HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La saturazione, l'ingrediente indispensabile nell'era digitale
La saturazione, l'ingrediente indispensabile nell'era digitale
di [user #45705] - pubblicato il

Con l'avvento della registrazione digitale e del mix sempre più ITB (In The Box, cioè all'interno del computer), ben presto ci si è resi conto della mancanza di qualcosa, del così detto calore delle macchine analogiche. Ma di cosa si tratta veramente?
Saturazione: valvole, circuiti integrati e nastro magnetico

Le macchine del passato utilizzavano diverse tecnologie per trattare il segnale audio, come ad esempio le valvole, gli operazionali e i circuiti integrati, ognuno con delle caratteristiche proprie che introducevano distorsione armonica al segnale audio in transito. Ogni stadio in cui transitava il segnale (il preamplificatore, il compressore, l'eq, ecc.) aggiungeva qualcosa che lo trasformava. Dopo questo primo passaggio, si registrava tutto su nastro magnetico, dove ancora venivano aggiunte armoniche derivanti da tutta la circuitazione della macchina, dalla testina di scrittura e dal nastro stesso, compresa la compressione caratteristica di questa tecnologia.
Per mixare tutta la parte registrata poi, si doveva ripassare dal banco e dai processori esterni, per poi finire su nastro un'altra volta per il Master finale.
Oggi tutti questi passaggi si sono persi e si è ormai soliti registrare subito dopo il preamplificatore che, se non è un modello intenzionalmente colorato, aggiunge ben poco al segnale originale. Per fortuna abbiamo a disposizione diversi tools da utilizzare per recuperare il calore perduto.

La saturazione, l'ingrediente indispensabile nell'era digitale

Distortion, Virtual Console Emulation e Tape Saturation

I produttori dei nostri amati plugins si sono quasi subito resi conto di quello che i Mixer Engineers cercavano e ben presto siamo stati invasi da emulazioni di tutti i generi. Tra le prime apparse sul mercato possiamo trovare l' Analog Channel AC101 e AC202 (rispettivamente emulazione di amplificazione in classe A e nastro magnetico) di McDSP e il Crane Song Phoenix, arrivato alla versione 2, al tempo disponibili solo per Pro Tools. Ora invece possiamo contare su tantissimi prodotti diversi, alcuni anche gratuiti. Tra gli ultimi arrivati una menzione particolare va al Console Shaper di Presonus Studio One, sistema integrato all'interno della DAW americana che simula egregiamente il crosstalk tra i canali del mixer virtuale oltre al colore di varie console analogiche.

Qui sotto potete trovare un elenco dei più famosi ed utilizzati plugin di saturazione:

Free Plugins Commercial Plugins La saturazione, l'ingrediente indispensabile nell'era digitale

Come utilizzare i plugin di saturazione


Possiamo utilizzare questi plugin di saturazione in modalità classica, cioè cercando di emulare la catena analogica: inserire un Tape Emulator come primo plugin, seguito da un plugin che simula l'ingresso in un canale del mixer analogico e aprire sul Master Bus, ed eventualmente su tutti i Bus, un altro plugin che simuli lo stadio finale della somma analogica, come consigliato da molti produttori di plugin.
In alternativa si può utilizzare un qualsiasi plugin di saturazione per distorcere, in modo velato o esagerato, qualsiasi segnale, come la cassa e il rullante, che acquistano corpo e presenza, il basso, synth e tastiere, voci, ecc. Provate a duplicare la traccia e distorcerla pesantemente per poi mixarla con il segnale originale, per ottenere il meglio dei due mondi. Potete utilizzare uno dei plugin elencati o qualsiasi saturatore in bundle con la vostra DAW, come gli ottimi Lo-Fi e SansAmp PSA-1 di Avid Pro Tools.
Come sempre non ci sono regole precise e il risultato è quello che conta.
Buon mix a tutti!
 
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Corrado Rustici e i Cervello...
Guild OM240E fatta per essere suonata...
Gretsch testa le Vintage Select...
Ola Englund molla Washburn per un ottimo...
Pubblicità
Commenti
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 10/07/2017 ore 11:10:47
Bell'articolo!
Ottimo!
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705] - commento del 10/07/2017 ore 12:01:12
Grazie Pearly Gates! Come al solito spero che sia utile :)
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 10/07/2017 ore 16:56:38
Si è utile.
C'è chi usa Revox senza nastro per colorare il suono.
Ci sono chitarristi famosi che usano il delay echoplex distattivando il delay solo per il suono che il preamp dell'ep 3 infatti Xotic e Dunlop fanno entrambi pedali che in teoria emulano il suono del preamp dell' ep3.
Ultima curiosià, un italiano che ora vive negli USA ha resuscitato il schaffer Vega che era un trasmettitore senza filo per la chitarra uno dei primi usato da tantissimi chitarristi famosi al tempo,tra tutti Angus Young.
Lui l'ha rifatto ma solo la parte preamp senza trasmettitore solo per il suono che aveva come colarazione e leggera compressione.
Angus Young e Joe Perry possiedono la sua riedizione odierna.
E' molto costoso per quello che fa.
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705] - commento del 11/07/2017 ore 18:11:45
Ottime dritte!
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 11/07/2017 ore 18:32:14
Eric johnson jimmy page e anche van halen usano o usavano l'echoplex come booster
vai al link
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Yamaha NS-10: i primi nearfield studio monitors
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
Come equalizzare la voce
L'equalizzatore: che cos'è e come funziona
Back To Basic: cos'è e come funziona il Compressore
Plugin of the week
Plugin Of The Week - Sonimus SonEQ FREE
Soundtoys EchoBoy Jr. Plugin Of The Week
Waves Renaissance Compressor Plugin Of The Week
Eventide H910 Harmonizer Plugin Of The Week
Klanghelm IVGI Saturation & Distortion Plugin Of The Week
Waves SSL G-Master Buss Compressor Plugin Of The Week
Kush Audio Clariphonic DSP MkII Plugin of The Week
Slate Digital VerbSuite Classics Plugin Of The Week
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964