HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Studiomaster Digilive 16, tutto quello che serve
Studiomaster Digilive 16, tutto quello che serve
di [user #] - pubblicato il

Abbiamo messo alla prova il Digilive 16, un mixer digitale realizzato dalla inglese Studiomaster. È compattissimo, con nove fader motorizzati, ma è in grado di fornire tutte le features necessarie per condurre un live senza problemi.
Il Digilive 16  l’ultimo nato in casa Studiomaster e raccoglie lo sviluppo di diversi anni di test e prove sul campo. È un mixer digitale non solo compatto, ma anche leggerissimo. Come lascia intuire il nome dispone di 16 canali. Didici di questi sono microfonici, con PRE dedicato e manopola del guadagno. A 16 si arriva sommando gli ultimi due canali stereo con ingresso jack da 1/4’’. Tutte le connessioni si trovano sul retro e agli in si aggiungono i 6 output più ovviamente l’LR, la connessione SPDIF e l’Aes Ebu. Sempre sul retro trova posto anche la porta USB tramite cui è possibile registrare left e right. Per ridurre al minimo il rischio di rumori indesiderati, l’alimentatore è completamente esterno. In questo caso avremmo preferito un sistema di fissaggio dell’alimentazione più professionale e difficile da rimuovere accidentalmente, è comunque un dettaglio non fondamentale e che non ne preclude il corretto funzionamento. Per ogni canale si ha la possibilità di attivare un equalizzatore full-parametric (con ogni banda settabile da 20 a 20000Hz), un filtro passa alti, gate, compressore e uno tra riverbero, delay o una modulazione. 

Studiomaster Digilive 16, tutto quello che serve

Per ogni effetto sono disponibili due slot, così da poter impostare due delay, due riverberi e due modulazioni diverse per assegnarle a due gruppi di canali differenti. Tramite un modulo wi-fi esterno può essere controllato tramite ipad con la app dedicata. Questo può essere tra l’altro riposto nell’apposita fessura ricavata nella parte superiore del Digilive. I 16 canali sono divisi in due layer selezionabili tramite pulsante e sono gestiti da fader motorizzati con un’azione molto precisa, a volte anche troppo. Ogni funzione può essere regolata sia direttamente dal touch screen sia utilizzando la grossa manopola che rende più precise le operazioni. 

Per tutti i 16 canali è possibile visualizzare in tempo reale i livelli di ingresso grazie al meter dedicato, attivare la phantom a 48v e invertire la fase. Lo Studiomaster dispone anche di una macchina per il ritardo spesso indispensabile in situazioni live. 



Lo Studiomaster è un mixer digitale con dimensioni davvero ridotte all’osso. Nonostante i soli nove fader motorizzai e il touch screen si può intervenire in tempo reale su ogni parte della catena del segnale. Avere a disposizione poi una manopola per canale per la gestione del guadagno è un plus che molti altri mixer digitali anche più costosi non hanno, rendendo il lavoro un po’ più complesso. È un prodotto che nonostante uno street price di 1000 euro circa, offre una qualità davvero elevata. Suona bene e mette a disposizione un rack effetti di tutto rispetto che intervengono in maniera precisa senza mai snaturare il suono in ingresso anche quando li si usa con decisione. Lo abbiamo portato a spasso in più di dieci live tra band, spettacoli teatrali e conferenze e non ha mostrato il minimo segno di cedimento. Va solo segnalata l’estrema sensibilità dei fader che a volte può rappresentare un ostacolo, ma la maggior parte delle volte è un bene. L’LCD touch è ben visibile e facile da usare. L’interfaccia è user friendly come ci si aspetterebbe da un mixer digitale rivolto a un pubblico non solo PRO. Infatti grazie alle dimensioni e al prezzo contenuti può diventare utilissimo anche per le band che vogliono gestire il loro sound in maniera professionale anche quando magari un fonico a disposizione nel locale non c’è. La possibilità poi di salvare un elevato numero di show fa si che si possa arrivare alla venue, consegnare L e R al fonico (o sedicente tale) senza doversi preoccupare di fare da capo tutto il lavoro di soundcheck, ma limitandosi alle correzioni necessarie. 

È un prodotto che ci ha sorpreso per le ottime caratteristiche tecniche, ma anche e soprattutto per il prezzo decisamente sotto la media, che però non preclude alla qualità che si è dimostrata sempre al top. 

Studiomaster è un prodotto distribuito da Master Music.
digilive 16 mixer digitali studiomaster
Link utili
Studiomaster è un prodotto distribuito da Master Music.
Visita il sito Studiomaster
Altro da leggere
Pubblicità
Master Music distribuisce Studiomaster...
Commenti
di mattarellox [user #2415] - commento del 30/05/2017 ore 13:49:0
non è possibile utilizzarlo come scheda audio multitraccia vero?
Rispondi
di Burats [user #16167] - commento del 30/05/2017 ore 14:14:14
ciao, no non è possibile registrare in multitraccia.
Rispondi
di Aquarius utente non più registrato - commento del 30/05/2017 ore 15:12:32
Che bello... Mi piacerebbe avere un prodotto di questo genere per gestire saletta e live, ma per il momento mi devo accontentare di quallo che ho, che è molto, molto meno... :(
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Venti attrezzi online per chitarristi
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964