HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Anno 1962, una chitarra dedicata al "Surf".
di [user #22255] - pubblicato il (Modificato) 

Anno 1962, una chitarra dedicata al "Surf".
 Antefatto storico obbligatorio : la Fender, "Brand" fondata da Leo Fender a fine anni 40, già nel 1954, dopo aver prodotto nel 1950 la prima solid body che fu chiamata, ma in un secondo momento, Telecaster dall'originario nome di Broadcaster, dovuto cambiare per una vertenza legale con la Gretsch, e nel 1951 la prima chitarra basso della storia, il Precision Bass ( anche se anche qui non tutti sono d'accordo ), produsse la sua più famosa chitarra in assoluto, la Stratocaster, dotata di "Synchronized Tremolo"; poi in seguito, prima nel 1956 e successivamente nel 1957, una chitarra a diaphason molto corto, da 22 pollici, destinata al pubblico dei principianti, molto, economica, spartana e dotata di un solo pickup, la Musicmaster, seguita subito a ruota dalla sua versione a due pickups che fu chiamata invece Duo-Sonic ( tutto il resto era uguale salvo l'aggiunta del commutatore per l'inserzione dei pickups ), però tutte fino a quell'anno 1957, basso Precision compreso, con la tastiera in acero. Poi fece un salto qualitativo nel 1958 con l'immissione sul mercato di uno modello di fascia elevata che era nato con l'intento di attrarre verso il mondo delle solid body i chitarristi professionisti del Jazz., fu anche la prima chitarra Fender ad avere la tastiera in palissandro, essenza molto gradita insieme all'ebano da tale gruppo di chitarristi, infatti come nome le fu dato quello di "Jazzmaster". Sul finire dell'era che tutti chiamano "pre-CBS", cioe fino al 1 gennaio 1965 in cui Leo decise di vendere la sua "Brand" anche perchè affetto da un'infezione da "Ameba" che l'aveva convinto che gli restassero ancora soli pochi mesi di vita ( soleva dire che "tra non molto avrei visto l'erba dal lato delle radici" ), la Duo-Sonic si evolse nel modello Duo-Sonic II con diapason 24 pollici e, sul finire del 1964 quando fu dotata di uno dei complessi attacca-corde-tremolo più riusciti di Leo, le fu cambiato il nome in "Mustang". Intanto si era costituito nel 1961 a Hawthorne, cittadina a sud-ovest di Los Angeles in California, un gruppo musicale che eseguiva un tipo di musica "balneare" che prese il nome da uno degli sport acquatici più praticati in quello scorcio di inizio anni 60, il "Surf", loro si chiamavano "The Beach Boys", cioè "i ragazzi della spiaggia" e Leo Fender produsse per loro, che amavano il 24 pollici della Duo-Sonic II, una evoluzione della Jazzmaster ( che intanto non è che avesse poi venduto molto ). Aveva lo stesso body, lo stesso tremolo, lo stesso ponte fluttuante ed anche stessi controlli di tono-volume, però questa volta su due mascherine metalliche cromate separate, uniche varianti consistenti erano il diapason, che da 25,5 pollici era sceso ai 24 richiesti, ed una coppia di pickups monobobina di provenienza Stratocaster, con l'aggiunta di una schermatura a "C" dotata di 6 denti ai lati, cosa che fece anche per il suo basso a 6 corde, denominato Fender VI, nello stesso anno. Era nata la Jaguar "La chitarra da Surf" : anno 1962 circa, antefatto obbligatorio : la Fender, "Brand" fondata da Leo Fender a fine anni 40, già nel 1954, dopo aver prodotto nel 1950 la prima solid body che fu chiamata, ma in un secondo momento, Telecaster dall'originario nome di Broadcaster, dovuto cambiare per una vertenza legale con la Gretsch, e nel 1951 la prima chitarra basso della storia, il Precision Bass ( anche se anche qui non tutti sono d'accordo ), produsse la sua più famosa chitarra in assoluto, la Stratocaster, dotata di "Synchronized Tremolo"; poi in seguito, prima nel 1956 e successivamente nel 1957, una chitarra a diaphason molto corto, da 22 pollici, destinata al pubblico dei principianti, molto, economica, spartana e dotata di un solo pickup, la Musicmaster, seguita subito a ruota dalla sua versione a due pickups che fu chiamata invece Duo-Sonic ( tutto il resto era uguale salvo l'aggiunta del commutatore per l'inserzione dei pickups ), però tutte fino a quell'anno 1957, basso Precision compreso, con la tastiera in acero. Poi fece un salto qualitativo nel 1958 con l'immissione sul mercato di uno modello di fascia elevata che era nato con l'intento di attrarre verso il mondo delle solid body i chitarristi professionisti del Jazz., fu anche la prima chitarra Fender ad avere la tastiera in palissandro, essenza molto gradita insieme all'ebano da tale gruppo di chitarristi, infatti come nome le fu dato quello di "Jazzmaster". Sul finire dell'era che tutti chiamano "pre-CBS", cioe fino al 1 gennaio 1965 in cui Leo decise di vendere la sua "Brand" anche perchè affetto da un'infezione da "Ameba" che l'aveva convinto che gli restassero ancora soli pochi mesi di vita ( soleva dire che "tra non molto avrei visto l'erba dal lato delle radici" ), la Duo-Sonic si evolse nel modello Duo-Sonic II con diapason 24 pollici e, sul finire del 1964 quando fu dotata di uno dei complessi attacca-corde-tremolo più riusciti di Leo, le fu cambiato il nome in "Mustang". Intanto si era costituito nel 1961 a Hawthorne, cittadina a sud-ovest di Los Angeles in California, un gruppo musicale che eseguiva un tipo di musica "balneare" che prese il nome da uno degli sport acquatici più praticati in quello scorcio di inizio anni 60, il "Surf", loro si chiamavano "The Beach Boys", cioè "i ragazzi della spiaggia" e Leo Fender produsse per loro, che amavano il 24 pollici della Duo-Sonic II, una evoluzione della Jazzmaster ( che intanto non è che avesse poi venduto molto ). Aveva lo stesso body, lo stesso tremolo, lo stesso ponte fluttuante ed anche stessi controlli di tono-volume, però questa volta su due mascherine metalliche cromate separate, uniche varianti consistenti erano il diapason, che da 25,5 pollici era sceso ai 24 richiesti, ed una coppia di pickups monobobina di provenienza Stratocaster, con l'aggiunta di una schermatura a "C" dotata di 6 denti ai lati, cosa che fece anche per il suo basso a 6 corde, denominato Fender VI, nello stesso anno. Era nata la Jaguar circa 2 anni prima della Mustang che io ritengo "La chitarra più intelligente della Fender" ma che nel 1969 ne costava 1/3 del prezzo di listino, oggi invece, almeno le Made in Japan, costano la stessa cifra.alla Mustang che io ritengo "La chitarra più intelligente della Fender" ma che nel 1969 ne costava 1/3 del prezzo di listino, invece quando comperai la mia attuale Competition Blue a fine anni 90, almeno le Made in Japan, costavano la stessa cifra.
Anno 1962, una chitarra dedicata al "Surf".
Anno 1962, una chitarra dedicata al "Surf".
Dello stesso autore
Mio Pedalume di un certo livello!...
Oggi avrebbe compiuto 70 anni, Francesco...
Buddy Holly, il primo ad usare la...
La breve storia di Valco: 1942 - 1968...
La Fender per eccellenza ed i Telemaster!...
"Il ruolo di bassista maledetto"!...
Commenti
di zabu [user #2321] - commento del 11/05/2017 ore 23:10:00
Sia la Jaguar che la Jazzmaster sono strumenti che mi piacerebbe conoscere meglio. Credo di aver provato solo una Jaguar originale del 1965, ma purtroppo non era settata molto bene e non mi lascio' una grande impressione. Dal punto di vista estetico sono due strumenti molto belli, ma forse decisamente meno versatili (seppure questo e' un concetto sempre relativo) rispetto alla Tele e Strato.
Rispondi
di sidale [user #29948] - commento del 12/05/2017 ore 01:12:40
Tutte belle le offset della Fender anche se commercialmente hanno avuto più fortuna anni dopo la loro immissione sul mercato grazie a grunge e indie.
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato - commento del 12/05/2017 ore 06:47:57
Quando attacchi una di queste chitarre in un Deluxe Reverb con la manopolina del riverbero oltre il "4" è come andare a 88 miglia orarie.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Le vostre esibizioni
Happy 2017!!
Rockabye!!...anche se non molto rock... :)
I'm On Fire
Capriccio n. 20 con GKG R36
Breve impro su "How Insensitive"...
di luvi
I vostri articoli
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Voglia di Stratocaster
Tre mesi con Helix LT
Avere o non avere il fuzz: la risposta è DOD Carcosa
Marshall 8240 Valvestate: l'amplificatore degli amici
I compleanni di oggi
dantrooper
gabriele bianco
stevierayfra
Giancarlo 78
Dedalo19
citygarbage
samish
chdan
SandroFontana
cozza87
MikeAlexson
Piciaks
RiccardoGazzabin
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964