HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Takamine P1DC, una D come si deve
Takamine P1DC, una D come si deve
di [user #116] - pubblicato il

Abbiamo messo nelle mani del nostro Paolo Antoniazzi una dreadnought con spalla mancante realizzata con cura e materiali di qualità. La P1DC, con il suo top in cedro e un’elettronica completa mette sul tavolo una scheda tecnica di tutto rispetto.
La Takamine arrivata in redazione è uno strumento di fascia medio alta. È una dreadnought a spalla mancante, con un body in sapele e top in cedro. Alla cassa di dimensioni generose è incollato il manico in mogano a 20 tasti con attacco al 14 esimo. 

La tastiera in palissandro ha i bordi levigatissimi, cosa che va di pari passo con un manico sottile e comodo, un toccasana per chi ama le corde spesse. La comodità è garantita anche dalla action bassa, merito di un ottimo setup già di fabbrica. 

Sulla spalla superiore trova posto il sistema di amplificazione. Nello specifico abbiamo a che fare con CT4B II Preamp System, semplice ed efficace. Accanto agli slider per controllare alti medi bassi e volume trova posto un accordatore abbastanza preciso. 

La dreadnought di Takamine è abbastanza pesante, si fa sentire quando la si poggia sulla gambia ma è bilanciata e non affatica, merito anche delle geometrie del manico che fanno suonare senza spendere troppe energie. 

Takamine P1DC, una D come si deve

Con un plettro medium cominciamo a strummure accordi in prima posizione. Si capisce subito che è la cosa che le riesce meglio. Le basse decise e il buon volume sviluppati dalla cassa non lasciano dubbi. La scelta del cedro per il top poi le dona attacco e una certa morbidezza che sono fondamentali quando si ricercano suoni brillanti ma allo stesso tempo caldi. 

Altre due caratteristiche che emergono subito già dalle prime pennate sono il sustain, al quale competono sempre le dimensioni generose del body che si fanno sentire sotto il braccio destro. 

Quando si abbandona il plettro, però, la P1 sa regalare tante altre soddisfazioni. La morbidezza aumenta quando si usano i polpastrelli e i cantini frizzanti vengono un po’ smorzati. Il suono che ne risulta, però, non è certo cupo, anzi resta comunque equilibrato, soprattutto quando con perizia si miscelano accompagnamento e melodia gestendo il tocco delle dita. 

Quando si collega il jack la situazione non peggiora affatto, anzi. Il sistema CT4B sa il fatto suo. Con un sound leggermente meno ricco di armoniche, riesce comunque a riprodurre con fedeltà la voce che sentivamo unplugged anche senza intervenire selvaggiamente sull’equalizzazione sia on board che dal mixer o dall’amplificatore. 



Con un prezzo che si attesta intorno ai 1400 euro, custodia rigida inclusa, la P1DC non è certo da considerarsi una entry level. Il sound che scaturisce tanto dalla buca quanto dall’uscita jack, però, è di livello e vale ogni centesimo speso. È una chitarra pronta a essere portata sul palco, dove riesce a regalare ottime soddisfazioni sia dal punto di vista della timbrica che da quello del feeling. 


Takamine è un marchio distribuito da Gold Music
chitarre acustiche pqdc takamine
Link utili
Takamine è un marchio distribuito da Gold Music
Altro da leggere
Pubblicità
Bourgeois Country Boy, una folk come si deve...
Dall'archivista Martin, la dreadnought col...
Martin: la serie 15 diventa StreetMaster...
Chitarre al whiskey per l'eredità Lowden...
Pubblicità
Commenti
di lietoofine [user #44803] - commento del 16/05/2017 ore 12:48:22
non male, ma come caratteristiche è molto simile alla mia vecchia EAN10C..da un modello nuovo mi aspetterei qualcosa di più soprattutto per quanto riguarda l'elettronica..il CT4B mi pare proprio uguale a quello che monta la mia
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
La famiglia BIAS si rimpicciolisce con 2 ampli e 3 nuovi pedali
Scott Henderson sulla sua nuova Suhr
El Capistan: il tape delay definitivo?
di aleZ
HP2: mr Peavey mette il nome sulle nuove solid body made in USA
Da Epiphone la Les Paul a due pickup meno costosa di sempre
I più commentati
Kenny Wayne Shepherd: "E' il momento del blues. Basta musica usa e getta"
Da Epiphone la Les Paul a due pickup meno costosa di sempre
El Capistan: il tape delay definitivo?
di aleZ
I classici Vox diventano handwired per i 60 anni
40 anni di Police, Clash e Sex Pistols. Il Punk raccontato alla chitarra
I vostri articoli
Suhr Badger 35
di aleZ
Un ampli AS 18 watt artigianale trasformato
Koch Amps 63'OD Preamp
di elle
Cinque miti sulle Fender vintage sbugiardati
Una Esquire Custom da palude
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964