HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Overlord: l'overdrive EHX arriva dalle tastiere
Overlord: l'overdrive EHX arriva dalle tastiere
di [user #116] - pubblicato il

L'Operation Overlord è un overdrive-distorsore stereofonico disegnato per adattarsi a una quantità di strumenti, dalle chitarre ai bassi fino alle tastiere, alle quali si ispira. EQ a tre bande, regolazione del Dry e Boost aggiuntivo, il pedale Electro Harmonix è un tributo a Jon Lord dei Deep Purple.
Per esteso, il nome dell'overdrive-distorsore stereofonico di casa EHX risponde a Operation Overlord Allied Overdrive. Tuttavia, il riferimento all'operazione militare che ha contribuito a decidere le sorti della seconda guerra mondiale è poco più che casuale. Il nome, in realtà, si riferisce a un tastierista e organista ben noto agli amanti di rock vecchio stile.
Jon Lord ha ridefinito il suono delle tastiere nel rock insieme ai Deep Purple attraverso la curiosa scelta di collegare il suo Hammond a un amplificatore Marshall, mandandolo in saturazione con il suo segnale di gran lunga più generoso rispetto a quello di una chitarra.
Ora il suo suono, preso in prestito dal mondo delle sei corde, ci ritorna in un formato pedale a opera di Mike Matthews, il fondatore di Electro Harmonix che, neanche a farlo a posta, è a sua volta un tastierista e ha più volte preso spunto dal mondo degli organi e dei sintetizzatori per offrire al mercato effetti sempre sopra le righe.

Overlord: l'overdrive EHX arriva dalle tastiere

Provvisto di due ingressi e due uscite, l'Operation Overlord promette una versatilità elevata grazie a una circuitazione stereo e una discreta quantità di manopole, tra le quali spicca la presenza di un equalizzatore a tre bande con cui ricercare le sfumature tipiche degli amplificatori british d'annata.
Il controllo di Gain offre una buona riserva di saturazione e, grazie alla manopola Dry, è possibile reintegrare nel segnale una parte del suono pulito per recuperare definizione e dinamica anche nelle situazioni più spinte.
Non manca la manopola del volume d'uscita e le si affianca un potenziometro Boost per una spinta extra in volume e saturazione da attivare quando serve attraverso il secondo switch sulla sinistra dello chassis.

L'Operation Overlord è indicato come un overdrive universale. In piccolo sul pannello verde, un selettore a tre posizioni indicato con Input LVL consente di portare il livello del segnale d'ingresso all'altezza giusta per lavorare al meglio, che si tratti di una chitarra dall'output ridotto o uno strumento attivo con un'uscita più sostanziosa.



Mostrato in anteprima ai visitatori del Namm e svelato al grande pubblico solo una manciata di ore fa, l'Operation Overlord troverà sicuramente terreno fertile tra i chitarristi, ma EHX spiega che il pedale è in grado di adattarsi agevolmente a una gran quantità di strumenti sia attivi sia passivi. Nel video ne dà una dimostrazione anche con il basso e nella pagina dedicata dal sito ufficiale a questo link è possibile ritrovarlo anche nella sua collocazione naturale: ai piedi di un tastierista, con degli spassosi video che lo vedono all'opera anche con Mike Matthews in persona.
effetti e processori electro harmonix operation overlord allied overdrive
Link utili
Operation Overlord sul sito EHX
Altro da leggere
Pubblicità
Absolute Destruction: guasti controllati in...
J Rockett Audio Design sfida la plexi con...
Andy Timmons in edizione limitata con BB...
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani...
Pubblicità
Commenti
di aleck [user #22654] - commento del 16/02/2017 ore 17:08:45
Devo ammetterlo, ho una grande simpatia personale per Mike Matthews e per la Helectro Harmonix: forse gli unici effetti che mi fanno venir voglia di allestire una pedaliera.

Questo sembra davvero un overdrive interessante!
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 16/02/2017 ore 17:16:31
Boh, con la chitarra non mi fa impazzire, già meglio con basso e tastiera. Apparte tutto non vedo appetitoso il fatto che possa suonare con tutto, forse mi sarei concentrato su un solo strumento. Il boost nei pedali OD lo trovo inutile, intanto perché preferirei avere un altro circuito o altro, non un boost, secondo perché chi concepisce un OD con un boost pensa che i chitarristi usino solo quel pedale, ma invece ne hanno tanti di OD, oltre Fuzz e distorsori, e messo prima di altri effetti farebbe saturare tutto troppo.
Per me il boost è meglio separato in modo da non limitare il collocamento di un pedale del genere. Mike comunque si droga, o almeno nel video sta fuori come un balcone xD
Rispondi
di simonec78 [user #13803] - commento del 16/02/2017 ore 18:07:25
Suona bene, ma cos'abbiamo fatto di male a chi disegna i pedalini EHx ultimamente ?
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 16/02/2017 ore 20:23:27
Io li trovo bellissimi :-D Soul Food, Crayon e Canyon in testa!
Rispondi
di simonec78 [user #13803] - commento del 17/02/2017 ore 08:53:14
Il Soul Food lo trovo molto bello. Le nuove cose che si sento le trovo davvero valide. Suonano bene.
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 16/02/2017 ore 18:44:44
in effetti con un buon overdrive con controlli di alti, bassi, medi e il mix col segnale diretto uno ci fa di tutto.. bravi Electro Harmonix..
Una cosa così la vedo anche come interfaccia tuttofare per registrare in diretta sulla scheda audio
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 17/02/2017 ore 09:51:52
Si vede che stanno tirando fuori nuove idee, e lo apprezzo, ma questo pedale non mi convince. Ottimo avere 3 bande, ma il dry serve poco. Odio quando si sente differenza nel mix tra chitarra dry o wet con un overdrive, é un difetto che ho limato anche su una mia ormai vecchia creatura.
Per me l'ultimo gran pedale EHX resta ancora il pog2.
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 17/02/2017 ore 14:26:35
il pog2 è un gran pedale ma anche mel9 non scherza.
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 18/02/2017 ore 12:44:45
per me è meglio per la tastiera e un po' per il basso; per la chitarra nè mi piace né ne vedo il senso
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani
Le chitarre di Strade con Michele Quaini
Paul Gilbert testa i suoi mini-humbucker DiMarzio
I più commentati
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani
Paul Gilbert testa i suoi mini-humbucker DiMarzio
PAF originali e repliche moderne: quale pickup scegliere?
I vostri articoli
PAF originali e repliche moderne: quale pickup scegliere?
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Segna-posizione fashion con poca spesa
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964