HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
L'alimentazione dei pedali conta davvero?
di [user #39871] - pubblicato il (Modificato) 

L'alimentazione dei pedali è poco importante! Alimentare i pedali nel modo migliore li fa suonare meglio! Io uso la daisy chain e non ho mai avuto un problema! Se non li alimenti bene producono un sacco di ronzii!
Si va bene, ma chi ha ragione? 
Oggi non vi parlerò dei modi per alimentare una pedaliera, neanche del funzionamento di un alimentatore. Oggi vi parlo di una mia esperienza personale e delle mie impressioni riguardo l'alimentazione di pedali.

Dopo circa un anno da quando iniziai a suonare, decisi di comprare un secondo pedale. A questo punto non sapendo come alimentare insieme i miei due pedali, decisi di fare un salto in un negozio molto famoso dalle mie parti dove mi consigliò di comprare un alimentatore singolo capace di erogare molti Ampere, in aggiunta alla famosissima daisy chain. Da quel giorno sono passati circa 5 anni e nonostante la mia pedaliera sia cresciuta fino ad 8/9 pedali, non ho mai avuto nessun problema, nessun fischio strano e i pedali funzionavano come dovevano funzionare. Ovviamente attivando fuzz e overdrive o alzando il volume dell'ampli si sentiva il solito rumore di fondo, poi considerando che uso una Strato con 3 single coil non schermata benissimo allora ci può stare... alla fine è una cosa normalissima.
L'altro ieri, dopo aver messo da parte un po' di soldi, mi sono chiesto se era l'ora di fare l'azzardo di comprare un alimentatore in grado di alimentare tutta la mia pedaliera alimentando ogni pedale in modo isolato l'uno dall'altro. Questa decisione non è scaturita da particolari rumori di fondo, né da pedali che non suonavano a dovere. Avendo studiato un po' l'argomento mi sono chiesto se fosse vero che alimentando in modo migliore i pedali questi suonino davvero meglio.
Mi studio meglio il vattaggio, la polarità e gli ampere necessari della pedaliera e il giorno dopo mi decido e, con l'aiuto del commesso, compro l'Hot Stone Deluxe della Decibel Eleven, un alimentatore non proprio cheap... 
Dopo le dovute accortezze, cablo tutto, accendo l'ampli, connetto l'alimentatore alla corrente attacco la chitarra e.... non suona -.- 
Faccio un check di ogni pedale e mi rendo conto che il Ce-2 necessita di un'uscita con un amperaggio maggiore. Messo tutto a posto, suono per una mezzora buona e mi rendo conto che i miei pedali non avevano mai suonato così bene. Il suono, anche in distorsione è definito e con una pasta sonora di gran lunga migliore di prima. Per non parlare del piccolo rumore di fondo che c'era prima. Ora, anche ad alti volumi, nessun ronzio di nessun genere, neanche attaccando il muff (sempre con i single coil!).

Quindi è davvero vero che pedali alimentati nel modo migliore suonano meglio? Si, dopo aver provato sono proprio convinto che sia così. 
Forse la spesa è un po' eccessiva, ma il miglioramento sonoro c'è eccome!
Dello stesso autore
Amperaggio pedali per alimentatore...
Amplificatore pulsante depth...
Effetti per Acustica?...
Aiuto! Rumore Stratocaster: problema di...
Qualcuno mi spiega il MIDI?...
Fender Stratocaster American Standard ?...
Commenti
di SilverStrumentiMusicali [user #36241] - commento del 10/07/2017 ore 16:44:27
Dipende dai pedali. Ci sono pedali sensibili all'alimentazione e pedali meno sensibili. Molto sensibili ad un'alimentazione poco stabile sono, ad esempio, pedali che hanno componenti che hanno bisogno di un voltaggio più o meno preciso per funzionare (transistor, fet). In base al tipo di componente e al voltaggio quello stesso componente può suonare in maniera differente (gradualmente male fino a suonare una vera schifezza). Certamente la batteria alcalina o meno nel FUZZFACE è una grande sega mentale. Alcuni PHASER, RIVERBERI e particolari OVERDRIVE possono soffrire per un'alimentazione non particolarmente pulita.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/07/2017 ore 09:53:25
"Certamente la batteria alcalina o meno nel FUZZFACE è una grande sega mentale"
Dissento totalmente e come direbbe Cescos questo è un FATTO!.

Se intendi a parità di batteria carica posso darti ragione, per il resto no, verificato io stesso sia su un '69 che su un Vox TB del '67 con batterie zinco carbone usate e su questo c'è una cospicua biografia in rete.

Tra l'altro l'alimentatore di Stewe15 ha due uscite con voltaggio variabile proprio per questo tipo di utilizzo, che poi non funzioni bene su ogni pedale su questo ti do ragione, ma se con taluni effetti si hanno dei benefici con l'aumento di tensione perchè non possono esserci altri benefici su altri effetti con una riduzione della tensione? Anche sugli OD si hanno dei benifici alimentandoli a meno di 9V, bisogna solo vedere se questo effetto è voluto e ricercato, ad esempio ho un clone rangemaster con una grandissima riserva di volume che alimentandolo a meno di 9V si riesce a controllare meglio e la risposta in distorsione risulta più "marcia".
Il comportamento in fase di scarica tra le batterie alcaline e ZC ed alcaline te lo risparmio ne saprai pù di me, occhio però a non confondere le zinco carbone con le heavy duty che sono le zinco chloride queste si avvicinano come comportamento alle alcaline.
vai al link
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali [user #36241] - commento del 11/07/2017 ore 10:07:00
Si, insomma... la gente che dice "non ci mettere la Duracell che suona uno schifo!" :D
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/07/2017 ore 10:45:41
Ecco ovvio questi sono discorsi senza senso
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali [user #36241] - commento del 11/07/2017 ore 10:48:17
Certo... uno nel dubbio dice "Mah... fammela mettere non Duracell sta batteria. Costa pure di meno.". Ma come dici tu al principio è na cosa senza senso.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 10/07/2017 ore 16:55:35
Normale: un buon sistema di alimentazione e' alla base del buon funzionamento dei pedali e delle apparecchiature in genere.
Ci sono pedali come gli overdrive che diventano piu' performanti se sovralimentati ma la base deve essere sempre quella di un'alimentazione pulita, ben filtrata
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 10/07/2017 ore 17:37:12
Mi sono costruito due anni fa un piccolo display che si collega come se fosse un pedale e mostra il voltaggio in ingresso. Quando l'alimentazione è insufficiente per la legge di Ohm i volt diminuiscono: un pedale che chiede 300mA li avrà comunque, ma invece che a 9V li avrà per esempio a 8.5. Un trasformatore con una certa potenza, diciamo 2A a 9V, può permettersi di essere tarato a 9.0 mentre uno meno potente diciamo 500mA potrebbe essere tarato per erogare 9.2V. Alla fine ciò che conta è se il pedale riesce a ricevere il voltaggio corretto. Lasciando da parte considerazioni sui filtri per eliminare il ripple quando un pedale riceve la sua alimentazione è del tutto irrilevante come questa sia stata generata. Piuttosto Isolare galvanicamente alcuni pedali risolve il problema dei loop di massa (ground loop) ma questo può non essere necessario . Alimento una pedaliera importante da 15-17 pedali di cui oltre la metà digitali con due daisy chain di cui una OneSpot. Non si sente un rumore e sembra spenta da accesa. Se un pedale riceve 9V suona uguale identico indipendentemente dell'alimentatore. Ripple e ground loops a parte. I OneSpot filtrano molto bene i ripple, molto meglio dei boss. Il resto sono fantasie, per me.
Rispondi
di Stewe15 [user #39871] - commento del 10/07/2017 ore 17:49:26
Può darsi che sia solo una mia impressione, ma sia con i pedali attivi che sul clean sento un suono più pulito in termini di definizione sonora, non di gain o distorsione.
Rispondi
di fabiojay [user #20826] - commento del 10/07/2017 ore 18:08:54
io in pedaliera uso 4/5 pedali e li alimento con 1spot e daisychain. Tempo fa ho comprato un'altro alimentatore 1spot identico per usarlo in casa con altri pedali sfusi, però quando attacco questo il rumore di fondo è assordante. Quindi l'alimentazione fa la differenza... se trovi un alimentatore economico che va, sei fortunato. Però nel tempo ho capito che risparmiare su alimentatori e cavi è davvero improduttivo
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172] - commento del 11/07/2017 ore 09:21:58
Il grande problema è tanto nel tipo di alimentatore, quanto nel quantitativo di loop di massa che si creano: con una daisy chain ce ne sono a bizzeffe (e teoricamente sarebbero eliminabili), mentre con un alimentatore a uscite isolate sono già eliminati in partenza, annullando qualsiasi rumore indesiderato. La qualità dello stesso incide inoltre sulla qualità del suono generale.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 11/07/2017 ore 20:18:05
parole sante.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/07/2017 ore 10:04:45
Ottimo alimentatore, ero indeciso se prenderlo anch'io poi ho trovato usato (praticamente nuovo) un Cioks DC10 a meno dell'Hot Stone, altrimenti avrei scelto il tuo che con delle features aggiuntive viene a costare tra i 30 ed i 50 Euro in meno.
Anch'io con 1Spot mi son sempre trovato bene, però poi mi serviva l'alimentarore da 24V per l'Echo, quello a polarità invertità per il Boost, la pila per il Fuzz, doppia daisy chain, un marasma di cavi, alla fine ho ceduto anche per questo.
Certo che qualità dell'alimentazione, ordine, pulizia e riduzione cablaggi offrono sicuramente dei vantaggi.
Non per andare OT ma anche sui cavi di potenza degli ampli c'è un mondo che a volte sfocia anche nel ridicolo con cavi da 200-300Euro.
Rispondi
di aghiasophia [user #35493] - commento del 11/07/2017 ore 11:28:4
Esperienza personale: stando 'dentro' l'amperaggio dei vari 1spot o boss psa, con le annesse daisy chain, non ho mai riscontrato particolari problemi. Anche nel confronto con alimentatori tipo quello descritto o altri citati, onestamente, non mi è parso di aver toccato con mano nulla di miracoloso. è chiaro che se poi si devono alimentare tre delay e due pedali reverb la situazione, così come l'esigenza, cambia radicalmente.
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186] - commento del 14/07/2017 ore 15:07:35
Nel mio piccolo, sono passato da un alimentatore switching e daisy chain e mille problemi ad un economicissimo alimentatore della Fame (la sottomarca di Music Store), funziona tutto a meraviglia e senza i rumori precedentemente avuti, ed ho pure aumentato i pedali (8 al momento).
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Le vostre esibizioni
Happy 2017!!
Rockabye!!...anche se non molto rock... :)
I'm On Fire
Capriccio n. 20 con GKG R36
Breve impro su "How Insensitive"...
di luvi
I vostri articoli
Trasformare la chitarra in una lap steel
Suhr Badger 35
di aleZ
Un ampli AS 18 watt artigianale trasformato
Koch Amps 63'OD Preamp
di elle
Cinque miti sulle Fender vintage sbugiardati
I compleanni di oggi
andesca
acufene
giulio77
grampone
Caste
BigCigar
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964