragliante. Suona meglio con il piezo , e ho detto tutto. Vero poi che i video lasciano il tempo che trovano ;-)
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 07/02/2017 ore 11:10:42
Sinceramente ho smesso di guardare i video relativi alle acustiche presentati in questa rubrica. Non ho trovato un solo suono che mi piacesse! Persino le Guild, che io adoro, sentite qui mi hanno completamente deluso: vai al link

Il modello in particolare non l'ho provato, ma come te ho avuto esperienze positive in passato :-)
Rispondi
di stefano58 [user #23807] - commento del 07/02/2017 ore 11:47:47
Sono d'accordo , ma come si fa a ignorare un video relativo ad uno strumento ? Senza essere polemico , si potrebbe fare di più , e non solo per la registrazione ma anche per le due parole spese negli articoli , sempre le stesse cose per tutte le chitarre . Alla fine anche le prove sonore finiscono per assomigliarsi e sovrapporsi , purtroppo in negativo. Se su alcuni marchi si va a fiducia , per tutto il resto mi piacerebbe un aiuto più autorevole . Speriamo cambi la tendenza... Ciao
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 07/02/2017 ore 12:39:57
Sono pienamente d'accordo. Io ho smesso di guardare questi video perchè ho notato che spesso e volentieri non rendevano affatto giustizia di quel che avevo "sentito" da una prova con mano dello strumento in prova. Ho esposto delle critiche in passato riguardo alle modalità di ripresa delle prove e la redazione ha sempre risposto con le proprie motivazioni, aperta e cordiale come al solito. Apprezzo già molto il fatto che si mettano in gioco e siano aperti al dialogo. Le prove sono svolte in questa maniera per una precisa scelta guidata non solo da motivazioni tecniche: l'intento sarebbe "catturare" il suono "nudo e crudo" così come lo ascolterebbe una persona presente durante il test in negozio piuttosto che il suono abbellito di una registrazione in studio.

Personalmente non condivido questa scelta perché non mi fornisce le "informazioni" sonore necessarie ad esprimere un parere e per questo ho smesso di guardare i video tranne qualche eccezione. Rispetto comunque questo modo di intendere le demo, mi pare legittimo e legato a un particolare taglio giornalistico.

Alla fin fine mi fa piacere anche solo che se ne parli, ogni tanto, di chitarre acustiche :)
Rispondi
di stefano58 [user #23807] - commento del 07/02/2017 ore 12:45:2
Su questo non c'è dubbio : di chitarre acustiche se ne parla sempre troppo poco eheheheheh Ciao Ale
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 07/02/2017 ore 12:54:12
Buona giornata! Sempre un piacere sentirti su queste pagine :)
Rispondi
di Pietro [user #44778] - commento del 07/02/2017 ore 13:56:40
Tanto per riallacciarsi al thread sulla Eko,se ne prendi una di pari prezzo a questa ti rendi subito conto che anche con il primo prezzo si possono fare chitarre "decenti"(sto parlando appunto di Cort,Yamaha etc...),altro che produzione italiana a sotto i 1500€...
Non riescono neppure a fare una produzione Orientale che sia al pari della concorrenza.
Rispondi
di LuigiFalconio85 [user #42411] - commento del 07/02/2017 ore 12:17:5
Davvero una gran bella chitarra...il pensierino quasi quasi ce lo faccio
Rispondi
di luciomark [user #41297] - commento del 07/02/2017 ore 16:37:15
Condivido il giudizio sulla maniera di fare le prove. E' una maniera di procedere davvero stucchevole , che mi ricorda quello del sommelier che degusta i vini, dicendo un sacco id fesserie sul fruttato, caramellato, si accompagna a...etc... etc....Insomma due parole e via. Secondo me e' meglio parlare di una sola chitarra all' anno ma parlarne bene, in articoli comparati e da leggere per almeno mezz' ora, che sbrigarne venti in 2 minuti.
Rispondi
di gerlop [user #44005] - commento del 07/02/2017 ore 22:49:48
a me le cort sono sempre piaciute e ne ho una da un po' di anni, economica e da me modificata per sfizio, con la quale mi ci diverto da matti
vai al link
Rispondi
di xavier [user #9768] - commento del 08/02/2017 ore 09:20:10
Vado OT: complimenti per come suoni e per l'umile approccio alla musica che hai, con una (credo) modesta chitarra. L'utilizzo di una Cort che non ha certo la rilevanza di un nobile blasone "appioppato" sulla paletta, è a dimostrazione che di può essere bravi ed avere dei risultati professionali con quello che si vuole e che si ha... mi scuso per l'OT
Xavier
Rispondi
di gerlop [user #44005] - commento del 08/02/2017 ore 10:55:56
ti ringrazio sentitamente ;). la musica l'ho sempre vista come una delle bellezze più grandi della vita, anche se richiede studio e precisione. purtroppo non posso studiare più come prima, ma in effetti mi basta una chitarra economica adattata alle mie modeste esigenze per rilassarmi e stare in tranquillità, anche se a livello casalingo. ciao e grazie ancora per la tua gentilezza.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Frankenstein: dispendiosa e sorprendente avventura
Chitarre mitiche: la Fender Mustang di Kurt Cobain
Ecco la casa di Custom Shop Milano 2017
A6 Ultra, la Godin che si crede un basso
di
La Hagstrom di Kurt Cobain spunta su ebay per i suoi 50 anni
I più commentati
Arrogantia la chitarra perfetta?
Chitarre mitiche: la Fender Mustang di Kurt Cobain
Frankenstein: dispendiosa e sorprendente avventura
Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?
EHX Synth9: il guitar synth
I vostri articoli
Telecaster fai-da-te: amore a prima svista
Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?
Amplificatori figli degli anni '80 da conoscere
Le chitarre a range esteso riempiono di più il mix?
Frankenstein: dispendiosa e sorprendente avventura
Aspettando Custom Shop Milano 2017
Ecco la casa di Custom Shop Milano 2017
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964