HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il vero strumento da Night Club!
di [user #22255] - pubblicato il (Modificato) 

Il vero strumento da Night Club!
Volendo specificare a priori che non erano nè la chitarra, spesso sostituita dai fiati quale il sassofono ed il flauto traverso, nè il contrabbasso ( che comunque non mancava mai ), il vero strumento da Night Club, un po' limitato avendo solo tre ottave, o se preferite 37 note, era il Vibrafono, strumento classificato nelle percussioni ma dotato di blocchetti metallici sonori disposti secondo i tasti di un pianoforte, con le note in prima fila ed i diesis in seconda, realizzato in diverse estensioni ( la più usata era appunto la succitata di poco più di tre ottave, cioè 37 blocchetti metallici, con un DO in più, vedi foto allegate ). Essi comunque sono dotati tutti di tubi metallici in cui vi è, ed in ognuno, una ventolina messa in rotazione da un motorino elettrico, da cui il suo nome per il suono "vibrato" generato dalla rotazione di quest'ultime. Non potendomene permettere uno per il costo elevato, intorno ai € 5000 se non di più, ho invece optato per il fratello minore, il "Metallofono", che è privo dei tubi con ventoline, più trasportabile, ma il mio è sempre prodotto dalla ditta al TOP, la Musser; e non è un giocattolo da regalare ai bambini a Natale, ha 30 blocchetti e le note che ne escono sono quelle del fratello maggiore, ma in caso di serate più impegnative lo sostituisco con il mio piano elettrico, quest'ultimo invece al vertice della professionalità, un Fender Rhodes 88 Mark I° del 1966, identico a quello usato da Ray Charles nel film "The Blues Brothers", e lì non ci sono santi che tengano con il suo suono da "Gran Carillon" :

Il vero strumento da Night Club!

Il vero strumento da Night Club!


 
Dello stesso autore
Mi sono fatto il regalo di Natale!...
Merry Xmas & Happy New Year 2018....
Mio Pedalume di un certo livello!...
Oggi avrebbe compiuto 70 anni, Francesco...
Buddy Holly, il primo ad usare la...
La breve storia di Valco: 1942 - 1968...
Commenti
di FranxAJ [user #18541] - commento del 03/06/2017 ore 21:15:02
Conosco molto bene lo strumento in quanto ho un fratello vibrafonista con tanto di vibrafono, sono una specie più uniche che rara ;)
Rispondi
di Inglese [user #31999] - commento del 04/06/2017 ore 13:45:07
Come non citare a questo punto il grandissimo Ollie Halsal! Chitarrista e vibrafonista interessantissimo (il compianto Holdsworth lo citò come uno dei suoi riferimenti).
Se non lo conoscete andate ad ascoltare per bene tutta la (ahimè breve) discografia dei Patto.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti
Formula B Super Plexi V2: british per tutti
di aleZ
BIAS Delay e Modulation: pieno controllo digitale
Slash diventa ambasciatore con una nuova Les Paul
Fender sfodera lo spirito retrò con le American Original
Gibson Modern Flying V avvistata al CES 2018
I vostri articoli
Ibanez Elastomer: plettri in gomma?
Mixer Behringer Xenyx X2222 USB
Duesenberg Starplayer Special
Jim Reed PRS-style: da brutto anatroccolo a chitarra laboratorio
Fender 51 Nocaster Pickup Set: per me il migliore
I compleanni di oggi
Bubba 23
giltubes
massimoottini
antoniodalessandro
Frankietherocker
Pixel
silversoul93
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964