HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Texas Pro: Radial si tinge di verde, ma a modo suo
Texas Pro: Radial si tinge di verde, ma a modo suo
di [user #116] - pubblicato il

Radial si ispira al più classico degli overdrive per il Texas Pro. Dotato di due switch per attivazione e boost aggiuntivo, l'ultimo arrivato nella serie Tonebone offre tre sonorità differenti e include un loop per gli assolo con cui comandare una varietà di effetti da un singolo pulsante.
Si può migliorare un classico? Ce lo siamo chiesto anche qui su Accordo, e in molti hanno convenuto che ci sono dei motivi ben precisi se alcuni suoni sono passati alla storia così come sono, con tutti i loro pregi e i loro difetti. Anche il più classico degli overdrive, lo screamer, è stato ed è tuttora oggetto di molteplici rivisitazioni, variazioni sul tema di cui il punto di riferimento resta sempre e comunque l'originale. Se la sonorità non va toccata, però, esistono diverse funzioni che il musicista potrebbe imparare ad apprezzare non poco, e Radial ha deciso di mettersi alla prova proprio in questo senso con la sua take sul "drive verde" più famoso di sempre.

Texas Pro: Radial si tinge di verde, ma a modo suo

Il Texas Pro si ispira alle sonorità che hanno reso lo screamer un riferimento per il mercato. Come l'originale, lo chassis del pedale Tonebone offre i controlli di Drive, Tone e Level, ma aggiunge un selettore a tre posizioni per altrettante modalità di funzionamento, ispirate alle varianti più amate del noto overdrive.
La Vintage si ispirata al più classico degli overdrive d'annata, la Modern offre una revisione più trasparente e ricca di headroom, mentre quella chiamata Maximum fornisce una spinta ulteriore sul gain e un timbro più definito.

Non secondaria è l'aggiunta di uno switch indicato come Boost, sulla sinistra dello chassis. Questo aziona un circuito a parte, un vero e proprio clean boost con un massimo di ben 22dB di incremento con cui bucare qualunque mix.

I più attenti avranno notato che, sul dorso, il Texas Pro non offre le sole connessioni di ingresso, uscita e alimentazione (standard a 9 volt con negativo centrale). Compaiono infatti anche due jack indicati come Send e Return.
Questi danno accesso a un loop integrato che consente di collegare in parallelo uno o più pedali che si andranno ad azionare in automatico quando si schiaccia il pulsante del Boost, sommandosi a esso e rendendo possibile la creazione di un proprio suono solista completo ed elaborato, con modulazioni, delay, riverberi e quant'altro, a cui accedere con la pressione di un solo switch.

Texas Pro: Radial si tinge di verde, ma a modo suo

Anche quando si parla di progetti storici e intoccabili, Radial non si smentisce, e il suo Texas Pro promette di diventare un oggetto potente nelle pedaliere dei musicisti in cerca della massima versatilità, con sonorità tipiche e una compattezza impressionante a fronte di un sistema composto da overdrive, boost e loop integrato. Per conoscerlo meglio, vi indichiamo la pagina dedicata dal sito ufficiale a questo link, e ci riserviamo di approfondire la questione non appena la distribuzione curata da Eko Music Group porterà il Texas Pro anche in Italia.
effetti e processori radial texas pro tonebone
Link utili
Si può migliorare un classico?
Texas Pro sul sito Tonebone
Sito del distributore Eko Music Group
Altro da leggere
Pubblicità
Tender Octaver ora con tre modalità e dry...
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un...
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?...
Cock Fight Plus: wah e talkbox con fuzz...
Pubblicità
Commenti
di DottorZero [user #44787] - commento del 12/02/2017 ore 16:14:39
Carina l'idea del loop attivabile col boost...in certe situazioni minimali è come avere uno switcher in pedaliera
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 12/02/2017 ore 20:36:57
finché vengono usati i pedali per i distorti, mettere un delay nel loop è fattibile, ma se si utilizza il distorto dell'ampli il loop effetti diventa inutile.
quanto ai 3 switch, bhé brian wampler ha fatto lo stesso un po' di tempo fa con l'euphoria (chiamato in precedenza ecstasy), e generalmente i progetti del signor wampler,l quanto a pulizia di circuito, sono sempre fatti meglio degli altri (parlo da ex possessore e possessore sia di prodotti wampler che radial).
Rispondi
di oscar1965 [user #19484] - commento del 12/02/2017 ore 22:26:28
qualcuno ha mai fatto una lista degli overdrive (magari divisi in gruppi:TS, Klone, Dumble)?
J Rockett The Blue Note
J Rockett The Dude
Mad Professor Simble
Hermida Audio Zendrive 2
Barber Small Fry
ecc. ecc
vai al link
ecc. ecc.
Forse l'ho trovata! Purtroppo include anche preamp e boost:
vai al link




Rispondi
di luis68 [user #35769] - commento del 12/02/2017 ore 23:07:1
Io possiedo da anni l'hot britsh,per me un gran pedale,questo mi attira parecchio visto che stavo pensando di prendere un ts,soprattuttto per via del loop che potrebbe tornare utile inserendo un delay per avere un suono solista bello e pronto in un sol colpo.
Rispondi
di simonec78 [user #13803] - commento del 12/02/2017 ore 23:28:57
Che io sappia la Radial queste cose le sa fare piuttosto bene. Nei processori di questo marchio che ho avuto modo di provare il selettore a tre modalità e nella maggior parte delle circostanze riuscito a fornire un range molto ampio e definito.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
Suhr stravolge un classico californiano con Andy Wood
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile
I più commentati
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
I migliori assolo di Corrado Rustici con Zucchero
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
I vostri articoli
Quattro suoni che non possono mancare nella tua pedaliera
di aleZ
Fender Mustang GT 100: prova su strada
Il silenzio in pedaliera
Se tutti suonassero l'ukulele...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964