CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Peavey invective.120 è l'hi-gain secondo Misha Mansoor
Peavey invective.120 è l'hi-gain secondo Misha Mansoor
di [user #116] - pubblicato il

Il classico hi-gain americano riceve tre canali ridisegnati da zero e due loop indipendenti comprensivi di alimentazione dedicata per gli effetti, tutto controllabile con la pedaliera MIDI inclusa. Misha Mansoor svela l'invective.120, il suo nuovo signature da Peavey.
La nuova generazione di guitar hero sulla scena metal e dintorni presta sempre più attenzione alla versatilità della propria strumentazione. La scelta di chitarre dal range esteso richiede suoni caldi ma al contempo sempre intellegibili, e un nuovo gusto per i clean cristallini complica la vita ai progettisti di amplificatori hi-gain, che ora si trovano a dover disegnare vere bestie da saturazione capaci di trovarsi a loro agio anche in contesti più "tranquilli".
Misha Mansoor è una delle maggiori rivelazioni tra i musicisti moderni, e creare un valvolare che si adatti al suo stile, con tutta la flessibilità e la programmabilità che ne consegue, è stata una vera sfida per Peavey. Ci sono voluti alcuni anni di lavoro, lontano dai riflettori e senza lasciar trapelare nulla al pubblico, ma con il 2017 arriva anche la notizia: il chitarrista dei Periphery riceve il suo primo amplificatore signature da Peavey, battezzato invective.120.

Peavey invective.120 è l'hi-gain secondo Misha Mansoor

La testata è un concentrato di cattiveria di stampo americano. Si basa sulle serie 5150 e 6505, ma aggiunge una lista di funzioni extra e una particolare attenzione ai suoni puliti modellati attraverso quattro finali JJ6L6GC accoppiate alla fabbrica e con puntali in cima per la misurazione agevolata del bias.
Con tre canali a disposizione, la invective.120 offre un pannello particolarmente dettagliato. Il Clean conta su un'equalizzazione dedicata a tre bande, accompagnata da manopole separate per il livello Pre e Post gain, in modo da gestire in maniera indipendente il volume in uscita e la saturazione o pasta del singolo canale. Controlli di volume simili e indipendenti sono offerti anche per i canali Crunch e Lead, mentre i due distorti hanno in comune un'equalizzazione a tre bande.
Ognuno conta su un boost attivabile a pedale e personalizzabile per output e tono. Sui distorti, è possibile azionare anche un noise gate regolabile.
Con il volume Master è possibile gestire l'output generale e, per le situazioni in cui i 120 watt di potenza dovessero risultare esagerati, è offerto anche un selettore per dimezzare la potenza d'uscita.
Impostati i propri suoni preferiti, non resta che agire sulle manopole di Master Resonance e Presence per adattare la risposta dell'amplificatore a ogni venue.

Misha ha preparato un breve video per mostrare alcune delle sonorità possibili con il suo amplificatore. Per approfondirne la conoscenza e seguire la presentazione ufficiale dal Namm 2017, vi consigliamo un salto sul sito ufficiale a questo link.



La invective.120 vanta una piena compatibilità MIDI e include nella confezione anche una pedaliera MIDI con nove preset da memorizzare a piacimento, con cui gestire canali, effettistica e quant'altro.
Per gli amanti degli effetti, sul retro sono accessibili due loop separati da richiamare anche via switch.

Avere una programmabilità totale su canali e loop vuol dire potersi permettere dei rig puliti e ordinati, senza la necessità di avere ai propri piedi tutti gli effetti della catena, in particolare modulazioni e ritardi che si intende collegare tra send e return.
Due cavi extra che arrivano dal loop dell'amplificatore fino in pedaliera allungano inutilmente il percorso del segnale e creano disordine, così Peavey ha deciso di dotare la testata di due uscite da 9 volt e 500mA con cui alimentare gli effetti che si intende posizionare nei loop, così da lasciarli comodamente sull'amplificatore o accanto a esso, senza doverli posizionare in pedaliera o doversi dotare di un alimentatore dedicato qualora non li si volesse avere tra i piedi.

Ogni amplificatore valvolare ha bisogno di qualche minuto di riscaldamento prima di poter lavorare a regime, e gli interruttori di accensione e stand by della invective sono accompagnati da una luce pilota che si illumina quando la testata è pronta a dare il meglio.
Un amplificatore signature non sarebbe completo senza un suo cabinet dedicato, e il modello di Misha Mansoor viene presentato a braccetto con una cassa 2x12 battezzata invective.212. Costruita in pino massello con giunzione finger-joint per una struttura solida e risonante, monta un Celestion Vintage 30 accoppiato a un Creamback G12H 75. Capace di gestire senza problemi i 120 watt della testata invective.120, la cassa può lavorare anche in stereo, se collegata a un sistema predisposto, e fornisce così 60 watt per canale.
amplificatori invective.120 misha mansoor peavey
Link utili
L'anticipazione sul sito ufficiale
Mostra commenti     8
Altro da leggere
Valeton Asphalt: un chilo di rock n roll
Schertler in Italia con Aramini
Quaini si dà al Kemper, o quasi
Paoletti: “Non abbiate paura di provare cose nuove”
Il Supergroup diventa un mini-ampli smart
NUX nel ring dello smart modeling
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964