CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?
Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?
di [user #19758] - pubblicato il

La Les Paul Custom, rigorosamente in finitura Ebony con particolari dorati, è il sogno nel cassetto di molti amanti della scuola Gibson, ma c'è un'edizione che ha rubato il cuore a molti: la mitica Black Beauty del 1957.
Sono sempre stato attratto dalla signora di nero vestita che da oltre sessant'anni ha fatto innamorare chitarristi di ogni genere. Sto parlando, ovviamente, della mitica Les Paul Custom: uno dei fiori all’occhiello della produzione Gibson.
Fin da quando acquistai la mia prima soldi body Gibson-style (si trattava di una ultra economica Eko DV10) il mio sogno era là, in alto nel firmamento degli strumenti musicali. Ricordo quando l'osservavo: era il lontano 1998, avevo quasi quattordici anni e la mia passione per la sei corde cresceva con la stessa rapidità di una pianta di bambù.

Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?

Sono trascorsi molti lustri, la mia passione è maturata (sebbene non sia divenuta un mestiere) e quel sogno nero e oro è oggi realtà, parte integrante della mia vita. Rimembro perfettamente il giorno in cui acquistai la mia prima Custom: si trattava di uno strumento di seconda mano (anno 2001) in ottime condizioni generali che mi fece commuovere al momento della prova. E pensare che di Custom ne ho provate parecchie...
Il mio grande dubbio, però, non è mai stato colmato: Custom o Custom Black Beauty?

Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?

Per molti sono chitarre simili, per altri sono diversissime. Per me, che le ho provate entrambe, sono semplicemente due strumenti “uguali e distanti"; due chitarre con un aspetto simile ma con caratteristiche, tecniche e timbriche che le distinguono fortemente.

Personalmente sono sempre stato attratto da lady BB '57, ma per ragioni prettamente economiche mi sono adagiato sulla più comune Custom. Ne ho possedute due: l’attuale Ebony 2001 e una Alpine White 1997, che non è più con me.
Seppur contento della mia Custom Ebony, sovente mi solletica l’idea di puntare alla tanto desiderata Black Beauty '57. Sarà per quel suo look agé, per la voce "saggia” e profonda (ben diversa dalle Custom moderne), per il massiccio body in mogano one piece, per il long tenon neck, per le meccaniche tradizionali o, semplicemente, per quell’aura mistica e sensuale che nessun'altra Custom riesce a trasmettere.

Il dilemma: Les Paul Custom o Black Beauty '57?

Forse è soltanto un vezzo... Forse. Comunque, dopo anni di attenti confronti e accese discussioni, non mi sento di affermare che una sia meglio dell’altra: dal punto di vista timbrico, suonano in modo palesemente diverso.
Dal punto di vista puramente sonoro la mia Custom soddisfa ampiamente le mie esigenze (genere blues-rock, heavy blues). Mi chiedo soltanto se questo mio dubbio ancestrale sia alimentato soprattutto da suggestioni legate alla fama, estetica e costruttiva, della mitica Black Beauty.
Voi cosa ne pensate?
black beauty chitarre elettriche custom gibson gli articoli dei lettori les paul
Mostra commenti     47
Altro da leggere
SL4X: in prova la Jackson da corsa per la fascia media
La Les Paul richiede più manutenzione?
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Doheny V12: gli humbucker tripli della offset G&L
Supro replica la Dual Tone di David Bowie
DC Pro è la prima Epiphone del 2019
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964