HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il KHDK Abyss simula la doppia amplificazione per definizione e aggressività
Il KHDK Abyss simula la doppia amplificazione per definizione e aggressività
di [user #116] - pubblicato il

Unire l'intelligibilità del segnale pulito all'aggressività di un overdrive dal gain abbondante è il desiderio di molti bassisti. L'Abyss sfrutta un circuito bi-amplificato per trattare due tracce parallele che si ricongiungono all'uscita, con un approccio innovativo rispetto al comune controllo di mix.
La progettazione di un distorsore per basso che sia appetibile ai musicisti di stampo moderno richiede degli accorgimenti tutt'altro che scontati. Un equilibrio tra la definizione delle note e una buona saturazione non è facile da raggiungere, soprattutto finché ci si rivolge a stompbox di taglio tradizionale, presi in prestito dal mercato della chitarra elettrica o ispirati ai classici del vintage.
La perdita di bassi e di messa a fuoco sulle note singole che si riscontra con molti circuiti convenzionali ha portato diversi costruttori a integrare degli utili controlli di mix nei loro pedali, potenziometri in grado di ripristinare una parte di segnale pulito nel suono finale alla ricerca di quell'equilibrio. Secondo KHDK, però, si tratta per lo più di un compromesso non ottimale, e per questo ha messo a punto un concetto inedito per la categoria. L'Abyss Bass Overdrive non si limita a ricercare uno sweet spot nella corsa di un potenziometri di mix, ma lavora in maniera parallela su due segnali, uno pulito e uno distorto, e consente al musicista di dosare i livelli di entrambi a piacimento, fino a trovare l'effetto desiderato.

Il KHDK Abyss simula la doppia amplificazione per definizione e aggressività

Il marchio di Kirk Hammett si dimostra ancora una volta attento alle innovazioni, pur partendo da sound classici. Stavolta la mente del pedale è David Karon, bassista dei The Damned Things e cofondatore di KHDK insieme al chitarrista dei Metallica. L'idea dell'Abyss parte da lui e dalla necessità di poter contare anche dal vivo su suoni distorti convincenti e presenti, grossi il giusto e mai confusi.
Per ottenere toni simili, alcuni bassisti appassionati di suoni distorti sono soliti adottare due rig paralleli. Un amplificatore è tenuto sempre pulito, per conservare definizione e profondità sulle basse, mentre un secondo amplificatore in saturazione spinge la gamma media e aggiunge mordente.
Sull'Abyss, i controlli separati di Clean e Dirty hanno proprio il compito di emulare il comportamento di un sistema del genere, dove segnali indipendenti vengono dosati a piacimento senza il compromesso di un unico controllo di Mix come accade su altri distorsori per basso.
L'Abyss si basa su un sistema di bi-amplificazione con due circuiti. Uno è riservato al pulito, l'altro alla saturazione. I due segnali, trattati in maniera individuale all'interno del pedale, si ricongiungono all'uscita.

Con quattro manopole, l'interfaccia resta comunque immediata per l'utilizzatore.
Treble è un filtro passivo che attenua le frequenze più acuti per tenere a bada i suoni troppo frizzanti e promette un ampio raggio d'azione, per toni morbidi e vintage fino a parti taglienti e ricche d'attacco.
Gain gestisce la saturazione, la compressione e il sustain, e assicura di coprire campi particolarmente ampi grazie all'integrazione dello switch Lo Hi. Posto al centro dei quattro potenziometri, questo modella la natura della distorsione, per passare da sonorità in stile valvolare, più improntate sui medi e dal gain relativamente contenuto, a territori più moderni e aggressivi, con bassi più presenti e maggior compressione.

Alessandro Venturella degli Slipknot ne dà un rapido assaggio. Nel video ufficiale appena pubblicato da KHDK non viene mostrato come i controlli interagiscano col suono, ma arriva in maniera piuttosto chiara il carattere dell'Abyss, tenuto in serbo per il Namm estivo e presto sul mercato.
Nell'attesa di vederlo in azione in maniera più approfondita, potete consultare la scheda tecnica e conoscere la storia dell'Abyss sul sito ufficiale a questo link.

abyss bass overdrive effetti e processori khdk
Link utili
Abyss sul sito KHDK
Altro da leggere
Pubblicità
RV500: testato il super riverbero...
Nemphasis: il made in Italy nei negozi con...
La Boutique Di Osvaldo: Cornerstone Antique...
Formula B Vintage-Vibe: testato l'Uni-Vibe...
Pubblicità
Commenti
di ciun [user #15167] - commento del 10/07/2017 ore 10:19:41
Mi sembra che una cosa del genere sia utilizzata sul Sexydrive MkII di Gurus, fra gli stompboxes per chitarra.
Rispondi
di Chicco_Gurus_Amps [user #41095] - commento del 29/08/2017 ore 17:41:45
Corretto.. si tratta di un vero mixer con un buffer in ingresso e due in uscita..
Comunque il Sexydrive MkII è utilizzabile anche per basso.. addirittura c'è gente che lo usa fra Hammond e Leslie.....
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964