HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Sestine rotolanti
Sestine rotolanti
di [user #28153] - pubblicato il

Batteria. Studiamo un impegnativo fill in sestine di sedicesimi. Nello studio che affronteremo, le sestine riempiono completamente i quattro movimenti di una misura. Eppure, nonostante l'omogeneità del disegno ritmico, il fatto di utilizzare diteggiature differenti e una disposizione brillante degli accenti, permette di garantire al fill una caratteristica freschezza e varietà musicale e di conferirgli un andamento rotolante.
Nella lezione di oggi, affrontiamo un linear composto da una misura suddivisa in quattro movimenti in sestine.
Questo fill è contenuto nel groove che ho spiegato nella precedente lezione.
Gli accenti principali del linear si posizionano sul battere di uno, sull'ultimo sedicesimo del secondo movimento e sul battere di tre. Invece, l'ultimo quarto si muove dinamicamente in maniera più costante su tutte sei le note. 
All'interno di questa sequenza di accenti ho riempito gli spazi utilizzando tre diverse diteggiature: questo permette di garantire al fill una caratteristica musicale il più possibile varia e conferirgli un andamento rotolante.

Sestine rotolanti

Come si può notare, la sequenza delle note del primo movimento è proposta con la diteggiatura DSSCCS.
Nella seconda sestina sostituisco il secondo colpo di cassa con un colpo di mano destra sullo stack e ripeto la stessa diteggiatura sul terzo movimento, mentre l'ultimo movimento viene suonato con la diteggiatura CCDCSC. 
Arrangiando in questo modo la parte, imprimo un caratteristica sonora specifica sul movimento di apertura e su quello di chiusura del fill. Gli spazi dei due movimenti centrali, invece,  sono riempiti in maniera omogenea fra loro tramite la diteggiatura ripetuta. 
Consiglio, in principio, di provare a eseguire in loop solamente la diteggiatura dei due movimenti centrali. Questi offrono la chiave per conferire fluidità al fill. Gli altri due movimenti andranno provati a parte e in un momento successivo.
Una volta interiorizzati i movimenti separatamente, provate a unirli inserendo gli accenti indicati.
E' sempre importante inoltre, provare a spostare i colpi su altre parti del vostro set: orchestrare la stessa diteggiatura su suoni differenti può conferire al fill una musicalità completamente diversa e - cosa importantissima - assumere una personalità totalmente vostra.
Buon divertimento e alla prossima lezione!

lezioni lezioni di batteria
Link utili
La scuola di batteria di Erik Tulissio
La pagina artista Tama di Erik
Altro da leggere
Pubblicità
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16...
Minnemann visto da Guthrie Govan...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Doppia cassa & modulazioni metriche...
Pubblicità
Doppia cassa: terzine & "Three Stroke Ruff"...
Shuffle in doppia cassa...
Un linear non linear...
Linear: personalità e creatività...
Un Linear per l'Hip Hop!...
Linear - "Reverse Paradiddle Groove"...
Linear Drum Fills - Funky Groove...
Linear Fill - Reverse paradiddle e trentaduesimi...
Linear Drum Fill...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Imparare a suonare sui tempi dispari
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964