HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
iLiveMusic: il manager per i tuoi concerti a portata di smartphone
iLiveMusic: il manager per i tuoi concerti a portata di smartphone
advertorial | di [user #3672] - pubblicato il

Un'applicazione gratuita per iOS e Android mette in contatto diretto organizzatori di eventi e artisti in cerca di un ingaggio. Motore di ricerca per locali, band, sale prova, scuole e negozi di musica, iLiveMusic ha tutti i numeri per diventare un riferimento nel mondo della musica dal vivo.
Secondo la SIAE, ogni anno si svolgono 400mila eventi di musica dal vivo. Non sono numeri da poco, eppure non è affatto facile per musicisti e gestori di locali organizzare un calendario soddisfacente per sé e per il rispettivo pubblico. Primo servizio virtuale per mettere in contatto diretto la domanda e l'offerta del mondo della musica live, senza intermediari, iLiveMusic promette di rivoluzionare il modo di organizzare concerti.

L'applicazione, gratuita e disponibile per sistemi iOS e Android, è la risposta musicale a realtà consolidate come Uber e si pone nella stessa dimensione della sharing economy che ha generato fenomeni come JustEat, AirBnb e il concetto di crowdfunding.
Lo scopo di iLiveMusic è mettere in comunicazione organizzatori di eventi e artisti, da una parte locali o privati intenzionati a ospitare un evento di musica dal vivo, dall'altra le band, i musicisti e i DJ in cerca di un ingaggio.

iLiveMusic: il manager per i tuoi concerti a portata di smartphone

Una volta creato un account, ognuno ha a disposizione degli strumenti con cui filtrare le offerte più adatte al proprio target. I musicisti possono cercare le location realmente interessate al loro genere e a farli suonare. Da parte loro, i gestori delle venue stabiliscono da subito il tipo di pubblico a cui si rivolgono, le date per le quali sono in cerca di eventi e il cachet offerto. Tutto avviene nella massima trasparenza. Dopo il contatto al locale, la band ha una semplice risposta affermativa o negativa, e da lì l'affare si conclude nella vita reale.
Un'interfaccia intuitiva basata sulla geolocalizzazione dell'utente e su motori di ricerca di facile impostazione permette di focalizzarsi su obiettivi concreti: niente più giri a vuoto per i locali della provincia in cerca di date, accordi poco chiari e demo seminate ai direttori artistici di turno. Sarà l'account a parlare per l'artista.

Grazie a una serie di partnership con festival e concorsi, i musicisti hanno inoltre un filo diretto con organizzazioni a livello nazionale e possono candidarsi a selezioni come quella per il Mengo Music Fest di Arezzo o Area Sanremo 2017, e nuove collaborazioni promettono di delinearsi in futuro.
Non mancano gli spunti per il divertimento, come il gioco Gratta E Bevi, promosso in occasione del Mengo Music Fest.

iLiveMusic: il manager per i tuoi concerti a portata di smartphone

iLiveMusic punta a diventare un riferimento anche per il pubblico, che sulla app può individuare gli eventi più vicini e in linea coi propri gusti, conoscere nuovi locali e trovare negozi di strumenti musicali, scuole di musica e sale prova.
Giovane iniziativa tutta italiana, iLiveMusic è già una realtà in rapida espansione, che ha tutte le carte in regola per diventare l'app di riferimento per chi fa musica dal vivo.

È possibile scaricarla gratuitamente su App Store per dispositivi Apple con iOS o su Google Play per smartphone con sistemi Android.
Approfondimenti e aggiornamenti sono sul sito ufficiale a questo link e sulla pagina Facebook a questo indirizzo.
android concerti eventi ilivemusic ios musica e lavoro software
Link utili
Scarica iLiveMusic dall'App Store
Scarica iLiveMusic da Google Play
Sito ufficiale iLiveMusic
iLiveMusic su Facebook
Altro da leggere
Pubblicità
L'ologramma di Frank Zappa va in tour...
Schecter cerca te per la Extreme Legacy...
Al via i corsi autunnali Prase Learning Tools...
Gene Simmons e Ace Frehley insieme per le...
Pubblicità
Commenti
di svizzero [user #4516] - commento del 13/07/2017 ore 09:55:34
Ho provato l'applicazione più volte e l'ho trovata abbastanza inutile. Forse può essere utile ai DJ...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Curiosità
Così nascono le chitarre Martin
Ola Englund molla Washburn per un ottimo motivo
Il più grande insegnamento di Rudy Rotta
Dischi e recensioni
A&R e case discografiche: il complesso lavoro dell'Artist & Repertoire
Angolo DIY
Thinline di recupero homemade al 100%
Interviste
Sebo Xotta e la chitarra muccata
Osvaldo Di Dio: nel blues anche un errore può essere bello
Jeff Loomis: Jason Becker e il suo vibrato
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964