HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La chitarra da Night Club!
di [user #22255] - pubblicato il (Modificato) 

La chitarra da Night Club!
Dopo meticolose ed accurate ricerche ( ed anche indagini serie ) durate anni, sono giunto al risultato di aver individuato la vera "Chitarra da Night", supportato anche dalla verifica tramite visione dei veri filmati dell'epoca ( e non i video di ricostruzioni recenti del periodo, in cui ho rilevato errori e conferme di poca competenza madornali, vedi il caso di una serie TV dedicata al "Piper" in cui si vedono gli attori imbracciare strumenti che all'epoca dei fatti, 1966, nemmeno erano ancora importati in Italia, come le Ibanez di cui ho posseduto il primo modello in assoluto del 1969, un basso importato da Burns, e per giunta modelli dell'epoca delle riprese televisive, mentre le più usate a metà anni 60 erano le Rickenbacker, le EKO freccia e qualche Fender Stratocaster e Jazz Bass ). Cioè, a monte delle varie affermazioni di presunti saputoni ed esperti, a loro dire, escludendo la inizialmente presa in considerazione Gibson ES 175, versione in laminato piegato a caldo ed a metà prezzo della splendida Gibson L 5, una chitarra nata per il "Jazz" ed il modello superiore succitato mio sogno irragiungibile per il costo attuale, poi anche l'affermazione di alcuni miei conoscenti, musicisti partenopei e miei contemporanei dal punto di vista inizio carriera, che affermavano essere stata la Fender Jazzmaster, molto usata invece nelle orchestre in televisione e sui palchi dei vari festival e spettacoli iteneranti, succeduta a fine anni 60 alla pur valida Hollywood Meazzi, modello Juppiter, basso compreso ( andate a vedere i vari programmi legati alla lotteria di capodanno  di quel periodo) e nata per affezionare i jazzisti alla solid body, io affermo con sicurezza che essa fosse la Gibson ES 335, la semisolid ( o se preferite semi-hollow ) nata per il "Blues". Io poi questo modello sono riuscito a comperarmelo, anche se di ennesima mano e nella versione "Studio", molto spartana e senza buche ad "Effe" e Varitone, ma ha sostituito nelle mie modeste esibizioni e da subito l'altra mia Gibson, la Standard del 1973 che è dotata di Bigsby Vibrola, è solo un po' più ingombrante. FBASS.

La chitarra da Night Club!



 
Dello stesso autore
Auguri Pasquali !...
Music Man, un nome voluto da Leo Fender....
Mi sono fatto il regalo di Natale!...
Merry Xmas & Happy New Year 2018....
Mio Pedalume di un certo livello!...
Oggi avrebbe compiuto 70 anni, Francesco...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I piĆ¹ letti
Joe Bonamassa: tutti a lezione di British Blues
Ricky Portera: l'assolo di "Ayrton"
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
S-Locks: Schaller reinventa lo strap lock
ProCo Multi Rat fatto in casa
I vostri articoli
Piccole, potenti e italiane: Raw Dawg EG
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
ProCo Multi Rat fatto in casa
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Meris Mercury 7: il Nexus 6 dei riverberi a pedale
I compleanni di oggi
Fabrizioales
mablung
FENDERO77
tullbull97
Steven63
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964