DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom
Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom
di [user #116] - pubblicato il

Una solid body dalle forme inedite ha incuriosito il pubblico del web all'inizio del 2017. Ora Gibson è pronta a presentare ufficialmente la Modern Double Cut Standard, arricchita con il nuovo Apex carve dietro la paletta direttamente dalla divisione Custom.
Quando, all'inizio dell'anno, le prime immagini dell'esposizione Gibson al CES 2017 hanno cominciato a circolare sul web, l'attenzione dei fan è stata catalizzata subito da un nuovo arrivo. Le forme inedite di una double-cut d'ispirazione Les Paul ma con diversi aspetti mai visti hanno fatto discutere a lungo, ma poco è stato diffuso a riguardo dalle fonti ufficiali. Col Namm si è scoperto che la nuova arrivata avrebbe fatto parte della gamma Custom, che avrebbe avuto 24 tasti e una paletta di nuova concezione, ma il resto era ancora un po' fumoso. Adesso, il nuovo modello è arrivato ufficialmente in catalogo. Si chiama Modern Double Cut Standard, entra tra le file Custom per restarci e potrebbe rappresentare una nuova ammiraglia di casa, con la prospettiva un giorno di guadagnarsi un posto anche tra la produzione USA.

Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom

Standard solo di nome, la Modern Double Cut parte dalle caratteristiche più distintive della produzione Gibson e le reinterpreta in una chiave moderna, attenta alla suonabilità e alla versatilità insieme ad alcuni accorgimenti per migliorarne la struttura generale.

Il body in mogano non può mancare all'appello, come anche le due parti di acero che compongono il top. Il manico, incollato, è in mogano ed è abbinato a una classica tastiera in palissandro.
Un diapason da 24,75 pollici corre dal capotasto in corian fino al ponte ABR-1, attraversando i 24 fret medium jumbo posati su un raggio di 12 pollici. Trapezi in madreperla sintetica conteggiano i tasti e donano un tocco classico, mentre il binding color crema tutto intorno a manico e top impreziosisce l'estetica spiccando sulle sei finiture disponibili, tutte alla nitrocellulosa.

Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom

Le meccaniche Grover Kidney aggiungono un richiamo moderno a una paletta nera e apparentemente classica, ma che sfoggia sul retro il rinforzo introdotto da Gibson proprio quest'anno e indicato come "Apex carve". La paletta inclinata all'indietro è un tratto distintivo del disegno Gibson, ma ne fa anche un punto debole sul piano strutturale. Con l'Apex, una piccola escrescenza in legno alla base della paletta, sul retro, i progettisti promettono una solidità superiore e una resistenza meccanica maggiore in modo da non temere stress e urti.

Ecco la Modern Standard, la misteriosa Double Cut del Gibson Custom

Tradizionale e potente al tempo stesso, la voce della Modern Standard è data da un pickup 57 Classic al manico abbinato a un 57 Classic Plus al ponte. L'interfaccia è essenziale, non c'è battipenna e tutti i controlli sono radunati sulla parte bassa del body. Un volume e un tono controllano le uscite master, e un selettore a tre posizioni Switchcraft garantisce un segnale puro e assenza di rumore.

Sul sito ufficiale a questo link è possibile vedere nel dettaglio la Modern Double Cut Standard. Non appena sarà possibile metterci sopra le mani anche in Italia, sarete i primi a saperlo.
chitarre elettriche gibson modern double cut standard
Link utili
Le Gibson del 2017
Modern Double Cut Standard sul sito Gibson
Mostra commenti     45
Altro da leggere
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
PRS celebra 10 anni di S2
Non solo Stratocaster: le chitarre preferite di Jeff Beck
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964