HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Ibanez SRH: thinline semplice, diretto, efficace
Ibanez SRH: thinline semplice, diretto, efficace
di [user #46209] - pubblicato il

Il basso Ibanez SR diventa semihollow per i trent'anni della serie. Disponibile per quattro e cinque corde, sia fretless sia con tasti, l'Ibanez SRH mette da parte i pickup magnetici in favore di un piezoelettrico regolabile in intensità per ogni selletta.
Le celebrazioni per il trentennale del basso SR continuano nella primavera 2017 e volgono ora lo sguardo al mondo dei semihollow. Altra novità in casa Ibanez è l’SRH, un modello senza fronzoli, semplice quanto efficace.
Si tratta di un basso thinline in mogano col top in abete, disponibile sia in versione fretless sia coi tasti nelle varianti a quattro e cinque corde.
La prima cosa che salta agli occhi è l’assenza di pickup, o meglio dei classici magneti che siamo abituati ad aspettarci su un basso elettrico. Difatti, questo modello è amplificato esclusivamente tramite un piezo regolabile, corda per corda, sul retro dello strumento.
Gli unici potenziometri presenti sono due, entrambi di legno, e regolano il volume generale e il tono.

Ibanez SRH: thinline semplice, diretto, efficace

Il manico del basso è composto da cinque pezzi di Jatoba e Bubinga alternati e la tastiera, interamente in palissandro, è di 24 tasti.
A livello timbrico il basso ha un suono molto caldo e, tramite la regolazione del tono, riesce a emulare molto bene sonorità contrabbassistiche, perfette per gli accompagnamenti in walking bass, ma anche a raggiungere un discreto attacco per le parti soliste.



Parte dei festeggiamenti per il 30esimo anniversario della serie di bassi Ibanez SR, l'SRH è l'ultimo arrivo nella gamma Bass Workshop e sarà in Italia con la distribuzione di Mogar Music.
bassi elettrici ibanez srh
Link utili
Gli SR Bass Workshop sul sito Ibanez
Sito del distributore Mogar Music
Altro da leggere
Pubblicità
MTD Kingston Z-4 EB: fretless esclusivi a...
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac...
Kiloton 5: G&L aumenta i chilotoni col Si...
Non basta suonare bene...
Pubblicità
Commenti
di prada [user #19807] - commento del 05/05/2017 ore 08:46:21
Molto interessante, il suono è un po' medioso ma bisognerebbe provarlo e sentirlo direttamente.
Chissà il prezzo, ma si presenta come uno strumento diverso dalle solite proposte sul mercato, mi piacerebbe testarlo magari su un ampli diverso, più rock-blues oriented.
Rispondi
di zabu [user #2321] - commento del 06/05/2017 ore 22:22:07
Negli States e' già disponibile e viene $ 700, nemmeno tanto tutto sommato.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964