HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Ibanez BTB 1605 DTF: Nordstrand e legni figurati per versatilità e classe
Ibanez BTB 1605 DTF: Nordstrand e legni figurati per versatilità e classe
di [user #116] - pubblicato il

Legni nudi per esaltare la bellezza delle essenze, hardware dorato, costruzione neck thru e pickup Nordstrand, il BTB 1605 DTF è un concentrato di classe e versatilità in un pacchetto da cinque corde studiato per essere solido e suonabile. Lo abbiamo messo sotto torchio per voi.
Mettere insieme cinque corde, una timbrica versatile e una suonabilità elevata condendo il tutto con un'estetica di prim'ordine è una sfida per molti costruttori, ma il Bass Workshop Ibanez stupisce ancora una volta con il BTB 1605 DTF.

Basato su una costruzione neck thru, il basso offre manico e struttura centrale costituiti da alternanze di acero, wengè e palissandro. Mentre da un lato i legni scelti, nella loro finitura naturale, garantiscono un'innegabile resa scenica, dall'altro hanno lo scopo di equilibrare la voce dello strumento e conferirgli una solidità impressionante.
Il mix sonoro è reso più morbido dai medi caldi delle due ali in mogano, che delineano un corpo sinuoso e aerodinamico, con due profonde "corna" per consentire l'accesso fino agli ultimi fret senza il minimo sforzo.
Un top in pioppo copre solo le porzioni laterali del body e arricchisce il tutto con figurazioni complesse che sarebbe stato un peccato coprire con una finitura matta.

La scelta dell'hardware dorato arriva quasi come il coronamento di un basso fatto per spiccare, sia all'orecchio sia all'occhio, e la funzionalità è assicurata da un ponte Mono-Rail V, composto da sellette singole fissate direttamente sul corpo per massimizzare la trasmissione delle vibrazioni senza l'interferenza delle corde immediatamente successive.

Ibanez BTB 1605 DTF: Nordstrand e legni figurati per versatilità e classe

Il profilo a C del manico può ricordare la scorrevolezza dei Jazz Bass anni '70 e, seppure non troppo sottile, consente di muoversi agevolmente lungo la tavola di palissandro per raggiungere con comodità tutti e 24 i fret e spostarsi con leggerezza lungo una scala di 35 pollici.
L'intercorda largo da 19mm contribuisce a una buona sensazione di comfort quando la mano destra si impegna in slap, sweep o muting.

I due pickup Nordstrand Big Single sono abbinati a un preamplificatore Ibanez EQB IIISC con equalizzazione a tre bande e un selettore per impostare l'azione dei medi sui 250 o sui 600Hz.
Il sistema dispone di uno switch per l'attivazione, così da poter suonare il BTB sia in modalità attiva, sia passiva. In entrambe, produce un suono grosso ma comunque di stampo moderno, decisamente versatile nel complesso.

Ibanez BTB 1605 DTF: Nordstrand e legni figurati per versatilità e classe

Il timbro Nordstrand è una garanzia, e Ibanez lo rispetta con un'elettronica particolarmente trasparente: in posizione di flat, l'equalizzazione del preamplificatore restituisce esattamente le sonorità che si ottengono in modalità passiva, e dalla sua ci aggiunge una spiccata sensibilità dei controlli, efficaci e capaci di plasmare il suono in maniera anche importante.
Le manopole hanno un'escursione lunga e graduale, e mettono a disposizione sonorità calde e corpose quanto quelle più brillanti e incisive, con una certa varietà di combinazioni di mezzo. Particolarmente utile in questo è lo switch per le frequenze medie che, se impostato a 250Hz, conferisce quella punta di punch in più che si potrebbe desiderare per sonorità di slap standard o di fingerstyle più rotondi.
Eccolo all'opera in questa configurazione, con il resto dell'equalizzazione impostata per ottenere un discreto boost sui bassi, mentre medi e alti sono leggermente attenuati.
Tutto è registrato in diretta attraverso un preamplificatore-DI Avalon U5 e un compressore Empirical Labs Distressor. All'opera, Enrico Galetta.



Quando la si sposta sui 600Hz, subentra un tono più veloce e bright, perfetto per linee di basso più evolute, che richiedono maggior chiarezza e articolazione nel mix. Eccolo in questa modalità.



Prezioso nell'estetica e solido nella costruzione, il 1605 colpisce per la flessibilità della sua voce quanto per la rigidità dei materiali. Anche dopo un lungo periodo di utilizzo, si è dimostrato resistente ai cambi climatici e affidabile nel mantenere l'assetto impostogli in fase di setup.
Valido strumento da lavoro ma anche una gioia per gli occhi, il basso è sicuramente da tenere in considerazione se si è alla ricerca di uno strumento suonabile e suonante, con la comodità di una quinta corda che non va mai a discapito della scorrevolezza e con tutta la pasta inconfondibile della firma Nordstrand.
Consigliamo senza dubbio un giro qualora dovesse capitarvi l'occasione e, se l'idea vi stuzzica, vi segnaliamo la distribuzione curata da Mogar Music per maggiori informazioni sul BTB 1605 DTF.
bassi elettrici btb 1605 dtf enrico galetta ibanez
Link utili
Sito Ibanez
Sito del distributore Mogar Music
Altro da leggere
Pubblicità
Wing Bass sega a metà un vero basso a scala...
Gli Youtuber sono le nuove rock star...
Top figurati e il primo P-bass da Sire per...
AVC9, una Ibanez al forno...
Pubblicità
Commenti
di prada [user #19807] - commento del 12/02/2017 ore 12:03:13
Ciao a tutti. Premesso che è difficile dare un giudizio dai due samples postati (delle molte potenzialità e delle diverse timbriche descritte dall'articolo se ne sentono solo due, e piuttosto simili), Ibanez costruisce bassi bellissimi esteticamente, di solito molto ben fatti e curati e con materiali di prim'ordine. Quello però che ho riscontrato, suonandone diversi e acquistandone altrettanti per poi rivenderli dopo pochi mesi, è che non hanno una personalità ben definita: hanno un timbro definito "moderno" (???) ma che in definitiva non è né carne né pesce e quindi si preferisce tornare sui soliti noti. Sarà sicuramente una mia impressione, ma anche questo 1605 mi sembra sulla stessa linea. Certo che se poi nelle dimostrazioni venissero mostrate le caratteristiche timbriche dello strumento e non le qualità tecniche dell'esecutore (peraltro notevoli) ... ;-))
Rispondi
di ValerioMetta [user #46043] - commento del 12/02/2017 ore 13:39:3
Quoto...di bassi del genere ne ho provati tanti, ma gira e rigira torno sempre al mio caro precision bass!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964