HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Telesavalas, la principessina rosa della plettrata
Telesavalas, la principessina rosa della plettrata
di [user #17404] - pubblicato il

La Telesavalas è l’Ibanez Rg rosa imbracciata da Paul Gilbert nei sui primi video didattici. Questa chitarra resta una delle più popolari e desiderate RG della storia; non essendo un modello signature e non comparendo in produzione in alcun catalogo era una chitarra che faceva da apripista a quella che sarebbe diventata una pratica poi consolidatissima su tante RG, il modding. Sull'impianto di una Rg 550 erano presenti modifiche vistose che lasciavano intendere un intervento estetico, funzionale e meccanico deciso da parte di Gilbert. Modifiche che anticipavano quelle che poi sarebbero diventate peculiarità dei suoi modelli signature.
La Telesavalas, che compariva al collo di Paul anche in una celebre foto promozionale dei modelli RG760 e 750, era uno strumento realizzato dal Custom Shop Ibanez di Los Angeles.  La chitarra aveva una tastiera ultrapiatta in ebano e la paletta dritta. Come da lì in poi sarebbe successo su gran parte dei modelli signature di Paul, il controllo di tono era stato rimosso e c’era un unico controllo per il volume. Questo, però, era piazzato a metà tra i due pickup in una posizione che il chitarrista non avrebbe poi, più utilizzato. Ancora più singolare era la disposizione del selettore a tre posizioni dei pick up, alloggiato sul corno più basso dello strumento. 
Una disposizione di controlli estrema che pareva funzionale al playing estremo del Gilbert di quegli anni: sembrava, infatti, che tutto fosse posizionato in modo tale da garantire nessun intralcio e piena libertà d’azione al lavoro furioso e perfetto di plettraggio della mano destra. Anche ponte e pick up presentavano elementi che poi non avrebbero attecchito né nella storia delle RG né in quella dei modelli signature di Gilbert. Il ponte era un Kahler Killer e i pick up erano entrambi Seymour Duncan: Invader al ponte e mini humbucker Vintage al manico.

Telesavalas, la principessina rosa della plettrata

La natura dei pick era parecchio interessante: sbilacciatissimi tra di loro (debordante e selvaggio il primo, asciutto, nervoso e contenuto il secondo) assecondavano le due anime più contrastanti ma magicamente complementari dello shred. Quello al ponte favoriva la fluidità di legati e tapping e garantiva sustain e arroganza su feedback, armonici e note strapazzate con la leva; quello al manico regalava un attacco feroce e definitssimo su sweep e pennata alternata.
Negli anni poi, Gilbert avrebbe ricreato questo equilibrio di suono e timbrica in un suo modello signature specifico la PGM500: questa montava il potentissimo Tone Zone al ponte e il più secco Humbucker From Hell al manico (una sorta di single coil fatto di anfetamine!) entrambi della DiMarzio. 
La Telesavalas era verniciata con una tinta di rosa disperatamente anni ’80 e la mascherina trasparente era a sua volta verniciata in tinta col body ma dal lato interno, per farla sembrare di vetro. Nel corso degli anni questa chitarra ha subito varie modifiche: prima tra tutte l’inserimento del ponte fisso tipo Fender, con un grottesco rattoppo dello scasso esistente sul corpo con un pezzo di legno verniciato in malo modo. Poi, cambiò anche la  combinazione dei pickup H/S/H e quella del selettore pickup che fu sostituito con uno a slitta tipo Fender. Infine, il  volume trovò la sua sistemazione finale nella tradizionale posizione Gilbert, dove solitamente è il tono.



Una memorabile testimonianza di tutte queste modifiche in atto, la si trova nel  secondo video didattico di Paul Gilbert, "Intense Rock II". La sigla di apertura è una delle più celebri canzoni di Paul, “Down To Mexico” ed è suonata con la Telesavals per l’occasione addobbata con delle frange bianche.
La Telesavalas resta una chitarra mitica, unica e desiderata da più di una generazione di chitarristi che se ne sono innamorati  non per averla sentita in azione su canzoni o album memorabili ma per averla ammirata in alcune della pagine didattiche più importanti nello sviluppo della chitarra moderna e shred. I due metodi di Gilbert infatti, hanno rivoluzionato l’approccio alla pennata alternata, inventato lo string skipping e alzato a uno standard - per certi versi ancora ineguagliato - il livello di velocità, pulizia e articolazione del solismo metal moderno.



Grazie a Michele Rumagnoli, Guitar Migi, per le preziose informazioni di supporto alla stesura di questo articolo.
Ibanez RG Tour paul gilbert shred
Link utili
Il Blog dell'Ibanez RG Tour
Il sito dell'Ibanez
Evento Ufficiale su Facebook
Intense Rock I & II su Amazon
Altro da leggere
Pubblicità
Paul Gilbert e la scala Blues definitiva!...
Paul Gilbert e il primo accordo Blues...
Paul Gilbert - surrogato blues per un Re...
Michael Angelo: l'esercizio che Paul Gilbert mi ha fregato...
Pubblicità
Paul Gilbert: un lick blues in cinque...
Come si esercita Paul Gilbert...
String skipping sotto i raggi X...
Michael Angelo: paura e delirio in alternata...
Pennata alternata: dal progressive al metal...
Ibanez RG Tour 30Th Anniversary: Sfogli, Rojatti, Salati e...
Segui l'Ibanez RG Tour dietro le quinte...
Il "Duo del male" in tour con Ibanez...
RG Tour: una tua foto può valere un sacco...
Commenti
di migi [user #3838] - commento del 14/06/2017 ore 18:08:50
amore totale per questo oggetto che mi ha svezzato sessualmente! bellissimo articolo!
Rispondi
di sergej [user #44973] - commento del 14/06/2017 ore 18:40:48
Impossibile non notare questa 'bellezza' negli instructional videos del buon Paul... Non sapevo che la chitarra avesse una storia così particolare (e complimenti a chi la ha raccontata al pubblico di Accordo). Detto questo, vieterei i video di Gilbert ai minori di 18 anni per l'acconciatura, l'umorismo e - in primis - la chitarra rosa :D
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 15/06/2017 ore 10:20:40
andrebbero vietati ai minori perchè sono pura pornografia per gli amanti della tecnica.
in quegli anni (non che ora sia diventato scarso il ragazzo...) la sua plettrata era precisa come quella di M.A.B. ma di una "violenza" inarrivabile!

c'era tutto l'impeto giovanile al cospetto di una pulizia di suono ed una tecnica che per quanto mi riguarda rimane tutt'ora ineguagliata.
Rispondi
di GianniJanaRojatti [user #17404] - commento del 15/06/2017 ore 10:24:58
AMEN!
Rispondi
di zanzacris [user #11650] - commento del 15/06/2017 ore 10:38:11
E chi se li dimentica i video di Gilbert, in un'epoca dove YouTube e il web in genere non erano neanche un miraggio e queste lezioni erano oro a pagamento.
Le videocassette dovevi comprartele e non erano economicissime.
Tecnica impressionante per pulizie.... Oggi il ragazzo è probabilmente maturato ed adora il blues:-)
Tornando all'ibba le rg dell'epoca anche quelle economiche erano una cannonata....proprio un paio di mesi fa ho risultato la mia rg470 mancina del 93....ovviamente molto modificata
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 15/06/2017 ore 10:47:02
io credevo che fosse la chitarra del tenente Kojak
Rispondi
di Guycho [user #2802] - commento del 15/06/2017 ore 22:49:31
Pablo delle meraviglie!
Rispondi
di stevepauljoe [user #20194] - commento del 16/06/2017 ore 11:03:33
bellissimo articolo, quanti bei ricordi, comprate in vhs entrambe le videocassette didattiche... anzi anche la terza ... terrifying... ore e ore a rimanere stupito di tanta tecnica e bellezza dei fraseggi... all'epoca non vi era internet e... quelle lezioni valevano tantissimo una cosa irrinunciabile.. per apprendere meglio tecnica e fraseggi.... complimenti per l'articolo pieno di spunti che non conoscevo..
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 16/06/2017 ore 18:48:03
caro GIANNI, questo articolo è proprio una figata! quando apro l’armadio e riprendo i vecchi vhs della R&H, mi vengono gli occhi lucidi! quella chitarra in quel bellissimo video che è ROCK INTENSE GUITAR, regala davvero grandi emozioni e mi chiedo chissà se Paul quando si rivede in quei frangenti cosa pensa di quei tempi quando era tremendamente tamarrissimo!
Rispondi
di enricovai777 [user #3071] - commento del 17/06/2017 ore 13:03:58
complimenti bell'articolo, per la prossima puntata di 'le ibanez strane di paul' suggerirei un approfondimento sulla ibba rossa a 3 humbucker di intense rock2......che godimento, gli anni dei videotape di starlick e reh video, ricordo che nelle intro c'era una carrellata di presentazione con di altri video didattici e c'era davvero da gioire.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Maniaci Ibanez
Parola d'ordine: integrazione
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964