HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Tanti groove in un solo groove
Tanti groove in un solo groove
di [user #45156] - pubblicato il

Batteria. Ispirandoci al playing di batteristi come Virgil Donati, Simon Phillips, Tomas Haake analizziamo nuove applicazioni del concetto di modulazione metrica per creare suggestive illusioni ritmiche. In pratica, una maniera per creiamo differenti groove all’interno del groove!
Torniamo ad affrontare il concetto di modulazione metrica o  RME – Rhythmic Modulation Effect  che offre la possibilità di creare illusioni ritmiche modificando la posizione di hi-hat e rullante rispetto al nostro beat, mantenendo però invariata la nostra pulsazione di partenza. Virgil Donati (Planet X), Simon Phillips (Toto, Protocol)  e Tomas Haake  (Meshuggah) sono ottimi riferimenti d'ascolto batteristici per ottimizzare questi studi e capirne le tante applicazioni.

Tanti groove in un solo groove

In questa lezione, a differenza della precedente dedicata a questo argomento, il Rhythmic Modulation Effect, abbiamo deciso di lavorare su di un groove in base ternaria. Per la precisone, suoneremo con la cassa figure di terzine di ottavi nella loro forma più classica (RLR-LRL). Andremo quindi a modulare le posizioni dei nostri arti superiori mantenendo però invariato il nostro pattern di cassa.
Iniziamo prendendo dimestichezza con il nostro groove nella sua forma base. Per lavorare meglio sugli unisoni cassa/piatto ho inserito un ostinato con la mano DX in terzine di ottavi. Prestate attenzione alla precisione dei colpi, alla dinamica fra piede DX e piede SX e al relax generale:

Tanti groove in un solo groove

Andiamo ora a modificare il nostro ostinato di piatto inserendo una pausa di 1/8 ogni quattro note. In questo modo è come se la nostra figura fosse composta da 4/8, di cui suoneremo però soltanto i primi 3/8. Si creerà così un poliritmo di “4 nel 3” ed il groove inizierà ad avere una sua particolare musicalità:

Tanti groove in un solo groove

Ora rendiamo il tutto più interessante e adattiamo il rullante alla modulazione del nostro piatto suonandolo sulla prima nota del nostro ostinato ora composto da quattro ottavi.

Tanti groove in un solo groove

Per far rendere al meglio il nostro effetto metrico ricorriamo a questo espediente tecnico: suoniamo il rullante soltanto su determinate figure, ovvero la seconda, quarta e sesta di 4/8:

Tanti groove in un solo groove

A questo punto avremo la percezione di eseguire un groove in forma binaria ma in realtà il nostro beat sarà sempre quello di partenza!
Per rendervi meglio conto dell’effetto che si crea provate a passare da un groove all’altro senza fermarvi e con l’ausilio del metronomo:

Tanti groove in un solo groove

Ecco quindi ottenuto un Rhythmic Modulation Effect. Consiglio di studiare l’esercizio lentamente, sempre con l'ausilio del metronomo ed in posizione Heel Down (tallone giù). Con questi accorgimenti si avrà modo di assimilare e capire al meglio la struttura.
Non appena l’esercizio inizierà a diventare più naturale e ci sentiremo più a nostro agio, portiamo i piedi in posizione Heel Up (tallone su) e iniziamo gradualmente a incrementare la velocità del metronomo.

lezioni di batteria
Link utili
La pagina di Paolo Caridi
Altro da leggere
Pubblicità
Le origini di Marco Minnemann...
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16...
Linear: personalità e creatività...
Movimenti paralleli: Buddy Rich, Virgil Donati e Mike...
Pubblicità
Movimenti paralleli: tecnica e tanto studio...
Un groove alla Minnemann...
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo...
Cesareo: mai fidarsi del batterista...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani....
Doppia cassa & modulazioni metriche...
Doppia cassa: terzine & "Three Stroke Ruff"...
Shuffle in doppia cassa...
IceFish: la nuova band di Marco Sfogli e Virgil Donati...
Quel batterista metal che ha studiato jazz e ascolta Sting...
Virgil Donati: mai farsi fuorviare dalle opinioni altrui...
Commenti
di Claes [user #29011] - commento del 06/07/2017 ore 18:58:32
Che bello questo articolo! E che bravo Caridi :) Devo studiarlo, ha una sua pagina. Io sono un fan di Michi dei Rossi e Franz di Cioccio - degno erede! Adesso ci sono gli spartiti / loop di partenza dell'articolo per cui basta (!) programmare su DAW nota-per-nota coi mattoni Lego lavorando a casa. Difficile! I batteristi saranno invece divertiti.
Rispondi
di PaoloCaridi [user #45156] - commento del 11/07/2017 ore 22:41:28
Grazie mille!!! :)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Intervista a Ozzy Osbourne: il Principe dell'Oscurità suona l'armonica
Corrado Rustici e i Cervello
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964